François de Joyeuse

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
François de Joyeuse
Cardinale
François de Joyeuse.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
{{{motto}}}

JOYEUSE FRANCOSI (+1615).jpg

{{{didascalia}}}
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 53 anni
Nascita Carcassonne
24 giugno 1562
Morte Avignone
23 agosto 1615
Sepoltura Chiesa di Saint-Louis de Pontoise (Rouen)
Conversione
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono no
Ordinazione presbiterale mai ordinato
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo 20 ottobre 1581 da Gregorio XIII
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile dopo il 25 gennaio 1586
Consacrazione vescovile Roma, [[ {{{aC}}} ]]
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creato
Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.
(vedi)
Creato
Cardinale
12 dicembre 1583 da Gregorio XIII (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 31 anni, 8 mesi e 11 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato

Successione apostolica

Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

François de Joyeuse (Carcassonne, 24 giugno 1562; † Avignone, 23 agosto 1615) è stato un arcivescovo e cardinale francese. È stato una figura di spicco dell'episcopato francese a cavallo tra il XVI e XVII secolo, svolgendo un ruolo di moderatore tra la corona di Francia e la Santa Sede dimostrando fedeltà a entrambi, funzione molto importante in quell'epoca di guerre di religione. Dopo la restaurazione della pace civile nel suo paese, giocò un importante ruolo diplomatico acquisendo grande prestigio sulla scena internazionale. Fu fautore convinto della riforma della Chiesa.

Cenni biografici

Nacque a Carcassonne il 24 giugno 1562, secondogenito dei sette figli di Guillaume II de Joyeuse e della moglie Marie Eléonore de Batarnay. La famiglia era imparentata con la famiglia reale francese. Come spesso accadeva nelle nobili famiglie dell'epoca, in quanto secondogenito fu destinato alla carriera ecclesiastica.

Dopo gli studi a Tolosa e poi al Collège de Navarre a Parigi di addottorò in utroque iure presso l'Università di Orléans.

Ordinato diacono a Carcassonne fu poi consigliere privato di re Enrico III di Francia, ebbe la nomina come abate commendatario di vari monasteri francesi. Fu nominato arcivescovo di Narbonne, con dispensa per non aver ancora raggiunto l'età canonica, il 20 ottobre 1581. Due anni dopo nel concistoro del 12 dicembre fu creato cardinale da papa Gregorio XIII. In viaggio per Roma per ricevere la berretta cardinalizia non fece in tempo a raggiungere il conclave che elesse papa Sisto V. Da questi ricevette il titolo di cardinale presbitero di San Silvestro in Capite il 20 maggio 1585. Rientrato in patria il 23 agosto 1585 fu nominato consigliere del Parlamento parigino. L'anno seguente il 23 gennaio fu consacrato vescovo.

Il 16 febbraio 1587 Enrico III lo nominò protettore di Francia presso la Santa Sede e il prelato si stabilì a Roma. Nel dicembre di quell'anno optò per il titolo di cardinale presbitero di Santissima Trinità al Monte Pincio. Divenne cavaliere dell'Ordine dello Spirito Santo. Fu trasferito all'arcidiocesi di Tolosa nel 1588. Su suo consiglio Enrico III chiese al papa l'assoluzione per l'assassinio del cardinal Luigi di Guisa. Ma dopo la riconciliazione del re con Enrico di Navarra a Plessis-lès-route il 30 aprile 1589 il papa, nonostante gli sforzi del cardinale, emise un monito di scomunica datato 24 maggio, che imponeva al re il rilascio del cardinale di Borbone e dell'arcivescovo di Lione e di presentarsi entro sessanta giorni a Roma di persona o per procura al Tribunale romano.

Il cardinal de Joyeuse lasciò Roma il 30 maggio per Venezia. Dopo l'assassinio di Enrico III il 1º agosto 1589 e l'ascesa al trono francese dell'ugonotto Enrico di Navarra, che prese il nome di Enrico IV, de Joyeuse si unì alla Lega cattolica, raggiungendo il fratello Antoine Scipione, divenuto duca di Joyeuse dopo la morte del fratello maggiore Anne, a Narbonne nel novembre 1589. Presiedette vari incontri provinciali della Lega a Lavaur nel marzo 1590 a Tolosa, dove si decise di chiedere al re di Spagna sostegno personale e finanziario e a Castelnaudary nel gennaio dell'anno seguente. Nel maggio 1590 tenne un sinodo locale a Tolosa, assistito dai vescovi di saint Papoul, Rieux e Lavaur e dai rappresentanti dei vescovi di Lombez, Pamiers, Mirepoix e Montauban. De Joyeuse non prese parte ai due conclavi del 1590, partecipò invece a quello del 1591 che vide l'elezione di Innocenzo IX e a quello dell'anno seguente con l'elezione di Clemente VIII. Rientrato in sede, il parlamento di Tolosa lo elesse governatore della città e del contado, incarico assunto in via provvisoria dal cardinale a causa della sua inesperienza militare, in seguito assunto dal fratello frate cappuccino Ange. Alla fine del 1593 era di nuovo a Roma. La situazione politica generale era cambiata: re Enrico IV aveva abiurato al protestantesimo a Saint Denis il 25 luglio 1593 e fu incoronato re di Francia a Chartres il 27 febbraio seguente.

