Papa Benedetto XIV

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Benedetto XIV
C o a Bennedetto XIV.svg
Papa
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Prospero Lorenzo Lambertini
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Benoit XIV.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 83 anni
Nascita Bologna
31 marzo 1675
Morte Roma
3 maggio 1758
Sepoltura Basilica di San Pietro in Vaticano
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale luglio 1724
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione arcivescovile {{{C}}}
Consacrazione arcivescovile 16 luglio 1724 da papa Benedetto XIII
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal {{{elevato}}}
Patriarca dal {{{patriarca}}}
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
30 aprile 1728 da Benedetto XIII (9 dicembre 1726 in pectore) (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
prima dell'elezione
Arcivescovo di Ancona e Numana
Arcivescovo di Bologna
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
247° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
17 agosto 1740
Consacrazione 25 agosto 1740
Fine del
pontificato
3 maggio 1758
(per decesso)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore papa Clemente XII
Successore papa Clemente XIII
Extra Encicliche
Immagini
Anni di pontificato
Nomine Presbiteri Vescovi
Cardinali 64 creazioni in 7 concistori
Proclamazioni Venerabili Beati Santi
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi Giubileo del 1750
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
Dati su gcatholic.org
Dati su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Scheda su santiebeati.it
Papa Benedetto XIV, al secolo Prospero Lorenzo Lambertini (in latino: Benedictus XIV; Bologna, 31 marzo 1675; † Roma, 3 maggio 1758) è stato il 247° vescovo di Roma e papa italiano dal 1740 alla sua morte.

Biografia

Prospero Lorenzo Lambertini, figlio di Marcello e Lucrezia Bulgarini, apparteneva a una famiglia senatoria di Bologna, all'epoca la seconda città per grandezza dello Stato Pontificio.

Eminente canonista, prudente uomo politico, difese rigorosamente la dottrina della Chiesa, ma fu moderato ed equanime nei confronti del giansenismo. Fondamentale il suo appoggio al sapere scientifico, che difese e spesso incoraggiò con provvedimenti, finanziamenti e donazioni.

Venne eletto al soglio pontificio in un periodo di grandi tribolazioni, causate principalmente dalle dispute tra le nazioni cattoliche e il Papato. Papa Lambertini riuscì a rifiutare la maggior parte delle richieste degli stati nazionali di nominare i vescovi serbandone il diritto di nomina alla Chiesa. Per esempio egli fu in grado di appianare le dispute della Santa Sede con il Regno di Napoli, Regno di Sardegna, Spagna, Venezia e Austria.

Pontificato

Il conclave che lo elesse il 17 agosto 1740 era durato ben sei mesi. Sembra che Lambertini abbia detto ai cardinali: «Se desiderate eleggere un santo, scegliete Gotti; se volete eleggere uno statista, Aldrovandi (il cardinale Pompeo Marescotto-Aldrovandi); se invece volete un asino, eleggete me» (il papa era avvezzo ad usare questo linguaggio un po' gaudente, che usava abitualmente ma che gli era prontamente perdonato per la sua grandezza[1]). Ebbe un papato molto attivo, riformò l'educazione dei sacerdoti, il calendario delle festività della Chiesa e molte istituzioni ecclesiastiche. Nel 1741 emise la bolla papale "Immensa Pastorum principis" contro lo schiavismo nelle Americhe.

Prese posizione in merito a certe prassi usate nelle missioni in due bolle, Ex quo singulari (11 luglio 1742, riguardante la Cina) e Omnium solicitudinum (12 settembre 1744, riguardante l'India). In queste bolle rigettò la prassi di accomodamento nei confronti del paganesimo portata avanti da certi missionari, soprattutto gesuiti.[2]

Opere

Il 27 luglio 1752, papa Benedetto XIV, donò al vescovo di Cefalù Mons. Agatino Maria Riggio Statella, convenuto a Roma per la propria ordinazione episcopale, il corpo di San Prospero martire, affinché venisse venerato come Patrono della città di Catenanuova; fondata nel 1736 dal principe Andrea Giuseppe Riggio Statella, fratello del vescovo che ebbe in dono le reliquie del martire Prospero, prelevate dalle Catacombe di San Callisto di Roma.

Encicliche

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Elenco delle encicliche di Benedetto XIV.

Papa Benedetto XIV fu il primo a coniare questo termine per un suo documento. Durante il suo Pontificato scrisse diverse encicliche tra il 1740 e il 1757.

Aneddotica

Si narra che papa Benedetto XIV, quando era ancora Cardinale a Bologna, avesse un carattere allegro e gioviale pur attendendo agli affari della Chiesa bolognese con l'autorevolezza e talvolta la severità richieste dalla carica. Il commediografo Alfredo Testoni ne dà un simpatico ritratto nella sua commedia Il Cardinale Lambertini, portata con successo in teatro e sul grande schermo da Ermete Zacconi e successivamente da Gino Cervi.

« Dopo Marcello II, troppo presto tolto alla cristianità, nessun papa era salito al seggio di Roma che per ingegno e per prudenza fosse con Lambertini da paragonarsi. Trovò modo che per mantenere le ragioni, il miglior mezzo è il no irritare gli avversari. Egli fu papa quale il secolo voleva. Le controversie con Roma non furono più ostilità, ma discussioni, e l'incredulità che pur troppo andava serpendo tra le generazioni, in cospetto di un papa amabile e spiritoso s'arrestava »
(Botta, Storia d'Italia, libro XLI)
Monumento nella Basilica di San Pietro

Genealogia episcopale e successione apostolica

Cardinali creati da Benedetto XIV

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Concistori di Benedetto XIV.

Benedetto nominò 64 nuovi cardinali nel suo quasi ventennale pontificato, durante sette concistori[3].


Predecessore: Arcivescovo titolare di Teodosia Successore: Stemma arcivescovo.png
 ? 1724 - 1726  ? I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
 ? {{{data}}}  ?
Predecessore: Arcivescovo di Ancona e Numana Successore: Stemma vescovo.png
Giovanni Battista Bussi 20 gennaio 1727 - 30 aprile 1731 Bartolomeo Massei I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Bussi {{{data}}} Bartolomeo Massei
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Croce in Gerusalemme Successore: Stemma cardinale.png
Ulisse Giuseppe Gozzadini 30 aprile 1728 - 17 agosto 1740 Antonio Eugenio Visconti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ulisse Giuseppe Gozzadini {{{data}}} Antonio Eugenio Visconti
Predecessore: Arcivescovo di Bologna Successore: Stemma arcivescovo.png
Giacomo Boncompagni 30 aprile 1731 - 17 agosto 1740 Vincenzo Malvezzi Bonfioli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo Boncompagni {{{data}}} Vincenzo Malvezzi Bonfioli


Predecessore: Papa Successore: Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Clemente XII 17 agosto 1740 - 3 maggio 1758 Papa Clemente XIII I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Papa Clemente XII {{{data}}} Papa Clemente XIII
Note
  1. cf. Alessandra Dorina, Dizionario dei papi, Milano, SugarCo Edizioni, 1995
  2. Patrick Healy (1907).
  3. David M. Cheney, (EN) Pope Benedict XIV su catholic-hierarchy.org, David M. Cheney, 1996-2015. URL consultato il 7 giugno 2015
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.