Pompeo Arrigoni

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Pompeo Arrigoni
P. Arrigoni.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

1596 POMPEIUS ARRIGONIUS - ARRIGONI POMPEO.JPG

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 64 anni
Nascita Roma
2 marzo 1552
Morte Torre del Greco
4 aprile 1616
Sepoltura Cattedrale di Benevento
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 7 febbraio 1607
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 24 febbraio 1607 da Paolo V
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
5 giugno 1596 da Clemente VIII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Pompeo Arrigoni (Roma, 2 marzo 1552; † Torre del Greco, 4 aprile 1616) è stato un arcivescovo e cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque a Roma il 2 marzo 1552, anche se un documento contemporaneo della corte di Madrid colloca la nascita nel 1548. Era figlio di Giovanni Giacomo, la famiglia era originaria della Lombardia.

Compì i suoi studi superiori a Perugia, Bologna e Padova: nello Studio di quest'ultima città si addottorò in utroque iure. Rientrato a Roma esercitò a lungo l'avvocatura ordinaria e difese in più occasioni gli interessi della corona spagnola. Re Filippo II di Spagna nel 1584 gli ottenne dal papa Gregorio XIII la nomina ad avvocato concistoriale. In quella veste presentò a Sisto V, a nome della corte spagnola, un'istanza per la canonizzazione di Diego d'Alcalá e il 25 giugno 1588 tenne in proposito un'orazione in concistoro.

Fu uditore della Sacra Rota nel 1590, con la sua grande competenza giuridica e la finezza diplomatica divenne una delle personalità di maggior rilievo della Curia romana. Clemente VIII lo ebbe tra i suoi più ascoltati consiglieri e nel [[concistoro del 5 giugno 1596] lo creò cardinale, ricevendo il 21 giugno seguente la diaconia di Santa Maria in Aquiro. Ricevette gli ordini maggiori il 24 gennaio 1597 e mutò titolo in quello di cardinale presbitero di Santa Balbina.

Fu ascritto alla Congregazione del Sant'Uffizio e il pontefice gli affidò delicati incarichi: nel 1598 accompagnò il papa nel viaggio fatto a Ferrara per prendere possesso della città devoluta alla Santa Sede. Il pontefice lo volle nella commissione per l'annullamento del matrimonio del re di Francia Enrico IV con Margherita di Valois e nel 1601 volle la sua assistenza nella congregazione ''de Auxiliis divinae gratiae'' che tentava di risolvere la difficile questione dottrinale sollevata dall'opera di Luis de Molina S.I. e nel 1604 lo incaricò di presiedere al capitolo romano dei teatini per l'elezione dei nuovo generale dell'Ordine.

L'Arrigoni mantenne sempre una notevole indipendenza di giudizio e di azione rispetto alle varie forze politiche che agivano sulla Chiesa. Anche la corte spagnola, che pure aveva a lungo rappresentato presso la Curia, lo riteneva così poco arrendevole alle proprie esigenze che una commissione di statisti spagnoli nel 1601 lo incluse tra i cardinali che i membri spagnoli del futuro conclave non avrebbero in nessun caso dovuto eleggere.

Nel primo conclave del 1605, alla morte di Clemente VIII, l'Arrigoni sembrò avere qualche possibilità di essere eletto papa, ma il parere negativo della Spagna non gli permise di ottenere sufficienti consensi. Finì per schierarsi tra i sostenitori di Alessandro de' Medici, alla cui proclamazione dette un deciso contributo.

Leone XI lo volle tra i suoi più vicini collaboratori e gli affidò la Dataria, che resse dapprima come prefetto e poi come prodatario dal 21 maggio 1605. Lo chiamò inoltre a far parte, insieme con i cardinali Baronio, Cesi e Du Perron, della Congregazione della stamperia vaticana e gli affidò l'incarico di dirigere una nuova edizione delle decretali.

La candidatura dell'Arrigoni nel conclave seguito alla morte di Leone XI il 27 aprile fu sino alla fine contrapposta da quella del cardinale Camillo Borghese; ma allorché questi fu eletto l'Arrigoni conservò la fiducia che in lui avevano avuto i precedenti pontefici. Papa Paolo V lo ascrisse alla Congregazione dell'Indice e di quella di Propaganda Fide e lo confermò nella carica di datario. Lo volle inoltre nel comitato di cardinali preposto ai lavori per l'ampliamento della basilica di San Pietro.

Nel 1607, per l'aggravarsi dei contrasti teologici tra gesuiti e domenicani, la controversia sulla grazia si impose nuovamente all'attenzione dei pontefice. Questi chiamò a far parte del ristretto gruppo di cardinali dai quali volle essere assistito in quell'occasione anche l'Arrigoni, che propose a Paolo V una posizione il più possibile cauta, sconsigliando la proibizione dell'opera del Molina, opponendosi alla formulazione di troppo rigide proposizioni teologiche, che avrebbero provocato una ripresa della polemica protestante, e chiedendo un nuovo esame del problema.

Sul finire di quell'anno, per motivi di cui non si hanno notizie, l'Arrigoni fu privato della carica di datario, affidata in seguito al cardinale Michelangelo Tonti, e si allontanò da Roma. Nominato arcivescovo di Benevento il 7 febbraio ricevette dal pontefice la consacrazione episcopale assieme al cardinal Anselmo Marzato, O.F.M. Cap. nella cappella Sistina il 24 seguente. Da allora si dedicò quasi esclusivamente alla sua diocesi, pur partecipando talvolta ai lavori delle Congregazioni di cui faceva parte. Come membro dell'Inquisizione romana nel maggio del 1616 partecipò a una delle sedute in cui si esaminarono le posizioni di Galileo.

Morì a Torre del Greco il 4 aprile 1616.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Aquiro Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonmaria Salviati 21 giugno 1596 - 24 gennaio 1597 Lorenzo Magalotti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonmaria Salviati {{{data}}} Lorenzo Magalotti
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Balbina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gaspar de Quiroga y Vela 24 gennaio 1597 - 4 aprile 1616 Antonio Zapata y Cisneros I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gaspar de Quiroga y Vela {{{data}}} Antonio Zapata y Cisneros
Predecessore: Cardinale protettore dell'Almo Collegio Capranica Successore: EE-07 Angelo Capranica0001.jpg
Michele Bonelli 1600 - 4 aprile 1616 Tiberio Muti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Michele Bonelli {{{data}}} Tiberio Muti
Predecessore: Segretario della Congregazione della Romana e Universale Inquisizione Successore: Emblem Holy See.svg
Camillo Borghese 1605 - 4 aprile 1616 Giovanni Garzia Millini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Camillo Borghese {{{data}}} Giovanni Garzia Millini
Predecessore: Datario di Sua Santità Successore: Emblem Holy See.svg
Lucio Sassi 1605 - 1607 Michelangelo Tonti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lucio Sassi {{{data}}} Michelangelo Tonti
Predecessore: Arcivescovo di Benevento Successore: Stemma arcivescovo.png
Massimiliano Palumbara (Ch) 7 febbraio 1607 - 4 aprile 1616 Alessandro di Sangro (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Massimiliano Palumbara (Ch) {{{data}}} Alessandro di Sangro (Ch)
Bibliografia
  • Gaspare De Caro , Dizionario biografico degli italiani, Vol. 4 (1962), ARRIGONI, Pompeo

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.