Sede titolare di Damasco

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Damasco
Sede arcivescovile titolare
Archidioecesis Damascena
Patriarcato di Antiochia
Sede titolare di Damasco
Mappa della diocesi civile d'Oriente (V secolo)
Vescovo titolare: {{{vescovo}}}
Arcivescovo titolare:
Sede vacante
Suffraganea
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: suffraganeadi

Vedi {{Sede titolare della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

Istituita: XIV secolo
Soppressa: {{{sedetitolaresoppressa}}}
Stato: Siria
Nazione bandiera Siria
Regione: Fenicia
Località: Damasco
collocazione
geografica:
[[Immagine:{{{mappacollocazione}}}|200 px]]
Diocesi soppressa di Damasco
Diocesi suffraganee:
Eretta: IV secolo
Soppressa: ?
{{{informazioni}}}

Dati dall'annuario pontificio

Elenco delle sedi titolari della Chiesa cattolica
Tutte le sedi titolari

La sede titolare di Damasco (in latino: Archidioecesis Damascena) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia

Damasco, capitale dell'odierna Siria, è l'antica sede metropolitana della provincia romana di Fenicia Seconda nella diocesi civile d'Oriente.

La fondazione della comunità cristiana della città di Damasco è dovuta al noto fatto che qui, san Paolo, incontrò Anania, capo della locale comunità paleocristiana, che lo avviò al cristianesimo. La diocesi di Damasco fu fondata nel IV secolo per opera dell'imperatore Teodosio I, il quale diede disposizioni perché il locale tempio di Giove Damasceno venisse convertito in chiesa per il culto cristiano e dedicato a San Giovanni Battista.

La diocesi conservò le proprie strutture anche dopo la conquista musulmana della città (636). Essa, infatti, è ancora menzionata in una Notitia Episcopatuum del X secolo, dove occupa il 9º posto fra le metropolie del patriarcato di Antiochia, con dieci diocesi suffraganee: Abila, Laodicea, Eurea (Evaria), Conocora, Jabruda, Danaba, Corada, Alali (Arlana), Parembole (diocesi dei Saraceni) e Palmira. Inoltre Eliopoli, suffraganea di Damasco nel VI secolo, nella stessa Notitia è menzionata come arcidiocesi autocefala.[1]

Oggi Damasco sopravvive come sede arcivescovile titolare; la sede è vacante dal 26 giugno 1967.

Cronotassi degli arcivescovi greci

  • Magno † (prima del 325 - dopo il 341)
  • Filippo † (menzionato nel 381)
  • Giovanni I † (menzionato nel 431)
  • Teodoro † (prima del 445 - dopo il 451)
  • Giovanni II (Doroteo) † (menzionato nel 458)
  • Pietro † (? - 512 deposto)
  • Eustazio † (menzionato nel 553)
  • Germano † (menzionato nel 590 circa)
  • San Pietro † (? - circa 743 deceduto)
  • Sergio † (prima del 1021 - circa 1033 dimesso)

Cronotassi degli arcivescovi titolari

Note
  1. Siméon Vailhé, Une «Notitia Episcopatuum» d'Antioche du X siècle, in Echos d'Orient, tomo X, 1907, pp. 95-96, 145. Di tutte queste suffraganee, già conosciute nel VI secolo, sono però pochi i vescovi noti nei secoli successivi.
Fonti
Collegamenti esterni

Voce Arcidiocesi di Damasco di it.wiki: il materiale ivi presente è stato rielaborato in senso cattolico e integrato

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.