Dopo la morte del cardinal Nicolas de Pellevé nel 1594, de Joyeuse divenne il più anziano cardinale francese e leader della chiesa nel suo paese. L'anno seguente optò per il titolo di san Pietro in Vincoli, il 27 aprile 1594. Nel corso del 1595, con il suo segretario Arnaud d'Ossat e Jacques Davy du Perron, allora vescovo di Évreux, operò per ottenere l'assoluzione del re francese da Clemente VIII, che ottenne il 17 settembre. Agli inizi dell'anno seguente assicurò la sua lealtà al monarca e fu da questi confermato protettore di Francia a Roma.

Rientrato in diocesi nel settembre 1598, Enrico IV lo rimandò a Roma per negoziare l'annullamento del suo matrimonio con Margherita di Valois. Il 13 febbraio 1599 era a Roma e Clemente VIII lo nominò presidente della ecclesiastica commissione incaricata dell'esame della questione, insieme con l'arcivescovo di Arles, mons. Orazio Montani (Ch) e il nunzio in Francia, mons. Gasparo Silingardi (Ch), vescovo di Modena. L'annullamento del matrimonio fu concesso il 17 dicembre, il cardinale rientrò in Francia agli inizi del 1599. Il 9 novembre 1600 accolse la nuova regina Maria de' Medici al suo arrivo a Marsiglia. Nel mese di agosto 1603 ritornò a Roma, come voluto dal re, per mantenere presso la Santa Sede una maggiore influenza.

Il 24 marzo 1604 divenne cardinale vescovo di Sabina e nel dicembre di quell'anno fu trasferito all'arcidiocesi di Rouen. Prese parte ai due conclavi del 1605 che elessero papi Leone XI e Paolo V.

Nel 1607, su richiesta del re di Francia alleato della Serenissima, fu mediatore tra la Santa Sede e la Repubblica di Venezia, per ottenere l'annullamento dell'interdetto pontificio che aveva colpito la Repubblica l'anno prima, operazione che andò a buon fine con l'abolizione delle censure papali del 21 aprile.

L'anno precedente fu legato a latere di papa Paolo V al battesimo del futuro re di Francia Luigi XIII, tenutosi a Fontainebleau il 14 settembre. Il 13 maggio 1610 incoronò Maria de Medici regina di Francia a Saint-Denis. Nonostante ciò con la morte di Enrico IV la sua influenza a corte diminuì.

Fu decano del collegio cardinalizio e assunse la sede suburbicaria di Ostia nel 1611. Gravi problemi di salute lo colpirono nel 1613. Nonostante questi problemi l'anno seguente divenne presidente degli Stati generali e fece approvare dall'assemblea del clero francese i decreti del concilio di Trento.

Messosi in viaggio per Roma, morì ad Avignone il 23 agosto 1615.

