Beato Raimondo da Capua

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Raimondo da Capua)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Beato Raimondo da Capua delle Vigne, O.P.
Presbitero
[[File:|120px]]
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
Beato
'

[[File:|250px]]

Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte circa 69 anni
Nascita Capua
1330 ca.
Morte Norimberga
5 ottobre 1399
Sepoltura
Conversione
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa 1348
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1355 ca.
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creato
Creato
Cardinale
Cardinale per
Cardinale per
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti Maestro generale dell'Ordine dei Frati Predicatori
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 15 maggio 1899, da Pio IX
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 5 ottobre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 5 ottobre, n. 13:
« A Norimberga nella Baviera, in Germania, beato Raimondo delle Vigne, sacerdote dell'Ordine dei Predicatori, che fu prudente guida spirituale di santa Caterina da Siena, di cui scrisse anche una biografia. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

Beato Raimondo da Capua delle Vigne (Capua, 1330 ca.; † Norimberga, 5 ottobre 1399) è stato un presbitero e scrittore italiano. Fu confessore e direttore spirituale di santa Caterina da Siena e 23° Maestro generale dei domenicani, ricordato come magister Catherinae.

Cenni biografici

Raimondo nacque a Capua verso il 1330, figlio di Pietro delle Vigna e da Maria, probabilmente di nobile famiglia, il cui cognome però non ci è pervenuto.

Entrò nell'Ordine dei domenicani a Orvieto, dove fece la professione poco dopo la morte del padre, avvenuta a Napoli il 18 dicembre 1348. Per tutta la vita appartenne alla provincia romana: dopo aver ricevuto gli ordini maggiori intorno al 1355, fu inviato come lector di teologia a Bologna.

Nel 1366 si trovava a Montepulciano, direttore spirituale del convento delle suore domenicane intitolato a sant'Agnese. Il 28 aprile 1366 vi pubblicò la Legenda s. Agnetis de Montepolitano. Nel 1367 fu priore del convento romano della Minerva, poi passò in Toscana, dove restò a lungo.

Nel 1374 venne incaricato dal capitolo generale dell'ordine di assumere la direzione spirituale della giovane terziaria Caterina Benincasa, la santa di Siena, presso la quale fu per quattro anni e quasi senza interruzione, padre spirituale, confessore e discepolo.

Nel 1376 accompagnò la santa nel suo viaggio ad Avignone dove funse da intermediario di Caterina nei tentativi di ottenere la pace e di persuadere il Papa a tornare a Roma.

Fu con lei a Roma, priore della Minerva per la seconda volta nel 1377, dove Papa Urbano VI lo ebbe in grande stima. Morta santa Caterina, continuò come lei a difendere appassionatamente la canonicità dell'elezione di Urbano VI, accettando nel 1380 anche di divenire maestro generale dell'ordine.

Sostenne anche le parti di Papa Bonifacio IX nei suoi molti viaggi in Italia, in Ungheria e in Germania. La molta esperienza raccolta nelle visite ai conventi dell'ordine lo indusse a tentare una radicale riforma di questo, per riportarlo all'originaria austerità. Perseguì pure tenacemente la causa della canonizzazione della sua grande penitente, della quale scrisse anche la Vita tra il 1385 e il 1395, la Legenda maior s. Catherinae Senensis.

Morì nel 1399, nel convento domenicano di Norimberga.

Bibliografia
  • Katherina Walsh, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 37 (1989), online
  • Padre Daniele Penone, I domenicani nei secoli: panorama storico dell'Ordine dei frati predicatori, Bologna, (1998), p. 184 ss. online
  • Padre Domenico Maria Marchese, Sagro diario domenicano, Vol. 5, online