Francisco de Solís Folch de Cardona

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Francisco de Solís Folch de Cardona
Folch de Cardona.png.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

1756 FRANCISCUS DE SOLIS FOLCH DE CARDONA - SOLIS FOLCH CARDONAS FRANCESCO.JPG

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte anni
Nascita Salamanca
16 febbraio 1713
Morte Roma
21 marzo 1776
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale non si hanno informazioni
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 20 gennaio 1749
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 16 marzo 1749 dall'arcivescovo Enrico Enríquez
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
5 aprile 1756 da Benedetto XIV (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Francisco de Solís Folch de Cardona (Salamanca, 16 febbraio 1713; † Roma, 21 marzo 1776) è stato un cardinale e arcivescovo spagnolo.

Cenni biografici

Francisco nacque a Salamanca il 16 febbraio 1713, da José Solís y Gante, marchese di Castelnovo, conte di Saldueña e terzo duca di Montellano, e dalla moglie Josefa Folch de Cardona, marchesa di Castelnovo y Pons, che si racconta partorì il figlio nella sacrestia della chiesa parrocchiale. Suo padre era uno dei membri fondatori della Real Academia Española, costituita l'anno della nascita del nostro. Il fratello maggiore, Alonso, conte di Saldueña, fu viceré della Navarra, mentre l'altro fratello José fu viceré di Nueva Granada (oggi Colombia) per poi farsi frate nei Minori.

Fu educato in famiglia con eccellenti insegnanti che gli diedero un'ottima educazione generale. Intraprese poi la carriera ecclesiastica. A diciotto anni perse l'uso dell'occhio sinistro, che fu sostituito da uno in vetro. Non si hanno dati sull'ordinazione sacerdotale, di certo fu cappellano reale, tesoriere e canonico del capitolo della cattedrale di Malaga di cui divenne decano nel 1744.

Nel 1749 fu nominato arcivescovo titolare di Traianopoli e co-amministratore della sede metropolitana di Siviglia, allora retta dal cardinale Luis de Borobón, Infante di Spagna.

Il 16 marzo 1749 fu consacrato nel monastero madrileno dell'Incarnazione delle monache agostiniane scalze dall'arcivescovo Enrico Enriquez, nunzio in Spagna, coadiuvato da mons. Juan Antonio Pérez Arellano (Ch) e da mons. Andrés Núñez Montegaudo (Ch), ausiliare a Toledo.

Nel 1752 fu trasferito alla sede di Cordoba con titolo personale di arcivescovo. Dopo la rinuncia dell'infante al cardinalato e alle amministrazioni apostoliche nel concistoro del 18 dicembre 1754, accettata da papa Benedetto XIV, fu promosso alla sede metropolitana di Siviglia, il 17 novembre dell'anno seguente. Il pallio gli fu concesso lo stesso giorno. Le importanti rendite dell'arcidiocesi gli permisero di compiere importanti opere: ampliò e modernizzò il seminario; ricostruì e abbellì la cattedrale metropolitana e il monastero delle suore cappuccine, distrutto da un incendio. E' ricordato come l'arcivescovo dei poveri per la sua grande carità.

Fu creato cardinale nel concistoro del 5 aprile 1756. Il papa gli inviò, tramite l'abate conte Giovanni Maria Mandelli, la berretta rossa, che come da consuetudine fu posta sul prelato dal re di Spagna Fernando VI. Non partecipò al conclave del 1758 che elesse papa Clemente XIII, fu però presente al successivo con l'elezione di Clemente XIV. Con la sua presenza a Roma poté ricevere 22 giugno 1769 il titolo presbiterale dei santi XII Apostoli e fu ascritto a varie congregazioni cardinalizie. Fu presente anche ai lavori del successivo conclave del 1774-1775 che elesse papa Pio VI.

Morì a Roma pochi giorni dopo l'elezione del nuovo pontefice e dopo aver ricevuto l'estrema unzione e la benedizione papale. Il funerale fu celebrato il 27 marzo nella sua chiesa titolare, con la partecipazione del papa e del Sacro Collegio Cardinalizio. Il corpo, posto in una triplice bara, fu consegnato al padre guardiano di quella chiesa e ivi sepolto, in attesa delle decisioni della famiglia. Il suo cuore fu inviato in patria in un'urna di cristallo e sepolto nella chiesa dei Cappuccini di Siviglia, da lui ricostruita.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Traianopoli di Rodope Successore: ArcbishopCoA PioM.svg
Pietro de Carolis 20 gennaio 1749 - 25 settembre 1752 Niccolò Oddi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro de Carolis {{{data}}} Niccolò Oddi
Predecessore: Vescovo di Cordova
(titolo personale di arcivescovo)
Successore: BishopCoA PioM.svg
Miguel Vicente Cebrián Agustín 25 settembre 1752 - 17 novembre 1755 Martín Barcia Carrascal I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Miguel Vicente Cebrián Agustín {{{data}}} Martín Barcia Carrascal
Predecessore: Arcivescovo metropolita di Siviglia Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Luis Salcedo Azcona 17 novembre 1755 - 21 marzo 1776 Francisco Javier Delgado Benegas I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luis Salcedo Azcona {{{data}}} Francisco Javier Delgado Benegas
Predecessore: Cardinale presbitero dei santi XII Apostoli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gian Vincenzo Lorenzo Ganganelli, O.F.M.Conv. 26 giugno 1769 - 21 marzo 1776 Giovanni Archinto I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gian Vincenzo Lorenzo Ganganelli, O.F.M.Conv. {{{data}}} Giovanni Archinto
Bibliografia

(ES) Francisco Aguilar Piñal, Francisco Solís y Folch de Cardona su dbe.rah.es. URL consultato il 23-04-2019

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.