Tommaso de Vio

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Tommaso De Vio)
Tommaso De Vio, O.P.
Scanner D672.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Jacopo o Giacomo
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

1517 THOMASUS GAETANUS DE VIO - VIO TOMMASO.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 65 anni
Nascita Gaeta
20 febbraio 1469
Morte Roma
10 agosto 1534
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione Gaeta, 1484
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 24 maggio 1491
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 1517
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
1º luglio 1517 da Leone X (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Tommaso De Vio, al secolo Jacopo o Giacomo, detto il Cardinal Caetano o Gaetano (Gaeta, 20 febbraio 1469; † Roma, 10 agosto 1534), è stato un cardinale e arcivescovo italiano. Religioso domenicano, fu generale dell'Ordine nel 1508: fu teologo e diplomatico pontificio.

Biografia

Nacque nel 1469 a Gaeta, quarto e ultimo figlio di Francesco e Isabella de Sieri. Al battesimo ricevette il nome di Jacopo.

Nel 1484 entrò tra i frati Domenicani del convento di Gaeta, dove assunse il nome di Tommaso, e proseguì i suoi studi in teologia e filosofia a Napoli, Bologna e Padova.

Fu professore di teologia presso le università di Pavia e Roma, ed in questo campo acquisì una considerevole fama in seguito ad un pubblico dibattito con il celebre umanista Pico della Mirandola nel 1494 a Ferrara.

Dal 1508 al 1518 divenne Maestro Generale dell'Ordine e consigliere dei papi; dimostrò grande zelo nel difendere i diritti papali contro il Concilio di Pisa, in una serie di pubblicazioni che furono messe al bando dalla Sorbona e bruciate per ordine del re Luigi XII di Francia.

Nel 1517 Papa Leone X lo elevò a Cardinale presbitero di San Sisto e arcivescovo di Palermo, l'anno seguente divenne arcivescovo di Gaeta.

Nel 1518 venne inviato in Germania come Legato Apostolico per partecipare alla Dieta di Francoforte, si adoperò con profitto per l'elezione di Carlo V d'Asburgo ad Imperatore del Sacro Romano Impero il 28 giugno 1519 (prevalendo sull'altro concorrente Francesco I Re di Francia), e lì cercò di arginare la nascente Riforma protestante di Martin Lutero (12-14 ottobre 1518). Il dialogo tra il Caietano e Lutero, pur nella divergenza delle posizioni, si prospettava proficuo, mantenendosi su un piano teologico, storico e dottrinale. Forse proprio per questo, le forze interessate, per motivi politici, alla rottura tra principi luterani e Chiesa ne impedirono un'ulteriore prosecuzione.

Nel 1523 fino al 1524 organizzò la resistenza contro i Turchi in Germania, Polonia e Ungheria.

Nel 1527 venne fatto prigioniero durante il Sacco di Roma dai Lanzichenecchi, inviati in Italia da Carlo V per punire il Papa Clemente VII per il tradimento della parola datagli, poi venne liberato.

Nel 1534 pronunciò la sentenza definitiva di validità del matrimonio di Enrico VIII d'Inghilterra e Caterina d'Aragona, rifiutando il divorzio al sovrano inglese.

Oltre che per la produzione teologica secondo la linee della scuola tomista, produzione che lo colloca tra i pensatori di maggior rilievo della cosiddetta Seconda Scolastica, Tommaso De Vio si distinse anche come esegeta.

Supplì alla sua scarsa conoscenza dell'ebraico consultando esperti rabbinici e grazie alla sua familiarità con il testo greco. Tra il 1523 e il 1532 pubblicò in vari volumi una traduzione e commentario letterario della Bibbia che comprende larga parte dell'Antico Testamento e quasi tutto il Nuovo Testamento con l'eccezione dell'Apocalisse. La sua enfasi sulla ricerca del significato letterario del testo lo pone alle origini della moderna tradizione esegetica cattolica.

Morì a Roma nel 1534.

Opere principali

  • Commentaria super tractatum De ente et essentia Thomae de Aquino (1496)
  • De nominum analogia (1498)
  • Commentaria in III libros Aristotelis De anima (1509)
  • Jentacula N.T., expositio literalis sexaginta quatuor notabilium sententiarum Novi Test. (Roma, 1525)
  • In Porphyrii Isagogen ad Praedicamenta Aristotelis (1587)
  • De conceptu entis


Predecessore: Maestro generale dell'Ordine dei Frati Predicatori Successore: Cr.domenicana.JPG
Jean Clérée 1508-1518 Juan García Loaysa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Jean Clérée {{{data}}} Juan García Loaysa
Predecessore: Cardinale presbitero di San Sisto Successore: Stemma cardinale.png
Achille de Grassi 1517 - 1534 Nikolaus von Schönberg I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Achille de Grassi {{{data}}} Nikolaus von Schönberg
Predecessore: Arcivescovo di Palermo Successore: Stemma arcivescovo.png
Francesco Remolino 8 febbraio 1518 - 19 dicembre 1519 Giovanni Carandolet I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Remolino {{{data}}} Giovanni Carandolet
Predecessore: Arcivescovo di Gaeta Successore: Stemma arcivescovo.png
Fernando Herrera 13 aprile 1519 - † 10 agosto 1534 Esteban Gabriel Merino I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fernando Herrera {{{data}}} Esteban Gabriel Merino
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore: Stemma cardinale.png
Ippolito de' Medici 1534 Francesco Cornaro I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ippolito de' Medici {{{data}}} Francesco Cornaro
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.