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo metropolita di Narbona Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Simon Vigor 20 ottobre 1581-4 novembre 1588 Raymond Cavalésy, O.P. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Simon Vigor {{{data}}} Raymond Cavalésy, O.P.
Predecessore: Abate commendatario di Marmoutier Successore: Template-Abbot - Provost.svg
Jacques II d'Avrily 1º gennaio 1584-24 marzo 1604 Carlo III di Borbone I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Jacques II d'Avrily {{{data}}} Carlo III di Borbone
Predecessore: cardinale presbitero di San Silvestro in Capite Successore: CardinalCoA PioM.svg
Marcantonio Bobba 20 maggio 1585-11 dicembre 1587 Pierre de Gondi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marcantonio Bobba {{{data}}} Pierre de Gondi
Predecessore: Abate commendatario di Vaux-de-Cernay Successore: Template-Abbot - Provost.svg
Mathurin Vincent 1º gennaio 1587-1º gennaio 1588 Philippe II des Portes I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Mathurin Vincent {{{data}}} Philippe II des Portes
Predecessore: Abate commendatario di Saint-Sernin Successore: Template-Abbot - Provost.svg
François de Simiane 6 maggio 1587-23 agosto 1615 Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
François de Simiane {{{data}}} Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon
Predecessore: Abate commendatario di Saint-Florent de Saumur Successore: Template-Abbot - Provost.svg
Jacques de Castelnau de Clermont-Lodève 1º gennaio 1587-1º gennaio 1610 Gilles de Souvré I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Jacques de Castelnau de Clermont-Lodève {{{data}}} Gilles de Souvré
Predecessore: Abate commendatario di Mont-Saint-Michel Successore: Template-Abbot - Provost.svg
Arthur de Cossé-Brissac 7 ottobre 1587-23 agosto 1615 Henri II de Guise I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Arthur de Cossé-Brissac {{{data}}} Henri II de Guise
Predecessore: Cardinale presbitero della Santissima Trinità al Monte Pincio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo II di Lorena-Vaudémont 11 dicembre 1587-27 aprile 1594 Denis-Simon de Marquemont I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo II di Lorena-Vaudémont {{{data}}} Denis-Simon de Marquemont
Predecessore: Abate commendatario di Sainte-Marie de Lagrasse Successore: Template-Abbot - Provost.svg
Georges II de Mandelot 1º gennaio 1588-23 agosto 1615 Louis de Nogaret de La Valette I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Georges II de Mandelot {{{data}}} Louis de Nogaret de La Valette
Predecessore: Arcivescovo metropolita di Tolosa Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Georges d'Armagnac 4 novembre 1588-1º dicembre 1604 Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Georges d'Armagnac {{{data}}} Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon
Predecessore: Abate commendatario di Boulbonne Successore: Template-Abbot - Provost.svg
Arnaud V de Boulbonne 1º gennaio 1593-1º gennaio 1597 Jacques de Villemur de Pailhès I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Arnaud V de Boulbonne {{{data}}} Jacques de Villemur de Pailhès
Predecessore: Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro di Ottaviano de' Medici 27 aprile 1594-24 marzo 1605 Girolamo Agucchi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro di Ottaviano de' Medici {{{data}}} Girolamo Agucchi
Predecessore: Abate commendatario di Saint-Géraud d'Aurillac Successore: Template-Abbot - Provost.svg
Philippe des Portes 1º gennaio 1603-23 agosto 1615 Pierre IX de Réveilles I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Philippe des Portes {{{data}}} Pierre IX de Réveilles
Predecessore: Abate commendatario di Sainte-Trinité de Fécamp Successore: Template-Abbot - Provost.svg
Aymard de Clermont-Chaste 13 maggio 1603-23 agosto 1615 Henri II de Guise I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Aymard de Clermont-Chaste {{{data}}} Henri II de Guise
Predecessore: Cardinale vescovo di Sabina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Simeone Tagliavia d'Aragona 24 marzo 1604-17 agosto 1611 Antonio Maria Sauli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Simeone Tagliavia d'Aragona {{{data}}} Antonio Maria Sauli
Predecessore: Arcivescovo metropolita di Rouen Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Carlo III di Borbone 1º dicembre 1604-23 agosto 1615 François de Harlay de Champvallon I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo III di Borbone {{{data}}} François de Harlay de Champvallon
Predecessore: Primate di Normandia Successore: PrimateNonCardinal PioM.svg
Carlo III di Borbone 1º dicembre 1604-23 agosto 1615 François de Harlay de Champvallon I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo III di Borbone {{{data}}} François de Harlay de Champvallon
Predecessore: Prefetto della Congregazione per i Vescovi e i Regolari Successore: Emblem Holy See.svg
Alessandro di Ottaviano de' Medici 1º aprile 1605-23 agosto 1615 Antonio Maria Galli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro di Ottaviano de' Medici {{{data}}} Antonio Maria Galli
Predecessore: Cardinale vescovo di Ostia e Velletri Successore: CardinalCoA PioM.svg
Domenico Pinelli 17 agosto 1611-23 agosto 1615 Antonio Maria Galli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Pinelli {{{data}}} Antonio Maria Galli
Predecessore: Decano del Collegio Cardinalizio Successore: Pavillon pontifical.png
Domenico Pinelli 17 agosto 1611-23 agosto 1615 Antonio Maria Galli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Pinelli {{{data}}} Antonio Maria Galli
Predecessore: Governatore di Velletri Successore: Velletri-Stemma it.png
Domenico Pinelli 17 agosto 1611-23 agosto 1615 Antonio Maria Galli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Pinelli {{{data}}} Antonio Maria Galli
Predecessore: Abate commendatario di Grandselve Successore: Template-Abbot - Provost.svg
Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon 1º gennaio 1612-23 agosto 1615 Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon {{{data}}} Louis de Nogaret de La Valette d'Épernon