Pietro Francesco Galleffi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Pietro Francesco Galleffi
Cardinale
GALEFFI Pietro F camerlengo 18 06 1837.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
In lumine tuo

AlfabGx008.jpg

{{{didascalia}}}
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 66 anni
Nascita Cesena
27 ottobre 1770
Morte Roma
18 giugno 1837
Sepoltura Chiesa della Santissima Trinità dei Pellegrini (Roma)
Conversione
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 22 febbraio 1794
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo 31 agosto 1819 da Pio VII
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Chiesa dei Santi Domenico e Sisto (Roma), 31 agosto 1819 dal card. vescovo Alessandro Mattei
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creato
Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.
(vedi)
Creato
Cardinale
11 luglio 1803 da Pio VII (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 33 anni, 11 mesi e 7 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato

Successione apostolica

Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Pietro Francesco Galleffi (Cesena, 27 ottobre 1770; † Roma, 18 giugno 1837) è stato un cardinale e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Nacque a Cesena dal conte Vincenzo e dalla contessa Violante nata Fantaguzzi. Il suo nome di battesimo è anche elencato come Pier Francesco; e il suo cognome come Galeffi.

Formazione e attività ecclesiastica

Destinato alla carriera ecclesiastica, studiò presso il convento francescano di Cesena e per la sua educazione fu affidato intorno al 1780 al padre Bonaventura Gazzola, docente di scienze e di diritto canonico, futuro vescovo e cardinale.

Nel 1791 il Galleffi si recò a Roma per proseguire gli studi all'Pontificia Accademia Ecclesiastica. Nel 1794 Papa Pio VI, suo concittadino, lo nominò cameriere segreto partecipante e canonico del capitolo della Basilica di San Pietro in Vaticano in sostituzione di Annibale Sermattei Della Genga, divenuto nunzio apostolico a Colonia.

Fu costretto a rientrare a Cesena dalle autorità della Prima Repubblica Romana il 17 maggio 1798, con la restaurazione pontificia divenne economo e segretario della Fabbrica di San Pietro il 30 ottobre 1800.

Entrò nella prelatura romana come prelato domestico di Sua Santità prima dell'8 novembre 1800. Nominato referendario il 9 novembre 1800. Protonotario apostolico non partecipante prima del 20 dicembre 1800. Nel 1801 fu co-visitatore, con il cardinale Carafa di Traetto, dell'Ospedale di Santo Spirito in Sassia, a Roma.

Cardinalato

Il 12 luglio 1803 fu creato cardinale presbitero con il titolo di san Bartolomeo all'Isola. Divenne quindi protettore dell'Abbazia di Subiaco dal 26 settembre 1803 e prefetto della Congregazione della disciplina dei regolari.

Con l'occupazione dello Stato pontificio da parte delle truppe francesi nel 1808, il Galleffi fu nuovamente costretto a lasciare Roma, come molti altri cardinali, e fece ritorno a Cesena. Nel novembre del 1809 fu condotto, per ordine dell'imperatore, a Parigi dove rimase per circa un anno. Schieratosi con i cardinali neri(proibito dall'imperatore Napoleone I Bonaparte di indossare l'abito cardinalizio rosso per essersi rifiutato di partecipare al secondo matrimonio dell'imperatore con l'arciduchessa Maria Luisa d'Austria il 2 aprile 1810), subì il soggiorno coatto a Sedàn e successivamente a Charleville e, nel 1813, a Fontainebleau, dove infine i cardinali furono riuniti con il pontefice, grazie alla firma del concordato.

Con la Restaurazione del governo pontificio, e il ritorno a Roma di Papa Pio VII nel 1814, l'influenza del Galleffi nella Curia crebbe ulteriormente grazie alla nomina, il 10 maggio di quell'anno a segretario dei Memoriali.

Camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali, dal 26 settembre 1814 al 10 marzo 1818. Protettore dell'Ordine degli Eremiti di Sant'Agostino prima del 27 settembre 1815. Protettore dell'Ordine dei Frati Minori Osservanti e dell'Ordine Camaldolese, 10 maggio 1817. Prefetto della Congregazione di Disciplina Religiosa, 14 maggio 1817. Protettore della confraternita della SS. Trinità de' Pellegrini, 27 maggio 1817.

Il 6 maggio 1820 ottenne l'incarico di Arciprete della Basilica Vaticana e il 16 dello stesso mese divenne prefetto della congregazione della Fabbrica di San Pietro e il 29 vescovo suburbicario di Albano.

Prese parte al conclave del 1823 appoggiando la nomina di Annibale Sermattei Della Genga, divenuto Papa Leone XII. Il 20 dicembre 1824 fu nominato camerlengo di Santa Romana Chiesa in sostituzione di Bartolomeo Pacca. Partecipò al conclave del 1829 che elesse Papa Pio VIII. Optò quindi per la sede suburbicaria di Porto, Santa Rufina e Civitavecchia dal 29 maggio 1830. Prese parte infine al conclave del 1830-1831 che elesse Papa Gregorio XVI.

