Marcantonio Colonna juniore

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Marcantonio Colonna
Cardinale
Colonna Marcantonio (1724-1793).jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{motto}}}

Colonnaiunior.jpg

Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 69 anni
Nascita Roma
16 agosto 1724
Morte Roma
4 dicembre 1793
Sepoltura Basilica dei Santi Dodici Apostoli (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono 9 marzo 1760
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1º febbraio 1761
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo 19 aprile 1762 da Clemente XIII
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Cappella Paolina nel Palazzo apostolico del Quirinale (Roma), 25 aprile 1762 dal papa Clemente XIII
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
24 settembre 1759 da Clemente XIII (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 34 anni, 2 mesi e 10 giorni
Cardinale elettore
Incarichi ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato

Ordinazioni

Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Marcantonio Colonna juniore (Roma, 16 agosto 1724; † Roma, 4 dicembre 1793) è stato un cardinale e arcivescovo italiano.

Biografia

Nacque a Roma il 16 agosto 1724. Era uno dei 15 figli di Fabrizio Colonna, principe di Paliano, grande connestabile del Regno di Napoli e di Caterina Zefirina Salviati. Era fratello del Cardinale Pietro Colonna Pamphili (1725-1780) e pronipote del Cardinale Carlo Colonna (1665-1739), che quindi era suo zio[1].

Formazione e ministero sacerdotale

Il 22 settembre 1745 ha conseguito i dottorati in utroque iure, in Diritto canonico e civile e in teologia, discutendo la sua tesi alla presenza di Papa Benedetto XIV; la tesi fu pubblicata a Roma nello stesso anno.

Prefetto del Sacro Palazzo Apostolico, 1743, quando suo zio Girolamo fu promosso al cardinalato; il Cardinale Girolamo mantenne la giurisdizione del posto fino al settembre 1756, quando fu nominato camerlengo di Santa Romana Chiesa e Monsignor Marcantonio il titolo onorifico. Protonotaro apostolico numerario participante, il 30 agosto 1744, Referendario dei Tribunali della Segnatura Apostolica di Grazia e Giustizia, il 7 gennaio 1747. Abate in commendam dell'abbazia di San Paolo, Albano, dal marzo 1747 e delle abbazie di S. Vincenzo al Volturno, S. Lazaro di Capua e S. Pietro in Ciamprisco. Consultore della sacra Congregazione dei Riti dall'aprile 1747.

Cardinalato

Papa Clemente XIII lo elevò al rango di Cardinale nel Concistoro del 24 settembre 1759, ha ricevuto il Cappello cardinalizio il 27 settembre successivo e la Diaconia di Santa Maria in Aquiro il 17 novembre 1759. Ha ricevuto gli ordini minori l'11 febbraio 1760 e il diaconato il 9 marzo 1760. Ordinato il 1º febbraio 1761, ha optato per l'ordine dei Cardinali presbiteri e il Titolo di Santa Maria della Pace il 19 aprile 1762.

Ministero episcopale

Eletto arcivescovo titolare di Corinto il 19 aprile 1762, Vicario generale di Sua Santità per la città di Roma, il 20 aprile 1762, Prefetto della Sacra Congregazione per la Residenza dei Vescovi, il 20 aprile 1762, fino alla sua morte, è stato consacrato il 25 aprile 1762 nella Cappella Paolina del Palazzo Apostolico del Quirinale a Roma da Clemente XIII, assistito dal Cardinale Giovanni Francesco Albani, vescovo di Sabina e dal cardinale Henry Benedict Maria Clement Stuart, duca di York, vescovo di Frascati. Arciprete della patriarcale basilica Liberiana, nel gennaio 1763.

Nello stesso anno è stato nominato membro della Sacra Congregazione dei Riti, Sacra Congregazione del concilio tridentino, Fabbrica di San Pietro, Sacra Congregazione per l'Immunità Ecclesiale, Sant'Uffizio e la Sacra Congregazione per le indulgenze e le sacre reliquie.

