Celestino Migliore

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Celestino Migliore
CoA Archbishop Celestino Migliore.svg.png
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Celestino Migliore 2.jpg

Confiteor Tibi in Populis
Titolo
Vescovo titolare di Canosa
(titolo personale di arcivescovo)
Incarichi attuali
Età attuale 68 anni
Nascita Cuneo
1º luglio 1952
Morte
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 25 giugno 1977
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 30 ottobre 2002 da Giovanni Paolo II
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 6 gennaio 2003 da papa Giovanni Paolo II
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org

Celestino Migliore (Cuneo, 1º luglio 1952) è un arcivescovo e nunzio apostolico italiano.

Biografia

Nato in Piemonte, è stato ordinato sacerdote il 25 giugno 1977. Ha studiato presso lo Studio Teologico Interdiocesano di Fossano.[1] Ha poi ottenuto un dottorato in diritto canonico presso la Pontificia Università Lateranense. Ha studiato presso la Pontificia Accademia Ecclesiastica, diplomandosi nel 1977;[2] nel 1980 è entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede. Fra il 1980 e il 1984 ha lavorato presso la Delegazione apostolica dell'Angola, e poi presso quella dell'Organizzazione degli Stati Americani fino al 1988. In seguito per un anno ha lavorato presso la Nunziatura apostolica in Egitto e poi a quella di Varsavia. Il 14 aprile 1992 è stato nominato osservatore permanente della Santa Sede presso il Consiglio d'Europa.

Fra il 1995 e il 2002 è stato Sottosegretario alla Sezione per le Relazioni con gli Stati della Segreteria di Stato della Santa Sede, occupandosi anche delle relazioni con i paesi asiatici che non intrattenevano relazioni diplomatiche con la Santa Sede.

Il 30 ottobre 2002 è stato nominato osservatore permanente della Santa Sede presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite ed elevato alla sede titolare di Canosa, con dignità di arcivescovo. Il 6 gennaio 2003 ha ricevuto la consacrazione episcopale da papa Giovanni Paolo II, co-consacranti il sostituto alla Segreteria di Stato, monsignor Leonardo Sandri, e il segretario della Congregazione per le Chiese Orientali, monsignor Antonio Maria Vegliò.

L’ 11 dicembre 2008 fece un intervento in occasione della commemorazione del 60° anniversario della dichiarazione universale dei diritti umani. Ricordano la visita al palazzo di vetro di Benedetto XVI [3], riaffermò lo storico traguardo e le prospettive di sviluppo per l’intera famiglia umana [4]:

« La dichiarazione, infatti, mostra chiaramente che i diritti umani, che necessitano di applicazione e difesa, non sono solo espressione di mera legalità, ma trovano la loro fonte e fine nell'etica e diritto naturale comune a tutti gli uomini. Si può ben dire che per mezzo di questo proclama l'intera famiglia umana ha affermato che il rispetto dei diritti è garanzia di giustizia e di pace.

Molti qui presenti oggi a questa commemorazione ancora vividamente ricordano le parole pronunciate in questa stessa sala il 18 aprile scorso da Sua Santità Papa Benedetto XVI, che ha legato i diritti umani e la loro protezione a due obiettivi fondamentali: la promozione del bene comune e la salvaguardia della la libertà umana »

(Celestino Migliore, tratto dall'intervento all’ONU del 11 dicembre 2008)

Espresse la posizione contraria della Santa Sede alla Declaration on human rights, sexual orientation and gender identity. La Dichiarazione ONU sui diritti umani, l'orientamento sessuale e l'identità di genere, che fu approvata col voto di 66 paesi il 28 dicembre 2008 su proposta francese, non era un documento finalizzato, in primis, alla depenalizzazione dell'omosessualità nei Paesi in cui è ancora perseguita, come i media, semplificando, hanno raccontato [5]. Un comunicato della sala stampa vaticana chiarì che l'opposizione di Migliore era dovuta al timore che la mozione avrebbe aperto la strada alla condanna, in quanto "discriminanti", anche degli Stati che non riconoscono il diritto al matrimonio - indicato come uno dei diritti fondamentali nella Dichiarazione universale dei diritti umani - tra persone dello stesso sesso, obbligandoli a riconoscere nuove forme di matrimonio [6].

« le categorie "orientamento sessuale" e "identità di genere", usate nel testo, non trovano riconoscimento o chiara e condivisa definizione nella legislazione internazionale. Se esse dovessero essere prese in considerazione nella proclamazione e nella traduzione in pratica di diritti fondamentali, sarebbero causa di una seria incertezza giuridica, come pure verrebbero a minare la capacità degli Stati alla partecipazione e alla messa in atto di nuove o già esistenti convenzioni e standard sui diritti umani. »
(Comunicato della Sala Stampa Vaticana del 19 dicembre 2008)

Il 30 giugno 2010 è stato nominato nunzio apostolico in Polonia fino al 28 maggio 2016 quando è stato nominato nunzio apostolico nella Federazione Russa. Il 21 gennaio 2017 è stato anche nominato nunzio apostolico in Uzbekistan.


L'11 gennaio 2020 è stato nominato nunzio apostolico in Francia.[7]

Genealogia episcopale

Onorificenze

Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 19 gennaio 1999[8]

Successione degli incarichi

Predecessore: Osservatore permanente della Santa Sede presso il Consiglio d'Europa Successore: Emblem Holy See.svg
Carlo Maria Viganò 3 aprile 1992 - 16 dicembre 1995 Michael Aidan Courtney I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Maria Viganò {{{data}}} Michael Aidan Courtney
Predecessore: Sottosegretario per i Rapporti con gli Stati Successore: Flag of the Vatican City.svg
Claudio Maria Celli 16 dicembre 1995 - 30 ottobre 2002 Pietro Parolin I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Claudio Maria Celli {{{data}}} Pietro Parolin
Predecessore: Vescovo titolare di Canosa
Titolo personale di Arcivescovo
Successore: Stemma vescovo.png
- dal 30 ottobre 2002 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} in carica
Predecessore: Osservatore permanente della Santa Sede presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite Successore: Flag of the Vatican City.svg
Renato Raffaele Martino 30 ottobre 2002 - 30 giugno 2010 Francis Assisi Chullikatt I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Renato Raffaele Martino {{{data}}} Francis Assisi Chullikatt
Predecessore: Nunzio apostolico per la Polonia Successore: Flag of the Vatican City.svg
Józef Kowalczyk 30 giugno 2010 - 28 maggio 2016 Salvatore Pennacchio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Józef Kowalczyk {{{data}}} Salvatore Pennacchio
Predecessore: Nunzio apostolico nella Federazione Russa Successore: Emblem Holy See.svg
Ivan Jurkovič 28 maggio 2016 - 11 gennaio 2020 Giovanni d'Aniello I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ivan Jurkovič {{{data}}} Giovanni d'Aniello
Predecessore: Nunzio apostolico per l'Uzbekistan Successore: Emblem Holy See.svg
Ivan Jurkovič dal 21 gennaio 2017 vacante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ivan Jurkovič {{{data}}} vacante
Predecessore: Nunzio apostolico in Francia Successore: Emblem Holy See.svg
Luigi Ventura dall'11 gennaio 2020 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luigi Ventura {{{data}}} in carica
Note
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.