Episcopato

Eletto arcivescovo titolare di Damasco il 31 agosto 1819, è stato consacrato il 12 settembre 1819 nella Chiesa dei Santi Domenico e Sisto di Roma, dal cardinale Alessandro Mattei, vescovo di Ostia e Velletri, decano del Sacro Collegio dei Cardinali, assistito da Geraldo Macioti (ch), vescovo titolare di Elusa, e da Francesco Albertini, vescovo della diocesi Diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno.

Morte

Morì a Roma il 18 giugno 1837 e fu sepolto nella tomba di famiglia presso la Chiesa della Santissima Trinità de' Pellegrini e Convalescenti di Roma.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Segretario della Fabbrica di San Pietro Successore: Emblem Holy See.svg
? 30 ottobre 1800-11 luglio 1803 Ercole Dandini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
? {{{data}}} Ercole Dandini
Predecessore: Cardinale presbitero di San Bartolomeo all'Isola Successore: CardinalCoA PioM.svg
József Batthyány 26 settembre 1803-29 maggio 1820 Bonaventura Gazola, O.F.M.Ref. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
József Batthyány {{{data}}} Bonaventura Gazola, O.F.M.Ref.
Predecessore: Abate commendatario di Subiaco Successore: TerritorialAbbotCoA PioM.svg
Michelangelo Luchi, O.S.B.Cas. 26 settembre 1803-18 giugno 1837 Ugo Pietro Spinola I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Michelangelo Luchi, O.S.B.Cas. {{{data}}} Ugo Pietro Spinola
Predecessore: Segretario dei Memoriali Successore: Emblem Holy See.svg
Michele Di Pietro 20 maggio 1814-15 novembre 1824 Cesare Guerrieri Gonzaga
(pro-segretario)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Michele Di Pietro {{{data}}} Cesare Guerrieri Gonzaga
(pro-segretario)
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Antonio Despuig y Dameto 26 settembre 1814-10 marzo 1818 Antonio Maria Doria Pamphilj I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Despuig y Dameto {{{data}}} Antonio Maria Doria Pamphilj
Predecessore: Prefetto della Congregazione della Disciplina dei Regolari Successore: Emblem Holy See.svg
Francesco Maria Pignatelli 14 maggio 1817-6 maggio 1820 Antonio Maria Doria Pamphilj I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Maria Pignatelli {{{data}}} Antonio Maria Doria Pamphilj
Predecessore: Arcivescovo titolare di Damasco Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Emidio Ziucci 31 agosto - 12 settembre 1819 Giuseppe della Porta Rodiani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Emidio Ziucci {{{data}}} Giuseppe della Porta Rodiani
Predecessore: Arciprete della Basilica di San Pietro Successore: Petersdom von Engelsburg gesehen.jpg
Alessandro Mattei 6 maggio 1820-18 giugno 1837 Giacomo Giustiniani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Mattei {{{data}}} Giacomo Giustiniani
Predecessore: Presidente della Fabbrica di San Pietro Successore: Petersdom von Engelsburg gesehen.jpg
Alessandro Mattei 16 maggio 1820-18 giugno 1837 Giacomo Giustiniani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Mattei {{{data}}} Giacomo Giustiniani
Predecessore: Cardinale vescovo di Albano Successore: CardinalCoA PioM.svg
Michele Di Pietro 29 maggio 1820-5 luglio 1830 Gianfrancesco Falzacappa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Michele Di Pietro {{{data}}} Gianfrancesco Falzacappa
Predecessore: Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica Successore: Emblem Holy See.svg
Giovanni Battista Quarantotti 20 dicembre 1824-15 gennaio 1825 Giuseppe Maria Spina I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Quarantotti {{{data}}} Giuseppe Maria Spina
Predecessore: Camerlengo di Santa Romana Chiesa Successore: Sede vacante.svg
Bartolomeo Pacca 20 dicembre 1824-18 giugno 1837 Giacomo Giustiniani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Bartolomeo Pacca {{{data}}} Giacomo Giustiniani
Predecessore: Cardinale vescovo di Porto, Santa Rufina e Civitavecchia Successore: CardinalCoA PioM.svg
Bartolomeo Pacca 29 maggio 1830-18 giugno 1837 Emmanuele De Gregorio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Bartolomeo Pacca {{{data}}} Emmanuele De Gregorio
Predecessore: Sottodecano del Collegio Cardinalizio Successore: Sede vacante.svg
Bartolomeo Pacca 5 luglio 1830-18 giugno 1837 Emmanuele De Gregorio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Bartolomeo Pacca {{{data}}} Emmanuele De Gregorio
Note
Voci correlate
Bibliografia