Jan Maurycy Paweł Puzyna de Kosielsko

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jan Maurycy Pawel Puzyna de Kosielsko
Stemma Puzyna de Kosielsko.jpg
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Immagine Puzyna de Kosielsko.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 68 anni


Nascita Gwoździec
13 settembre 1842
Morte Cracovia
8 settembre 1911
Sepoltura cappella dell'Immacolata Concezione, cattedrale del Wawel, Cracovia
Appartenenza Arcidiocesi di Leopoli
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Przemyśl, 8 dicembre 1878 dal vescovo Maciej Hirschler
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 26 febbraio 1886 da Leone XIII
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Chiesa di San Giovanni Canzio (Roma), 25 marzo 1886 dal card. arc. Mieczyslaw Halka Ledóchowski
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Jan Maurycy Pawel Puzyna de Kosielsko (Gwoździec, 13 settembre 1842; † Cracovia, 8 settembre 1911) è stato un cardinale e vescovo polacco, Principe-vescovo di Cracovia dal 22 gennaio 1895 all'8 settembre 1911.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Nacque il 13 settembre 1842 a Gwoździec nell'arcidiocesi di Lviv dei Latini in Galizia quando era parte dell'Impero austro-ungarico, oggi Ucraina. Figlio del principe Roman Puzyna z Kozielsko (1788-1861) e Hortensja z Dwornickica (1806-1879), aveva tre fratelli, Józef, Roman Longin e Julian. Quando fu battezzato ricevette i nomi Jan Duklan Maurycy Pawel. Il suo cognome è anche indicato come Puzyna z Kozielsko. Venne cresimato nel maggio 1855. Fu vicino a Józef Dominik Puzyna [1], vescovo di Inflanty (Livonia) e a Nikodem Puzyna [2], vescovo titolare di Satala in Lidia, ausiliare di Vilnius. Studiò all'Università di Lviv, dove conseguì il dottorato in legge il 24 giugno 1870 e al Seminario di Przemyśl dal 1876.

Inizialmente svolse la professione come Procuratore di Skarbu dal 1869; fu anche magistrato e successivamente commissario fino al 1875. Attratto dalla vita religiosa, ricevette la tonsura ecclesiastica il 6 maggio 1877, il suddiaconato il 20 novembre 1878 e il diaconato il 1º dicembre seguente. Fu ordinato presbitero l'8 dicembre 1878 a Przemyśl, da Maciej Hirschler [3], vescovo di Przemyśl. Divenne Vicario di Przeworsk, vice-rettore del Seminario di Przemyśl e canonico del capitolo della cattedrale nel 1880.

La nomina episcopale

Eletto vescovo titolare di Menfi e nominato vescovo ausiliare di Lviv dei Latini, il 26 febbraio 1886, fu consacrato il 25 marzo seguente nella chiesa di San Giovanni Canzio a Roma, dal cardinale Mieczyslaw Halka Ledóchowski, assistito da Franziskus von Paula Schönborn[4], arcivescovo di Praga e da Josyf Sembratowicz[5], arcivescovo titolare di Teodosiopoli, già arcivescovo di Lviv e Halicz dei greco-ruteni. Fu trasferito alla sede vescovile di Cracovia, con il titolo di principe vescovo, il 22 gennaio 1895.

Il cardinalato

Creato cardinale presbitero il 15 aprile 1901 da Leone XIII, ricevette il cappello rosso e il titolo dei Santi Vitale, Valeria, Gervasio e Protasio il 9 giugno 1902. Partecipò al conclave del 1903, che elesse papa Pio X, e presentò il veto dell'imperatore Francesco Giuseppe Iº d'Austria-Ungheria contro l'elezione del cardinale Mariano Rampolla del Tindaro. Fu decorato con la gran croce dell'Ordine austriaco di Sankt Stefan nel 1904.

La morte

Morì l'8 settembre 1911 e fu sepolto nella cappella dell'Immacolata Concezione, nella cattedrale del Wawel a Cracovia.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo titolare di Memfi Successore: Stemma vescovo.png
Abraham Chasciur
ch
26 febbraio 188622 gennaio 1895 Giuseppe Barillari
ch
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Abraham Chasciur
ch
{{{data}}} Giuseppe Barillari
ch
Predecessore: Principe-vescovo di Cracovia Successore: Stemma vescovo.png
Albin Dunajewski 22 gennaio 18958 settembre 1911 Adam Stefan Sapieha I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Albin Dunajewski {{{data}}} Adam Stefan Sapieha
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Vitale, Valeria, Gervasio e Protasio Successore: Stemma cardinale.png
Albin Dunajewski 9 giugno 19028 settembre 1911 Louis Nazaire Bégin I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Albin Dunajewski {{{data}}} Louis Nazaire Bégin
Note
  1. cfr. Bishop Józef Dominik Puzyna su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 07-09-2021
  2. cfr. Bishop Nikodem Puzyna su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 07-09-2021
  3. cfr. Bishop Mattia Hirschler su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 07-09-2021
  4. cfr. Franziskus von Paula Cardinal Schönborn su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 07-09-2021
  5. cfr. Archbishop Josyf Sembratowicz (Sembratovyc) su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 07-09-2021
Bibliografia
  • Jean LeBlanc, Dictionnaire biographique des cardinaux du XIX siècle - contribution à l'histoire du Sacré Collège sous les pontificats de Pie VII, Léon XII, Pie VIII, Grégoire XVI, Pie IX et Léon XIII, 1800-1903. (Collection Gratianus. Série instruments de recherche), Wilson & Lafleur, Montréal, 2007, pp. 769-770
  • Miroslaw Lenart, Quel no che cambiò il conclave del 1903 - L'appunto inedito di Jan Puzyna, L'Osservatore Romano, Anno CLIV n. 131 (46.673), Città del Vaticano, mercoledì 11 giugno 2014, p. 5
  • Piotr Nitecki, Biskupi Kościoła w Polsce w latach 965-1999 - Słownik biograficzny. Przedmowa Henryk Gulbinowicz, Instytut Wydawniczy "Pax", Warszawa, 2000, col. 366-367
  • Krzysztof Rafał Prokop, Polscy kardynałowie, Wydawnictwo WAM, Kraków, 2001, pp. 209-214
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.