Giovanni Andrea Archetti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giovanni Andrea Archetti
Stemma cardinale.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Giovanni Andrea Archetti.jpg

'
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 74 anni
Nascita Brescia
11 settembre 1731
Morte Ascoli Piceno
5 novembre 1805
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 10 settembre 1775
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 17 settembre 1775 da Carlo Rezzonico
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
20 settembre 1784 da Pio VI (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Giovanni Andrea Archetti (Brescia, 11 settembre 1731; † Ascoli Piceno, 5 novembre 1805) è stato un cardinale italiano.

Cenni biografici

Addottoratosi in utroque iure a Roma, nel 1754 divenne referendario di Segnatura.

Vicelegato a Bologna dal 1756, nel 1775 venne ordinato sacerdote e, una settimana dopo, eletto arcivescovo titolare di Calcedonia. Il 31 ottobre fu, nominato nunzio, in Polonia, dove giunse verso la metà dell'aprile 1776, succedendo nella carica a mons. Giuseppe Garampi, trasferito a Vienna. Durante la sua lunga nunziatura polacca fu non solo attento spettatore degli eventi, ma anche partecipe, facendo ogni sforzo per far valere i principi e gli interessi della Chiesa. Lo smembramento della Polonia aveva determinato una difficile situazione locale per la Chiesa locale: le nuove frontiere tagliavano spesso in due le diocesi, creando difficoltà disciplinari e d'apostolato. Il compito del nunzio implicava così anche importanti negoziati con il governo della Prussia e soprattutto con quello della Russia, sotto il cui dominio erano passati i cattolici uniati dell'Ucraina e della Lituania. L'Aarchetti doveva ottenere anche la pubblicazione del breve pontificio Dominus ac Redemptor di scioglimento della Compagnia di Gesù in Prussia e nella Russia, dove i gesuiti, godendo dell'appoggio dei sovrani per i servizi resi come insegnanti, avevano continuato la loro attività, e in Russia anzi avevano eletto un loro generale. Dopo molte trattative il nunzio raggiunse il suo scopo nella Prussia, nel 1780, mentre Caterina II non permise la soppressione dell'ordine mettendolo sotto la protezione di Stanislao Siestrzencewicz (Ch), da lei nominato vescovo, che voleva far diventare il capo dei cattolici dei suoi Stati. Fu quindi dal 1782 anche nunzio straordinario presso la zarina Caterina II, dove l'affare Siestrzencewicz costituì un grave e complesso problema per la Santa Sede.

Giunse a San Pietroburgo il 4 luglio 1783, dove fu ricevuto con grande onore; in quella città il 18 ottobre consacrò la prima chiesa cattolica cittadina e il 18 gennaio dell'anno seguente consegnò all'arcivescovo Siestrzencewicz il pallio e il 6 febbraio venne consacrato vescovo ausiliario il suo coadiutore Benisùawski. Riprese le trattative sui gesuiti, senza nulla riuscire a concludere per la resistenza del primate e della stessa zarina. Il nunzio si conquistò però il favore di questa, che richiese per lui il cappello di cardinale. Fu creato cardinale da papa Pio VI nel concistoro del 20 settembre 1784. Nel maggio segguente, ricevette la notizia della nomina e del richiamo.

Rientrato a Roma il 27 giugno 1785 ricevette il titolo di cardinale presbitero di Sant'Eusebio: fu poi legato a BolognaLegazione apostolica di Bologna| e nel 1795 gli venne affidata la guida della diocesi di Ascoli Piceno.

Negli anni 1797-1799 ebbe per vicario generale il prevosto della concattedrale di Cingoli, Francesco Saverio Maria Felice Castiglioni, il futuro papa Pio VIII. Il 18 marzo 1798 il comandante francese di Macerata lo fece condurre a Roma, donde il 22 marzo venne trasferito prigioniero, insieme con altri cardinali, a Civitavecchia nel convento dei domenicani; vi rimase per poco tempo, ma non gli fu permesse di rientrare in diocesi. Andò così prima a Gaeta, poi a Napoli, al cui Regno apparteneva una parte della sua diocesi. Morto Pio VI il 29 agosto 1799, prigioniero a Valence in Francia, l'Archetti prese parte al conclave, che si riunì a Venezia, dove giunse ai primi di ottobre. Fu tra i papabili e durante il lungo conclave sostenne la candidatura del cardinale Mattei arcivescovo di Ferrara, in contrapposizione alla candidatura del cardinale Bellisomi vescovo di Cesena.

Fra i primi atti del nuovo papa, Pio VII, fu la promozione dell'Archetti a cardinale vescovo della Sede suburbicaria di Sabina, ma continuò ad amministrare la diocesi di Ascoli Piceno fino alla morte.

Nel giugno 1805 era a Brescia, per sistemare alcuni affari di famiglia, la ebbe modo di incontrare Napoleone che lo nominò vescovato della città. La sede era vacante dalla morte di mons. Giovanni Nani (Ch), avvenuta il 23 ottobre dell'anno precedente, ma il porporato rifiutò l'incarico.

Rientrò ad Ascoli il 30 settembre; poco dopo il ritorno si ammalò, e la morì il 5 novembre 1805. Fu sepolto nella cattedrale di Ascoli.

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Calcedonia Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Michelangelo Giacomelli (Ch) 11 settembre 1775 - 27 giugno 1785 Paolo Francesco Giustiniani (Ch), O.F.M. Cap. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Michelangelo Giacomelli (Ch) {{{data}}} Paolo Francesco Giustiniani (Ch), O.F.M. Cap.
Predecessore: Nunzio apostolico in Polonia Successore: Flag of the Vatican City.svg
Giuseppe Garampi 18 settembre 1775 - 1784 Ferdinando Maria Saluzzo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Garampi {{{data}}} Ferdinando Maria Saluzzo
Predecessore: Cardinale presbitero di Sant'Eusebio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Guglielmo Pallotta 27 giugno 1785 - 2 aprile 1800 Giuseppe Firrao I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Guglielmo Pallotta {{{data}}} Giuseppe Firrao
Predecessore: Vescovo di Ascoli Piceno
(titolo personale di arcivescovo)
Successore: BishopCoA PioM.svg
Pietro Paolo Leonardi (Ch) 1 giugno 1795 - 2 aprile 1800 Sé stesso come amministratore apostolico I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Paolo Leonardi (Ch) {{{data}}} Sé stesso come amministratore apostolico
Predecessore: Amministratore apostolico di Ascoli Piceno Successore: BishopCoA PioM.svg
Sé stesso come vescovo 1800 - 5 novembre 1805 Giovanni Francesco Capelletti (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Sé stesso come vescovo {{{data}}} Giovanni Francesco Capelletti (Ch)
Predecessore: Cardinale vescovo di Sabina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Archinto 2 aprile 1800- 5 novembre 1805 Ippolito Antonio Vincenti Mareri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Archinto {{{data}}} Ippolito Antonio Vincenti Mareri
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.