Giovanni Ottavio Bufalini

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giovanni Ottavio Bufalini
Bufalini 1.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Bufalini Giovanni Ottavio.jpg

Ritratto di Giovanni Ottavio Bufalini; Lucerna, convento dei Cappuccini, Galleria dei nunzi
{{{motto}}}
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 73 anni
Nascita Città di Castello
17 gennaio 1709
Morte Montesicuro
3 agosto 1782
Sepoltura Cattedrale di Ancona
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 17 novembre 1754
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 16 dicembre 1754 da papa Benedetto XIV
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 21 dicembre 1754 dal Cardinal Joaquín Fernández de Portocarrero Mendoza
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
21 luglio 1766 da Clemente XIII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Giovanni Ottavio Bufalini (Città di Castello, 17 gennaio 1709; † Montesicuro, 3 agosto 1782) è stato un cardinale, arcivescovo e nunzio apostolico italiano.

Cenni biografici

Giovanni Ottavio era figlio terzogenito del marchese Filippo Bufalini e della moglie marchesa Anna Maria Sorbelli. Nacque a Città di Castello il 17 gennaio 1709. Studiò a Modena al collegio dei Nobili di San Carlo, si trasferì in seguito a Roma per applicarsi agli studi legali. Fu quindi in Spagna al seguito del cardinale Silvio Valenti Gonzaga, che fu nunzio a Madrid dal 1736 al 1738. Il Valenti Gonzaga, divenuto segretario di Stato nel 1740, favorì notevolmente la carriera del Bufalini: infatti questi, laureatosi in utroque iure all'università di Macerata il 5 gennaio 1740, entrò in prelatura nel gennaio dell'anno seguente e fu nominato governatore di Benevento per passare due anni dopo, con la stessa carica, a Loreto.

Nel 1747 rientrò a Roma e Benedetto XIV lo nominò chierico della Camera Apostolica, presidente della Zecca e provveditore generale dell'Ospedale di Santo Spirito in Sassia. Nel 1754 fu ordinato sacerdote e nominato arcivescovo titolare di Calcedonia. Ricevette la consacrazione vescovile il 21 dicembre nella chiesa romana di sant'Ignazio dalle mani del cardinale Joaquín Fernández de Portocarrero, coadiutori furono i monsignori Giorgio Maria Lascaris (Ch) C.R., arcivescovo della sede titolare di Teodosia e Nicolas-Xavier Santamarie (Ch), vescovo della sede titolare di Cirene. Lo stesso giorno fu incaricato di reggere la nunziatura di Lucerna e il 23 gennaio seguente ebbe anche la dignità, come consuetudine per il corpo diplomatico, di assistente al soglio pontificio.

Raggiunse la sua destinazione il 27 febbraio 1755 e nei pochi anni della sua permanenza in Svizzera non dovette affrontare problemi particolarmente spinosi. Nel 1755 difese la nomina del nuovo vescovo di Coira Johann Baptist Anton von Federspiel[1] di fronte alla Lega Caddea[2]. Nel 1757 approvò l'abolizione del priorato di Reichenau. Nel 1758 la sua ripetuta inosservanza delle forme diplomatiche in uso nella Confederazione portò a un irrigidimento dei rapporti tra Lucerna e la nunziatura.[3]

Quando fu eletto al papato Clemente XIII fu richiamato dalla Svizzera e il 2 ottobre 1759 venne nominato prefetto dei sacri palazzi apostolici. L'importante carica fu ottenuta anche grazie all'appoggio del cardinale Luigi Maria Torrigiani, al quale il Bufalini rimase sempre fedele.

Papa Clemente XIII lo creò cardinale nel concistoro del 21 luglio 1766 e il 6 agosto dello stesso anno ricevette il titolo di Santa Maria degli Angeli.

Il 1º dicembre 1766 fu nominato arcivescovo, titolo personale, di Ancona, carica che mantenne fino alla sua morte. Oltre che dei problemi religiosi si occupò anche dello sviluppo economico della città, che era fra le più fiorenti degli Stati Pontifici.

