Angelo Maria Querini

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Angelo Maria Querini, O.S.B.
Cardinale
Stemma cardinale.png
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
{{{motto}}}

Cardinal Querini.jpg

Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 74 anni
Nascita Venezia
30 marzo 1680
Morte Brescia
6 gennaio 1755
Sepoltura Duomo di Brescia
Conversione
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 24 marzo 1702
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo 22 novembre 1723 da Innocenzo XIII
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Roma, 30 novembre 1723 dal card. vescovo Francesco Barberini
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creato
Cardinale in pectore
9 dicembre 1726 da Benedetto XIII (vedi)
Pubblicato
Cardinale
26 novembre 1727 da Benedetto XIII (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 27 anni, 1 mese e 10 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato

Successione apostolica

Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Angelo Maria Querini o Quirini, al secolo Gerolamo (Venezia, 30 marzo 1680; † Brescia, 6 gennaio 1755) è stato un cardinale e arcivescovo italiano.

Biografia

Discendente della famiglia patrizia veneziana dei Querini, il più giovane dei tre figli di Paolo Querini e Cecilia Giustiniani. Fu battezzato nella parrocchia di Santa Maria Formosa con il nome di Girolamo. Il padre, lo zio paterno e il nonno materno erano procuratori di S. Marco. Anche il suo cognome è indicato come Querini.

Formazione e ministero sacerdotale

Entra ancora giovane tra i monaci benedettini ed è ordinato sacerdote il 24 marzo 1702. Professore di Sacra Scrittura nel suo monastero, 1705. Nel 1710 intraprese un viaggio educativo attraverso la Germania, i Paesi Bassi, l'Inghilterra e la Francia. Lettore di teologia nell'abbazia di San Crisogono di Zara, Dalmazia, Repubblica di Venezia. Si recò a Roma alla fine del 1714. Consultore della SS.CC. dell'Indice e dei Riti, 1714. Nominato abate del suo ordine a Firenze. Incaricato dal capitolo generale del suo ordine della compilazione degli Annali benedettini; a questo scopo si recò a Napoli nel 1716. A causa di diverse difficoltà, non gli fu permesso di pubblicare il primo volume. Membro della commissione per la revisione dei libri liturgici greci, 1718. Nel 1722 tornò a Venezia e scrisse una vita di San Benedetto.

Episcopato

Venne nominato arcivescovo di Corfù il 22 novembre 1723; consacrato il 30 novembre 1723 a Roma dal cardinale Francesco Barberini, assistito da Agostino Antonio Zacco (ch), vescovo di Treviso, e da Nicola Tedeschi (ch), arcivescovo titolare di Apamea. Gli fu concesso il pallio il 20 dicembre 1723. Si recò a Roma per la visita ad limina nel 1726.

Successivamente fu trasferito alla diocesi di Brescia con ritenzione del titolo arcivescovile e della sede bresciana dal 1728 fino all'anno della morte.

Cardinalato

Papa Benedetto XIII lo elevò al rango di cardinale in pectore nel concistoro del 9 dicembre 1726 pubblicato nel concistoro del 26 novembre 1727.

Ricevette il titolo cardinalizio di Sant'Agostino, poi nel 1728 quello di San Marco e tra il 1735 e il 1750 provvide al rifacimento in stile barocco della basilica titolare di San Marco.

Nel 1730 fu anche nominato prefetto della Biblioteca Vaticana.

Nel 1743 optò per il titolo di Santa Prassede.

Viene ricordato a Brescia soprattutto per l'erezione della biblioteca Queriniana all'interno del Palazzo Vescovile di Brescia, alla quale donò gran parte dei volumi della propria collezione privata, coltivata in particolare grazie ai fortunati acquisti del periodo di Corfù.

Querini è noto anche in Germania, per aver finanziato la costruzione della Cattedrale di Santa Edvige a Berlino.

Morte

Morì il 6 gennaio 1755, vittima di un incidente, a Brescia. Esposto e sepolto nel Duomo di Brescia, davanti all'altare maggiore. Sulla sua tomba c'è una breve iscrizione che egli stesso aveva composto.

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo di Corfù Successore: Arcbishoppallium.png
Augusto Antonio Zacco 1723 - 1727 Vincenzo Maria Mazzoleni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Augusto Antonio Zacco {{{data}}} Vincenzo Maria Mazzoleni
Predecessore: Arcivescovo di Brescia
Titolo personale
Successore: Arcbishoppallium.png
Fortunato Morosini
Vescovo
2 luglio 1727 - 6 gennaio 1755 Giovanni Molin
Vescovo
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fortunato Morosini
Vescovo
{{{data}}} Giovanni Molin
Vescovo
Predecessore: Cardinale presbitero di Sant'Agostino Successore: Kardinalcoa.png
Carlo Agostino Fabroni 1727 - 1728 Gregorio Selleri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Agostino Fabroni {{{data}}} Gregorio Selleri
Predecessore: Abate commendatario di Vangadizza Successore: Prepozyt.png
Pietro Priuli 22 gennaio 1728 - 6 gennaio 1755 - I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Priuli {{{data}}} -
Predecessore: Cardinale presbitero di San Marco
(Titolo presbiterale in commendam dall'11 marzo 1743)
Successore: Kardinalcoa.png
Pietro Priuli 1728 - 1755 Carlo Rezzonico I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Priuli {{{data}}} Carlo Rezzonico
Predecessore: Bibliotecario della Biblioteca Apostolica Vaticana Successore: Francesco rosselli e maestro dell'iliade medicea, san bernardo e gilberto di hoyland, sermones in canticorum ms. urb lat 93 f 8r.jpg
Benedetto Pamphilj 1730-1755 Domenico Silvio Passionei I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Benedetto Pamphilj {{{data}}} Domenico Silvio Passionei
Predecessore: Abate commendatario di Leno Successore: Prepozyt.png
Neri Maria Corsini 1º gennaio 1734 - 6 gennaio 1755 Marcantonio Lombardi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Neri Maria Corsini {{{data}}} Marcantonio Lombardi
Predecessore: Prefetto della Congregazione dell'Indice Successore: Coat of arms of the Vatican City.svg
Leandro di Porzia 1740-1755 Stefano Borgia I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Leandro di Porzia {{{data}}} Stefano Borgia
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore: Kardinalcoa.png
Luis Belluga y Moncada 1743 - 1755 Domenico Passionei I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luis Belluga y Moncada {{{data}}} Domenico Passionei
Fonti
Voci correlate
Collegamenti esterni