Luigi Nazari di Calabiana

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Luigi Nazari di Calabiana
150px-Stemma.Naz.di Calabiana.JPG
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

375px-Naz.Calabiana.jpg

Ognun mi sente
Titolo
Età alla morte 85 anni
Nascita Savigliano
27 luglio 1808
Morte Milano
23 ottobre 1893
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 29 maggio 1831
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 12 aprile 1847
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile Roma, 6 giugno 1847 dal Card. Ugo Pietro Spinola
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 27 marzo 1867
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Presbiteri
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org

Luigi Nazari di Calabiana (Savigliano, 27 luglio 1808; † Milano, 23 ottobre 1893) è stato un arcivescovo e politico italiano.

Cenni biografici

Nacque il 27 luglio 1808 a Savigliano, figlio di Filippo e Sofia Toesca dei conti di Castellazzo.

Dopo aver studiato nel seminario di Bra, dal 1826 frequentò come chierico esterno l’Università di Torino, avendo tra i suoi maestri l'abate Vincenzo Gioberti. Terminati gli studi fu ordinato sacerdote il 29 maggio 1831, e celebrò la sua prima messa nella collegiata di sant'Andrea in Savigliano.

Dopo aver rifiutato per due volte l'episcopato propostogli da Carlo Alberto, il 12 aprile 1847 accettò la sede di Casale Monferrato. L'ordinazione episcopale avvenne a Roma il 6 giugno 1847 per imposizione delle mani di Ugo Pietro Spinola cardinale presbitero dei Santi Silvestro e Martino ai Monti, e il 22 agosto fece il suo ingresso nella cattedrale di Casale.

Con Casa Savoia intrattenne sempre ottimi rapporti. Re Carlo Alberto lo nominò suo elemosiniere nel 1847 e il 20 gennaio 1848 consigliere di Stato straordinario, quindi senatore il 3 maggio dello stesso anno. La stessa stima ebbero per lui Vittorio Emanuele II, che lo volle precettore dell'erede al trono Umberto I. Fu anche insignito di varie onorificenze sabaude. Lo stesso re Umberto I lo avrebbe visitato nell'ottobre 1893, sul letto di morte.

Nel 1855 fu al centro di quella che fu detta la crisi Calabiana, che si aprì quando la legge di soppressione degli ordini religiosi giunse in Senato[1].

La sua nomina ad arcivescovo di Milano risolse la difficile crisi sorta con la nomina, da parte di papa Pio IX, di Paolo Angelo Ballerini il 20 giugno 1859 su indicazione dell'imperatore Francesco Giuseppe d'Austria. La sede era vacante dal 7 maggio, quando era morto l'arcivescovo Bartolomeo Carlo Romilli. La nomina, però, non fu mai riconosciuta dal governo italiano, che considerò la sede vacante, mentre il papa la giudicava impedita.

Nel 1865 iniziarono laboriose trattative fra la Santa Sede e il governo italiano per la nomina alle molte sedi episcopali vacanti e inizialmente si fece il nome di Nazari come arcivescovo di Torino. Nel 1866 i negoziati furono ripresi dal consigliere di Stato Michelangelo Tonello e con la discreta mediazione di Giovanni Bosco, si poterono ricoprire almeno le sedi episcopali più importanti. Mons. Ballerini fu promosso patriarca di Alessandria d'Egitto e mons. Nazari gli succedette nella conduzione dell'arcidiocesi milanese. Tuttavia la nomina di un vescovo apprezzato da Casa Savoia lasciò conseguenze nei suoi rapporti con la Santa Sede perché, contro una secolare tradizione, mons. Nazari non ottenne la porpora cardinalizia.

Nel concilio Vaticano I fu tra i pochi vescovi che il 18 luglio 1870 non votò per il dogma dell'infallibilità, presa di posizione che gli attirò il disprezzo di molti prelati intransigenti. In realtà, non lo fece per rispetto del suo clero, poiché nel seminario di Milano, come in tutti quelli lombardi e piemontesi, la questione dell'infallibilità, per scelta del corpo accademico, non veniva trattata e mons. Nazari ritenne quindi doveroso rispettare le scelte culturali ed educative del clero della sua diocesi, la quale comunque si distingueva per la fedeltà al pontefice.

Nel suo impegno di pacificazione e di rinnovamento, favorì gli oratori, la tipica realtà educativa della diocesi di Milano, che volle fossero centri di formazione spirituale e culturale, custodi della fede e aperti al mondo. Con lo stesso spirito sostenne i molti ordini religiosi sorti nell'Ottocento e impegnati nel mondo della carità.

Molte furono anche le umiliazioni e le delusioni, fra cui nel 1888 la decisione di Leone XIII di scorporare dalla diocesi di Milano le tre valli svizzere del Canton Ticino: Riviera, Leventina, Blennio per fondare la diocesi di Lugano. Dovette inoltre subire le continue critiche e gli attacchi lanciati da L'Osservatore cattolico e dal suo direttore Davide Albertario, non di rado con l'appoggio di ambienti romani.

Morì a Milano il 22 ottobre 1893 e fu sepolto inizialmente nel piccolo cimitero di Groppello d'Adda, ove era la residenza estiva dell'arcivescovo, perché il governo italiano, ufficialmente per motivi igienici, non permise la sepoltura nel duomo di Milano come fu per i suoi predecessori. Il 14 novembre 1912 la salma fu finalmente traslata nel duomo, grazie alla tenacia del suo successore mons. Andrea Carlo Ferrari.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 7 giugno 1887
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 28 luglio 1858
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 29 marzo 1881
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
— 22 aprile 1868
Cavaliere d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ospedaliero Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ospedaliero Ordine di Malta

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Casale Monferrato Successore: BishopCoA PioM.svg
Francesco Icheri di Malabaila 1847 - 1867 Pietro Maria Ferré I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Icheri di Malabaila {{{data}}} Pietro Maria Ferré
Predecessore: Arcivescovo di Milano Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Paolo Angelo Ballerini 1867 - 1893 Andrea Carlo Ferrari I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Paolo Angelo Ballerini {{{data}}} Andrea Carlo Ferrari
Note
  1. Dizionario di Storia Treccani online
Bibliografia
  • Ennio Apeciti, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 78 (2013) online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.