Partecipò ai due conclavi che elessero Clemente XIV e Pio VI. Nel primo, che durò dal 15 febbraio al 18 maggio 1769 e che Bufalini raggiunse il 5 marzo, sin dal 22 febbraio si formò un gruppo di cardinali favorevoli alla sua elezione, poiché ritenuto fedele alla linea di governo attuata da Clemente XIII e amico della Compagnia. Ma a questa nomina si opposero i rappresentanti delle corti borboniche: un loro portavoce, il cardinal Domenico Orsini d'Aragona, presentò, a scopo dilatorio, la candidatura di Giovanni Francesco Stoppani. Il Bufalini comunque rimase fino all'ultimo intransigentemente contrario all'elezione del Ganganelli, che fu eletto papa con il nome di Clemente XIV e durante il suo pontificato restò decisamente nell'ombra.

Nel conclave del 1774 apparve papabile come indipendente, non essendo più apertamente legato ad alcun gruppo, ma pesò contro di lui l'antica fama di filogesuita: egli preferì quindi appoggiare l'elezione del Braschi cui fu sempre molto legato.

Nel 1779 celebrò un sinodo diocesano e nel 1782 ospitò ad Ancona la visita di papa Pio VI. Sebbene temesse gli scambi culturali con gli eretici e gli ebrei, incoraggiò l'istruzione aprendo il seminario anche ai laici.

Morì a Montesicuro il 3 agosto 1782 e fu sepolto nella cattedrale di Ancona.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Governatore di Benevento Successore: Emblem Holy See.svg
Ottavio Antonio Bayardi 7 gennaio 1741 - 16 novembre 1743 G.B. Anguisciola I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ottavio Antonio Bayardi {{{data}}} G.B. Anguisciola
Predecessore: Governatore di Loreto Successore: Emblem Holy See.svg
Al. Faroldi Alberoni 16 novembre 1743 - 1747 G. E. Stella I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Al. Faroldi Alberoni {{{data}}} G. E. Stella
Predecessore: Arcivescovo titolare di Calcedonia Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Martino Innico Caracciolo (Ch) 16 dicembre 1754 - 21 luglio 1766 Michael Angelus Giacomelli (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Martino Innico Caracciolo (Ch) {{{data}}} Michael Angelus Giacomelli (Ch)
Predecessore: Nunzio apostolico per la Svizzera Successore: Emblem Holy See.svg
Girolamo Spinola 21 dicembre 1754 - 2 ottobre 1759 Niccolò Oddi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Spinola {{{data}}} Niccolò Oddi
Predecessore: Prefetto dei sacri palazzi apostolici Successore: Emblem Holy See.svg
Marcantonio Colonna 2 ottobre 1759 - 21 luglio 1766 Giovanni Battista Rezzonico I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marcantonio Colonna {{{data}}} Giovanni Battista Rezzonico
Predecessore: Governatore di Castel Gandolfo Successore: Castel Gandolfo-Stemma.png
Marcantonio Colonna 2 ottobre 1759 - 21 luglio 1766 Giovanni Battista Rezzonico I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marcantonio Colonna {{{data}}} Giovanni Battista Rezzonico
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria degli Angeli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Filippo Acciaiuoli 6 agosto 1766 - 3 agosto 1782 Guglielmo Pallotta I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Filippo Acciaiuoli {{{data}}} Guglielmo Pallotta
Predecessore: Vescovo di Ancona e Numana
(titolo personale di arcivescovo)
Successore: BishopCoA PioM.svg
Filippo Acciaiuoli 1º dicembre 1766 - 3 agosto 1782 Vincenzo Ranuzzi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Filippo Acciaiuoli {{{data}}} Vincenzo Ranuzzi
Predecessore: Abate commendatario di Santa Maria di Valdiponte Successore: Prepozyt.png
Giovanni Angelo Braschi 20 marzo 1773 - 3 agosto 1782 Carlo Livizzani Forni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Angelo Braschi {{{data}}} Carlo Livizzani Forni
Note
  1. Federspiel, Johann Baptist Anton von sul Dizionario storico della Svizzera
  2. Lega Caddea sul Dizionario storico della Svizzera
  3. Bufalini, Giovanni Ottavio sul Dizionario storico della Svizzera
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.