Diocesi di Ventimiglia-Sanremo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Diocesi di Ventimiglia-Sanremo
Dioecesis Ventimiliensis-Sancti Romuli
Chiesa latina

Il portale della cattedrale di Ventimiglia.jpg
vescovo Antonio Suetta
Sede Ventimiglia

sede vacante
Ventimiglia

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea dell'arcidiocesi di Genova
Regione ecclesiastica Liguria
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Vescovi emeriti:

Giacomo Barabino,
Alberto Maria Careggio
Parrocchie 99
Sacerdoti

114 di cui 65 secolari e 39 regolari
1.315 battezzati per sacerdote

45 religiosi 250 religiose 8 diaconi
155.450 abitanti in 715 km²
150.000 battezzati (96,5% del totale)
Eretta VII secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Via Porta Nuova 1, 18039 Ventimiglia [Imperia]; Villa Santa Giovanna d'Arco, via Pisacane, 2 - 18038 S.Remo (Imperia) - Italia
tel. +390184351019 (Ventimiglia); +390184505757 (Sanremo) fax. 0184.35.25.66 @

Sito ufficiale
Scheda su gcatholic.org riferiti al 2010

Dati dall'annuario pontificio 2011 riferiti al 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica
La concattedrale di San Siro a Sanremo in una cartolina d'epoca

La diocesi di Ventimiglia-Sanremo (latino: Dioecesis Ventimiliensis-Sancti Romuli) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Genova appartenente alla regione ecclesiastica Liguria. Nel 2010 contava 150.000 battezzati su 155.450 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Antonio Suetta.

Territorio

La diocesi comprende la parte occidentale della provincia di Imperia e un piccolo lembo della parte meridionale della provincia di Cuneo.

Sede vescovile è la città di Ventimiglia, dove si trova la cattedrale di Santa Maria Assunta. A Sanremo si trova la curia vescovile e la concattedrale di San Siro. Il seminario diocesano, dedicato a Pio XI, si trova a Bordighera.

Il territorio della diocesi è suddiviso in 99 parrocchie situate in Liguria e Piemonte:

  • 97 nella provincia di Imperia;
  • 2 nella provincia di Cuneo.

Le parrocchie sono raggruppate in 6 vicariati: Ventimiglia - Valle Nervia - Bordighera e Vallecrosia - Sanremo - Valle Argentina - Levante.

Storia

Per tradizione si ritiene che il primo vescovo di Ventimiglia sia stato Cleto, discepolo di San Barnaba, nell'anno 75. Tuttavia, il primo vescovo certo è Giovanni, nel 650. Originariamente la sede di Ventimiglia era suffraganea dell'arcidiocesi di Milano.

Nell'XI secolo fu recata a Ventimiglia, da un vescovo di cui non si conosce il nome, il capo di san Secondo martire, patrono della diocesi. Il resto del corpo, che era allora nella valle di Susa, è custodito a Torino.

Nel 1797 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Genova, ma nello stesso anno cedette le tre parrocchie del principato di Monaco e le diciannove del Stati del Re di Sardegna, mantenendo solo le quindici parrocchie soggette alla Repubblica di Genova. Così ridotta, la diocesi rischiò la soppressione.

Il 9 aprile 1806 la diocesi di Ventimiglia entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Aix in forza della bolla Expositum cum Nobis di papa Pio VII.

Il 30 maggio 1818 con la bolla Sollicitudo omnium ecclesiarum dello stesso papa Pio VII divenne nuovamente suffraganea dell'arcidiocesi di Genova.

Il 20 giugno 1831 in forza della bolla Ex injuncto Nobis coelitus di papa Gregorio XVI le parrocchie del Regno di Sardegna scorporate furono nuovamente sottoposte alla giurisdizione della diocesi di Ventimiglia, che si estese anche alla città di San Remo, che fino ad allora apparteneva alla diocesi di Albenga.

Nel 1860 cedette Briga Marittima e Tenda alla diocesi di Cuneo.

Nel 1947 cedette Piena (Francia) e Libri alla diocesi di Nizza.

Il 3 luglio 1975 la diocesi ha assunto il nome attuale.

Cronotassi dei vescovi

Statistiche

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 155.450 persone contava 150.000 battezzati, corrispondenti al 96,5% del totale.

Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.