Basilica di Sant'Apollinare in Classe (Ravenna)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Basilica di Sant'Apollinare in Classe)
Basilica di Sant'Apollinare in Classe
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Ravenna BaS.ApollinareClasse.jpg
Ravenna, Basilica di Sant'Apollinare di Ravenna
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione Stemma Emilia Romagna


Regione ecclesiastica Emilia Romagna

Provincia Ravenna
Comune Stemma Ravenna
Località Classe
Diocesi Ravenna-Cervia
Religione Cattolica
Indirizzo Via Romea Sud, 224
Loc. Classe
48124 Ravenna (RA)
Telefono +39 0544 527308
Fax
Posta elettronica apollinare.ra@ravennantica.org
Sito web

[http:// Sito ufficiale]

Sito web 2
Proprietà Arcidiocesi di Ravenna-Cervia
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione basilicale
Dedicazione Sant'Apollinare di Ravenna
Vescovo
Fondatore sant'Ursicino vescovo, Giuliano Argentario
Data fondazione 533
Architetto


Stile architettonico Paleocristiano e bizantino
Inizio della costruzione 533
Completamento 549
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Data di consacrazione 9 maggio 549
Consacrato da san Massimiano di Ravenna
Titolo
Strutture preesistenti
Pianta basilicale
Tecnica costruttiva
Materiali laterizi, marmo greco
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima 30,30 m.
Lunghezza Massima 55,58 m.
Profondità Massima {{{ProfonditàMassima}}}
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
<span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.">Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}} {{{{{sigla paese}}}}}
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
Monumenti paleocristiani di Ravenna
Early Christian Monuments of Ravenna
[[Immagine:|240px]]
Tipologia Culturali
Criterio (i) (ii) (iii) (iv)
Pericolo Bene non in pericolo
Anno 1996
Scheda UNESCO inglese
francese
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Basilica di di Sant'Apollinare in Classe è una chiesa situata nel territorio del comune di Ravenna, considerata una delle espressioni più rilevanti della cultura artistica bizantina in Italia, dichiarata dall'UNESCO nel 1996 Patrimonio dell'Umanità.

Toponimo

La denominazione "in Classe" (dal latino, classis ossia "flotta") deriva dal nome dell'antica città romana che qui era sorta insieme al porto costruito nel 27 a.C. da Ottaviano Augusto per poter accogliere l'armata navale imperiale. Il porto, già in declino per l'insabbiamento di canali e fiumi, venne più volte saccheggiato e poi distrutto nell'VIII secolo dai Longobardi.

Storia

La basilica, l'unica sopravvissuta nel territorio classicano, fu eretta nel 533 per volontà di sant'Ursicino (533 - 536), vescovo di Ravenna, grazie al finanziamento del banchiere greco Giuliano l'Argentario (come già era avvenuto per San Vitale), e consacrata il 9 maggio 549 dal primo arcivescovo san Massimiano (546 - 556).

L'edificio sacro fa parte delle cosiddette basiliche cimeteriali, ossia di quegli edifici di culto che sorsero nel luogo di sepoltura di santi e martiri, in questo caso sant'Apollinare, primo vescovo di Ravenna, la cui sepoltura è stata identificata come una tomba a cassa di laterizi rinvenuta insieme ad altre nella necropoli cristiana strettamente adiacente e sottostante la chiesa. Intorno ad essa, divenuta ben presto luogo di culto, fu innalzata una piccola basilica-martyrion.

Originariamente, la chiesa era affacciata sulla strada Reina, un diverticolo della via Popilia che collegava la grande strada romana con Classe, fu successivamente dotata dell'attuale atrio porticato.

Nel corso dei secoli si susseguirono consistenti lavori di restauro e ristrutturazione a partire da quelli del 671-677 quando fu interessata la decorazione musiva dell'arco trionfale o quelli al tetto e al quadriportico nel IX secolo, periodo in cui probabilmente venne edificata la cripta al di sotto del presbiterio.

Nell'VIII secolo, alla chiesa fu affiancato un monastero benedettino, passato nel XII secolo ai camaldolesi che, dopo il saccheggio del 1512, si trasferirono in città nell'edificio oggi sede della Biblioteca Classense.

Nel 1449, per ordine di Sigismondo Malatesta, buona parte del rivestimento marmoreo della basilica venne asportato per decorare il Tempio di San Francesco a Rimini.

Successivamente, durante il XVIII secolo le due scale di collegamento tra la cripta e il presbiterio vennero ridotte a una, e nel XX secolo, grazie all'intervento della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggi di Ravenna, la basilica fu sottoposta ad ulteriori restauri architettonici e musivi.

Il 7 ottobre 1960 papa Giovanni XXIII l'ha elevata alla dignità di Basilica minore.[1]

Descrizione

Basilica di Sant'Apollinare in Classe, veduta aerea

Esterno

Originariamente la basilica era preceduta da un grande quadriportico (individuato negli scavi archeologici) e da un nartece (atrio porticato) con due torri laterali, delle quali ne rimane solo una. L'atrio odierno, ricostituito interamente con il restauro del 1908-1909, è aperto da un portale con arco a tutto sesto e illuminato da due trifore e altrettante monofore.

La facciata presenta in alto un'ampia trifora; sotto il pronao si trovano i tre portali d'accesso all'aula ecclesiale, di cui il centrale, rialzato, ha gli stipiti e l'architrave in marmo greco.

Sul lato settentrionale della basilica sorge il possente campanile cilindrico (alto 38 m.), edificato tra la fine del IX secolo e gli inizi del X secolo, aperto da finestre che, dal basso verso l’alto, sono dapprima monofore, poi bifore e infine trifore, spartite da colonnine marmoree.

