Chiesa Cattolica in Ciad

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Church in Fort Lamy, Chad.jpg
La cattedrale di Fort-Lamy (danneggiata durante la guerra civile)
Anno 2009
Cristiani
Ichthus.svg
20,1%
Cattolici 800 mila (8,8%)
Ebrei
Protestanti 14,2%
Anglicani
Luterani
Pentecostali/carismatici
Ortodossi
Mussulmani sunniti 53,1%
Mussulmani sciiti
Altri 2,2%
Animisti 7,3%
Buddisti
Induisti
Lamaisti
Scintoisti
Taoisti
Sikh
Atei & agnostici 3,1%
Popolazione 10,76 milioni (stime del luglio 2011[1])
Parrocchie
Presbiteri
Seminaristi
Diaconi Permanenti
Religiosi
Religiose
Primate
Presidente della Conferenza Episcopale
Nunzio apostolico Mons. Franco Coppola[2]
Rappresentante apostolico non residente
Codice HD
Note Nel 2010 il "Fondo per la Pace" classifica il Ciad come il secondo più grave "stato fallimentare"
Chad in Africa.png
classifica - nazione su Catholic Hierarchy


La Chiesa Cattolica in Ciad è parte della Chiesa Cattolica universale in comunione con il vescovo di Roma, il papa.

Storia

La Chiesa cattolica in Ciad, dopo alcuni falliti tentativi nella seconda metà del XVII secolo, nacque nel 1846 quando il Ciad entrò a far parte del vicariato apostolico dell'Africa centrale; ma solo nel 1929 fu fondata la prima missione a Kou, e nel 1935 a Moundou.

Con l'arrivo dei gesuiti e di alcuni frati cappuccini espulsi dall'Etiopia l'evangelizzazione si fece più incisiva, e nel 1947 fu eretto il vicariato apostolico di Fort-Lamy; nel 1957 venne ordinato il primo sacerdote autoctono.

Nel 1990 il Ciad ha ricevuto la visita pastorale di papa Giovanni Paolo II.

I servizi sociali offerti dalla Chiesa Cattolica nel Ciad l'hanno resa un istituzione importante. Nel 1970, assieme ai presbiteri, arrivò del personale che includeva frati e suore che operavano nelle aree della salute, dell'istruzione, e dello sviluppo. Molte delle suore erano personale medico addestrato che aveva servito in ospedali del governo e in cliniche.

Si stima che nel 1980 circa 20.000 giovani ciadiani seguivano corsi nelle scuole cattoliche, dove venivano impartite anche lezioni alfabetizzazione per adulti.

Nell'area dello sviluppo rurale, già nel 1950 le missioni cattoliche avevano creato centri di sviluppo rurale che assistevano sia i non cristiani che i cristiani.

Organizzazione ecclesiastica

La Chiesa cattolica è presente sul territorio con 1 sede metropolitana, 6 diocesi suffraganee ed 1 vicariato apostolico:

Statistiche

Alla fine del 2004 la Chiesa cattolica del Ciad contava:

  • 14 parrocchie;
  • 251 preti;
  • 361 suore religiose;
  • 117 istituti scolastici;
  • 105 istituti di beneficenza.

La popolazione cattolica ammontava a 712.101 cristiani, l'8,75% della popolazione.

Nunziatura apostolica

La delegazione apostolica dell'Africa Centro-occidentale fu istituita il 3 maggio 1960 con il breve apostolico Ad universae Ecclesiae di papa Giovanni XXIII; essa ha giurisdizione sul Ciad, la Nigeria, il Camerun, il Gabon, l'Oubangui-Chari ed il Congo. Sede del delegato apostolico è la città di Lagos in Nigeria.

Il 3 aprile 1965 in forza del breve Qui res Africanas di papa Paolo VI è istituita la nuova Delegazione apostolica dell'Africa Centrale, con giurisdizione sul Ciad, la Repubblica Centrafricana, il Camerun, il Congo ed il Gabon. Sede del delegato apostolico è la città di Yaoundé in Camerun.

Il 13 dicembre 1973 è istituita la Delegazione apostolica del Ciad in virtù del breve Quod pastorale dello stesso papa Paolo VI; sede del delegato è la città di Bangui, nella Repubblica Centrafricana.

Il 28 novembre 1988 con il breve Pro Nostro munere di papa Giovanni Paolo II è istituita la Nunziatura apostolica del Ciad.

Delegati apostolici:

Nunzi apostolici:

Conferenza Episcopale

L'episcopato locale costituisce la Conferenza Episcopale del Ciad (Conférence Episcopale du Tchad , CET).

La CET è membro della Association des Conférences Episcopales de la Région de l'Afrique Central (ACERAC) e del Symposium of Episcopal Conferences of Africa and Madagascar (SECAM).

Elenco dei Presidenti della Conferenza episcopale:

Note
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni


Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.