Ha preso parte al conclave del 1769, che ha eletto Papa Clemente XIV; Camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali, dal 20 gennaio 1770 al 4 marzo 1771; prefetto della formazione spirituale del Collegio Romano e Seminario Romano dal novembre 1773. Nel 1774 si oppose alla chiusura provvisoria del Seminario Romano, diretto dai Gesuiti. Ha partecipato al conclave del 1774-1775, che elesse Papa Pio VI. Nominato Legato ''a latere'' per l'apertura e chiusura della Porta Santa per Anno Giubilare 1775, nella Basilica patriarcale Liberiana, il 13 novembre 1775.

Prefetto della Sacra Congregazione dei Vescovi e dei Regolari; prefetto della formazione spirituale del Collegio Romano. Ha optato per il titolo di San Lorenzo in Lucina, il 25 giugno 1784. Cardinale protopresbitero, ha optato per l'ordine dei cardinali vescovi e la sede suburbicaria di Palestrina il 20 settembre 1784.

Particolarmente caro gli era il seminario diocesano, al quale lasciò alla sua morte una ricchissima dotazione. Cardinale protettore della Congregazione Benedettina Silvestrina della Cappella Paolina nella Basilica patriarcale Liberiana, della Congregazione dei Chierici Regolari Teatini; della Piaristi (Scolopi); del Collegio Nazareno di Roma; della Congregazione dei Benefratelli; dell'Ordine Camaldolese e di parecchi altri istituti e sodalizi. Era molto generoso e difensore dei poveri.

Morte

Morì a Roma il 4 dicembre 1793 all'età di 69 anni. Esposto nella Basilica dei Santi Dodici Apostoli di Roma, la sua parrocchia, dove ebbe luogo il funerale, è stato sepolto in questa stessa chiesa, come da suo volere.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Prefetto dei sacri palazzi apostolici Successore: Emblem Holy See.svg
Girolamo Colonna di Sciarra 9 settembre 1743-24 settembre 1759 Giovanni Ottavio Bufalini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Colonna di Sciarra {{{data}}} Giovanni Ottavio Bufalini
Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Aquiro Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Tanara 19 novembre 1759-19 aprile 1762 Andrea Negroni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Tanara {{{data}}} Andrea Negroni
Predecessore: Arcivescovo titolare di Corinto Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Enrico Benedetto Stuart 19 aprile 1762-20 settembre 1784 Ippolito Antonio Vincenti Mareri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Enrico Benedetto Stuart {{{data}}} Ippolito Antonio Vincenti Mareri
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria della Pace Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonio Maria Priuli 19 aprile 1762-25 giugno 1784 Ignazio Busca I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Maria Priuli {{{data}}} Ignazio Busca
Predecessore: Vicario generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma Successore: Berretta cardinalizia.png
Antonio Maria Erba-Odescalchi 20 aprile 1762-4 dicembre 1793 Andrea Corsini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Maria Erba-Odescalchi {{{data}}} Andrea Corsini
Predecessore: Prefetto della Congregazione per la Residenza dei Vescovi Successore: Emblem Holy See.svg
Antonio Maria Erba-Odescalchi 20 aprile 1762-4 dicembre 1793 Andrea Corsini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Maria Erba-Odescalchi {{{data}}} Andrea Corsini
Predecessore: Arciprete della Basilica Liberiana di Santa Maria Maggiore Successore: Santa maria maggiore 051218-01.JPG
Girolamo Colonna di Sciarra 18 gennaio 1763-4 dicembre 1793 Andrea Corsini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Colonna di Sciarra {{{data}}} Andrea Corsini
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Pietro Girolamo Guglielmi 20 gennaio 1770-4 marzo 1771 Andrea Corsini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Girolamo Guglielmi {{{data}}} Andrea Corsini
Predecessore: Cardinale protopresbitero Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo Vittorio Amedeo delle Lanze 23 gennaio - 20 settembre 1784 Paul d'Albert de Luynes I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Vittorio Amedeo delle Lanze {{{data}}} Paul d'Albert de Luynes
Predecessore: Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo Vittorio Amedeo delle Lanze 25 giugno - 20 settembre 1784 Giovanni Carlo Boschi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Vittorio Amedeo delle Lanze {{{data}}} Giovanni Carlo Boschi
Predecessore: Cardinale vescovo di Palestrina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Girolamo Spinola 20 settembre 1784-4 dicembre 1793 Leonardo Antonelli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Spinola {{{data}}} Leonardo Antonelli
Note
  1. Non nonno, come erroneamente è detto in alcune fonti
Fonti
Collegamenti esterni