Interno

Basilica di Sant'Apollinare in Classe (interno)

Aula ecclesiale

Il suggestivo interno, orientato (ossia con l'abside rivolto a Est), presenta una pianta basilicale con presbiterio, rialzato sopra la cripta, ed è diviso in tre navate da due file di dodici colonne, in marmo greco, con capitelli a foglie d'acanto e pulvini con una croce scolpita sul lato della navata centrale.

La navata mediana (con corpo rialzato rispetto alle altre) termina con un abside semicircolare internamente e poligonale esternamente; presenta ai lati due ambienti gemelli della prothesis e del diaconicon[2] e, dotati a loro volta di absidiole semicircolari all'interno e pentagonali all'esterno. La copertura delle navate è a capriate lignee.

Del primitivo pavimento a mosaico, sopraelevato in epoca antica, decorato da motivi geometrici rimangono solo alcuni resti rinvenuti ad una profondità di 30-35 cm, visibili all'inizio della navata destra e in fondo a quella sinistra.

All'interno, tra le opere di maggior rilievo si segnalano:

Basilica di Sant'Apollinare in Classe (pianta e sezioni)

Decorazione musiva dell'abside

Le pareti sono prive di elementi decorativi, eccetto la zona absidale, ricoperta da splendidi mosaici eseguiti in epoche diverse e da differenti maestranze:

  • sulla fronte dell'arco trionfale, articolato su cinque registri si notano:
  1. Gesù Cristo pantocratore e simboli degli evangelisti (673-679), opera di maestranze romane:[3] su uno sfondo blu notte cosparso di nuvole rosse e azzurre si inserisce al centro un medaglione contenente il busto di Gesù Cristo pantocratore, fiancheggiato dai simboli degli evangelisti: a sinistra l'uomo alato (Matteo) e l'aquila (Giovanni); a destra il leone (Marco) e il vitello (Luca).
  2. Le città di Gerusalemme e Betlemme con dodici pecore convergenti (673-679), realizzato da maestranze romane:[4] le due città rappresentano una l’ecclesia ex circumcisione e l'altra l’ecclesia ex gentibus, sono quindi la raffigurazione della chiesa degli Ebrei e dei Gentili che separate, solo in Gesù Cristo, con gli Apostoli (simboleggiate dalle pecore) possono riottenere la loro unità.
  3. Due palme (673-679), eseguito da maestranze romane:[5] le palme, su sfondo azzurro, ricolme di datteri, una a destra e l'altra a sinistra, sono simbolo del martirio.
  4. San Michele arcangelo e San Gabriele arcangelo (535-549), opera di maestranze ravennati:[6][7] i due Arcangeli, individuati dai propri nomi, sono rappresentati su uno sfondo oro, in posizione frontale, poggiano i piedi su un suppedaneo dorato, vestono una tunica bianca e una clamide purpurea, e con la mano destra sorreggono un labaro su cui sono scritte le parole del trisagion in greco agios, agios, agios. Hanno i volti austeri con grandi occhi spalancati ed assorti resi ancora più splendenti dal proprio nimbo argenteo. Dietro di essi si aprono, simmetricamente, due ali purpuree.
  5. San Matteo e Santo (prima metà del XII secolo), opera di maestranze veneziane:[8][9] la scelta della figura dell'evangelista è legata alla scena centrale della Trasfigurazione, poiché solo per Matteo questa sarebbe l'annuncio della gloria di Cristo e solo lui nota che il volto di Gesù brillava come il sole (Mt 17,1-6). L'altra figura di Santo, su sfondo color blu indaco, nell'atto di reggere un rotolo, era stato erroneamente riconosciuto come san Luca per un'iscrizione dipinta nel 1721, oggi scomparsa, e priva di qualsiasi riferimento storico, mentre per alcuni studiosi sarebbe identificabile con san Giovanni evangelista.
Basilica di Sant'Apollinare in Classe, abside e presbiterio
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Trasfigurazione di Gesù Cristo (535 - 549).

Cripta

La cripta, al di sotto del presbiterio, costruita tra il IX e il X secolo, si richiama a modelli romani ad ambulacro circolare. Conserva all'interno:

Note
  1. Basiliche minori in Italia
  2. I due ambienti gemelli, caratteristici delle basiliche bizantine, sono detti pastoforia: quello di sinistra, o a nord (dato che l'abside delle chiese è ad est), è chiamato prothesis, vi si conservavano le offerte dei fedeli e si preparavano le funzioni liturgiche, mentre nell'altro a destra, o a sud, detto diaconicon, vi si custodiva l'Eucarestia (pane e vino consacrati) e la suppellettile liturgica (vasi e paramenti sacri).
  3. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  4. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  5. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  6. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  7. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  8. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  9. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  10. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  11. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  12. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  13. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  14. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  15. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
  16. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico su mosaicocidm.it. URL consultato il 12-12-2018
Bibliografia
  • AA.VV., Ravenna patrimonio dell'umanità, A.B.A.C.O., Forlì, 1997, pp. 85-95, ISBN 9888886712421
  • Giuseppe Bovini, S. Apollinare in Classe, Longo, Ravenna, 1968
  • G. Cortesi, Classe paleocristiana e paleobizantina, Sirri, Ravenna, 1980
  • M. G. Maioli, M. L. Stoppioni, Classe e Ravenna fra terra e mare. Città, necropoli, monumenti. Un'avventura della archeologia. Gli scavi nella zona archeologica di Classe, Sirri, Ravenna
  • Touring Club Italiano, Emilia-Romagna, col. "Guide Rosse", Milano, pp. 769-772, ISBN 9770390107016
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.