Beato Enrico Suso

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Beato Enrico Suso, O.P.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
Beato

38675.JPG

Beato Enrico Suso con il monogramma IHS inciso sul petto, Zurbaran 1640 ca.
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 70 anni
Nascita Costanza
1296
Morte Ulm
25 gennaio 1366
Sepoltura
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 1312
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal {{{elevato}}}
Patriarca dal {{{patriarca}}}
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerata da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 1831, da Gregorio XVI
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 25 gennaio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 25 gennaio, n. 10:
« A Ulm nella Svevia in Germania, beato Enrico Suso, sacerdote dell’Ordine dei Predicatori, che sopportò pazientemente innumerevoli difficoltà e malattie, scrisse un trattato sull’eterna sapienza e predicò con assiduità il nome di Gesù. »
(Santo di venerazione particolare o locale)
Beato Enrico Suso, conosciuto anche come Enrico Susone (Costanza, 1296; † Ulm, 25 gennaio 1366), è stata una presbitero, teologo e mistico tedesco dell'ordine domenicano.

Biografia

Entrato molto giovane nell'ordine dei domenicani, fu per qualche tempo discepolo di Meister Eckhart presso lo Studio Generale di Colonia. Successivamente si trasferì a Costanza dove ebbe l'incarico dell'insegnamento teologico.

Quando nel 1329 la Chiesa condannò Eckhart per le sue dottrine, Suso lo difese apertamente, e questo gli costò la rimozione dal suo incarico di docente. Dovette discolparsi davanti ad un capitolo dell'Ordine Domenicano ad Anversa nel 1327.

Libero dall'insegnamento scolastico, si dedicò alla predicazione e alla direzione spirituale, e fu in questo molto apprezzato dai suoi contemporanei.

Nel 1348 dovette trasferirsi ad Ulma, dove rimase fino alla morte, avvenuta nel 1366.

Opere

Le opere di Suso furono scritte in gran parte in tedesco, e raccolte in un unico volume dal titolo Exemplar, che comprende:

  • Vita (un'autobiografia)
  • Libretto dell'eterna sapienza
  • Libretto della Verità
  • Piccolo libro delle lettere

Altri scritti furono composti in latino:

  • Horologium aeternae sapientiae
  • Cursus de aeterna sapientia

Pensiero

L'itinerario della spiritualità così come la intende Suso è ben delineato nell'opera Vita. Si compone di tre gradi successivi:

La rinascita spirituale è il riflesso della generazione del Figlio dal Padre. La rinascita è dunque per l'uomo una sorta di divinizzazione, rappresentata da un inabissarsi totale in Dio, un'unione dell'essenza dell'anima con l'essenza di Dio[3].

La comunione con Dio in questa vita non ha però nessuna garanzia di indissolubilità. Il teologo insiste sul peccato che rimane nell'uomo anche se elevato allo stato di unione, e sull'umiltà, necessaria specialmente a chi non è ancora giunto all'intima comunione con Dio.

Contesto storico

Quando Suso compose i suoi scritti di spiritualità, erano molto attivi movimenti pseudo-mistici a sfondo panteistico: Suso si rivolge in particolare si rivolge contro i fratelli e le sorelle del libero spirito, un movimento che riteneva l'uomo perfetto e libero da ogni forma di peccato. Questo e altri movimenti insegnavano che l'uomo è incorruttibile dal peccato e capace di salvarsi da solo. Essi puntavano all'autoaffermazione dell'uomo, che era per questo libero da ogni obbligo religioso poiché partecipe dell'immutabilità e impeccabilità di Dio. Per questo l'opera di Suso è molto importante nella storia della spiritualità medioevale[4].

Note
  1. In tedesco: Gelassenes Mensch.
  2. Suso definisce questa trasformazione "il ritorno dell'uomo al suo eterno esemplare".
  3. Poiché il teologo non riesce a definire in termini razionali questo inabissamento in Dio, egli lo indica con il termine "Nulla", o meglio "L'eterno Nulla".
  4. Philip Strauch definì Suso "Un cantore della mistica tedesca, ultimo poeta dell'alto medioevo tedesco".
Bibliografia
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.