François d'Escoubleau de Sourdis

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
François d'Escoubleau de Sourdis
Stemma card. François d'Escoubleau de Sourdis.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Card. François d'Escoubleau de Sourdis.jpg

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 53 anni
Nascita Thouars
25 ottobre 1574
Morte Bordeaux
8 febbraio 1628
Sepoltura Monastero certosino di Bordeaux
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1597
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 5 luglio 1599 da papa Clemente VIII
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 21 dicembre 1599 dal Cardinal François de Joyeuse
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
3 marzo 1599 da Clemente VIII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

François d'Escoubleau de Sourdis (Thouars, 25 ottobre 1574; † Bordeaux, 8 febbraio 1628) è stato un cardinale e arcivescovo francese.

Cenni biografici

Nacque il 25 ottobre 1574 a Thouars, Francia, primogenito dei sette figli di François d'Escoubleau, signore di Jouy, Aunau e Montdoubleau, marchese d'Alluye, governatore di Chartres, e della moglie Isabeau Babou de la Bourdasière. Gli altri fratelli furono: Alluye; Henri[1] (1593-1645) che gli succedette nell'arcivescovato di Bordeaux e fu comandante della flotta reale conto gli spagnoli; demoiselle de Sourdis che diverrà badessa dell'abbazia di Saint-Paul presso Beauvais; Virginal, marchese d'Alluye e Charles d'Escoubleau, che ne ereditò le fortune paterne.

François studiò umanistica presso le Collège de Navarre di Parigi, ma le vicende politiche e religiose che travagliarono la Francia e Parigi in quel periodo non gli permisero di completare gli studi. Come primogenito gli fu preconizzata una carriera militare; fu luogotenente generale nell'assedio di Chartres del 1591. La famiglia gli aveva procurato un fidanzamento con Catherine Hurault de Cheverny, figlia del cancelliere reale, ma essendo la fidanzata ancora molto giovane, fu mandato in Italia per completare la sua formazione.

A Roma entrò in contatto con gli ambienti curiali ottenendo la stima di papa Clemente VIII che cercava un riavvicinamento della Santa Sede alla Francia. Ebbe anche modo di conoscere personalmente lo storico e cardinale Cesare Baronio. Decise di abbracciare lo stato religioso e rientrò a Parigi per comunicare che intendeva rompere il fidanzamento e prendere gli ordini religiosi. Ricevette la tonsura e l'ordinazione sacerdotale, ma non si hanno informazioni su di essa. Ottenne la commenda delle abbazie di Preuilly, di Montréal; e di Aubrac, 1597-1600.

Papa Clemente VIII lo creò cardinale nel concistoro del 3 marzo 1599. Lo stesso anno fu eletto arcivescovo di Bordeaux e primate di Aquitania, con dispensa per non aver ancora raggiunto l'età canonica. Fu consacrato vescovo, il 21 dicembre di quell'anno, a St-Germain des Près, Parigi, dal cardinale François de Joyeuse, arcivescovo di Tolosa, assistito da mons. Henri d'Escoubleau de Sourdis,[2] vescovo di Mallezais, e mons. Charles de Balzac,[3] vescovo di Noyon. L'anno seguente ritornò a Roma dove il 20 dicembre ricevette il pallio e la berretta rossa con il titolo presbiterale dei santi XII Apostoli.

A Bordeaux intraprese un certo numero di miglioramenti della città come la bonifica degli acquitrini, il restauro del palazzo arcivescovile, l'abbellimento della cappella della basilica di Saint Michael, la costruzione del chiostro dei Cordeliers nella città di Saint-André-de-Cubzac e la chiesa di San Bruno di Bordeaux (1611-1620).

Nel 1603 accolse il reverendo Dermoth de Maccarthy, un sacerdote della diocesi di Cork, e quaranta suoi compagni. Con l'appoggio dell'arcivescovo, che mise a disposizione la chiesa locale di sant'Eutropio e una casa per ospitare i rifugiati, poco tempo dopo, furono stese le costituzioni della congregazione, che diede origine al Collegio Irlandese di Bordeaux, rimasto in vita fino alla rivoluzione francese.[4]

Partecipò al primo conclave del 1605, che elesse papa Leone XI e al secondo di quell'anno, che vide l'elezione di Paolo V. Ancora in quell'anno divenne vescovo coadiutore, con diritto di successione, di suo zio Henri d'Escoubleau de Sourdis, vescovo di Mallezais.

Nel 1606 optò per il titolo di san Marcello. Nel 1607 battezzò il duca d'Orléans, secondogenito del re Enrico IV di Francia. Nel 1615 officiò la cerimonia del matrimonio di Elisabetta di Francia e del principe Filippo, futuro re Filippo IV di Spagna.

Non partecipò al conclave del 1621 che elesse papa Gregorio XV. Optò in quell'anno per il titolo di san Pietro in Vincoli che mutò, ancora in quell'anno, in quello di santa Prassede. Nel 1621 fu ascritto tra i membri della congregazione del Sant'Uffizio e giurò come cardinale inquisitore il 14 luglio.

Non era presente al conclave del 1623 che elesse papa Urbano VIII. Celebrò un sinodo arcidiocesano nel 1624. Partecipò all'Assemblea del Clero del 1625 a Parigi.

Morì l'8 febbraio 1628 nella sua sede vescovile e fu sepolto nella chiesa della Certosa di Bordeaux.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo metropolita di Bordeaux Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Antoine Prévost de Sansac[5] 5 luglio 1599 - 8 febbraio 1628 Henri d'Escoubleau de Sourdis[6] I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antoine Prévost de Sansac[5] {{{data}}} Henri d'Escoubleau de Sourdis[6]
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi XII Apostoli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Rodrigo de Castro Osorio 20 dicembre 1600 - 30 gennaio 1606 Domenico Ginnasi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Rodrigo de Castro Osorio {{{data}}} Domenico Ginnasi
Predecessore: Cardinale presbitero di San Marcello Successore: CardinalCoA PioM.svg
Innocenzo Del Bufalo-Cancellieri 30 gennaio 1606 - 29 marzo 1621 Francesco Cennini de' Salamandri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Innocenzo Del Bufalo-Cancellieri {{{data}}} Francesco Cennini de' Salamandri
Predecessore: Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Bonifazio Bevilacqua Aldobrandini 29 marzo - 13 ottobre 1621 Michelangelo Tonti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Bonifazio Bevilacqua Aldobrandini {{{data}}} Michelangelo Tonti
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore: CardinalCoA PioM.svg
Roberto Bellarmino, S.J. 13 ottobre 1621 - 8 febbraio 1628 Marcello Lante della Rovere I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Roberto Bellarmino, S.J. {{{data}}} Marcello Lante della Rovere
Note
  1. Archbishop Henri d’Escoubleau de Sourdis † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 06-08-2021
  2. Henri d’Escoubleau de Sourdis su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 06-08-2021
  3. Bishop Charles de Balzac (Balsac) † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 06-08-2021
  4. (FR) Louis-Waldemar Ravenez, Histoire du cardinal François de Sourdis,... su books.google.fr, 1867
  5. Archbishop Antoine Prévost de Sansac † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 06-08-2021
  6. Archbishop Henri d’Escoubleau de Sourdis † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 06-08-2021
Bibbliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.