Giuseppe Beltrami

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Giuseppe Beltrami
Cardinale
Stemma Giuseppe Beltrami.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
Illuminatio mea Dominus

[[File:|250px]]

{{{didascalia}}}
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 84 anni
Nascita Fossano
17 gennaio 1889
Morte Roma
13 dicembre 1973
Sepoltura cattedrale di Fossano
Appartenenza Diocesi di Fossano
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Fossano, 5 marzo 1916
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo 20 febbraio 1940 da Pio XII
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Basilica di San Carlo al Corso (Roma), 7 aprile 1940 dal card. arc. Luigi Maglione
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
26 giugno 1967 da Paolo VI (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 6 anni, 5 mesi e 17 giorni
Cardinale elettore
Incarichi ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Scheda nel sito della diocesi o congregazione
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Giuseppe Beltrami (Fossano, 17 gennaio 1889; † Roma, 13 dicembre 1973) è stato un arcivescovo, nunzio apostolico e cardinale italiano, vice rettore del seminario diocesano di Fossano e rettore del santuario di Cussanio.

Biografia

Nacque a Fossano in Borgo Sant'Antonio il 17 gennaio 1889.

Formazione e ministero sacerdotale

Compiuti gli studi nel seminario diocesano, fu ordinato presbitero il 5 marzo 1916 a Fossano dal vescovo Giosuè Signori [1] [2]. Svolse il servizio militare come Cappellano militare fino al 1919 e partecipò alla Prima Guerra Mondiale. Al termine fu prima vice-rettore del seminario e poi rettore del santuario di Cussanio. Lo stesso anno si trasferì a Roma per proseguire gli studi al Pontificio Ateneo Romano "Sant'Apollinare" dove ottenne la laurea in teologia e diritto canonico e alla Regia Università di Roma, dove conseguì il dottorato in lettere.

Al termine degli studi nel 1923, entrò a far parte del personale della Biblioteca Vaticana. Fu nominato da Pio XI cappellano soprannumerario di Sua Santità il 14 luglio 1924 [3]. Divenne minutante alla Segreteria di Stato e avvocato per le cause di canonizzazione e beatificazione nella Sacra Congregazione dei Riti dal 1926 al 1940. Promosso cameriere segreto soprannumerario di Sua Santità il 9 luglio 1926 [4], fu riconfermato tale da Pio XII il 3 marzo 1939 [5].

Ministero episcopale e attività diplomatica

Il 20 febbraio 1940 fu eletto arcivescovo titolare di Damasco dal Papa e nominato Nunzio apostolico in Guatemala ed El Salvador. Fu consacrato il 7 aprile dello stesso anno nella chiesa di San Carlo al Corso a Roma dal cardinale segretario di Stato Luigi Maglione, assistito da Gabriele Vettori [6], Arcivescovo di Pisa e da Angelo Soracco [7], Vescovo di Fossano. Il suo motto episcopale era Illuminatio mea Dominus.

Fu trasferito a Bogotà in Colombia il 15 novembre 1945 dove fu Legato pontificio al Congresso eucaristico nazionale il 29 giugno 1946. Svolse l'attività diplomatica in Libano dal 4 ottobre 1950 e nei Paesi Bassi dal 1959. Partecipò alle sessioni del Concilio Vaticano II dal 1962 al 1965.

Cardinalato

Fu creato cardinale da Paolo VI nel concistoro del 26 giugno 1967; ricevette la berretta rossa e la diaconia di Santa Maria Liberatrice a Monte Testaccio 3 giorni dopo. Perse il diritto a partecipare al conclave al compimento dell'ottantesimo anno d'età il 17 gennaio 1971.

Morte

Morì il 13 dicembre 1973 a Roma all'età di 84 anni a causa di un'improvvisa embolia. Fu sepolto nella cattedrale di Fossano, accanto all'altare di San Giovenale, patrono della città.

Onorificenze

Croce al merito di guerra (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra (Regno d'Italia)
Medaglia commemorativa per cappellani della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per cappellani della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni)
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia (Regno d'Italia)
Medaglia commemorativa italiana della vittoria (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa italiana della vittoria (Regno d'Italia)

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Damasco Successore: Bishopcoa.png
Carlo Sica 20 febbraio 1940 - 26 giugno 1967 vacante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Sica {{{data}}} vacante
Predecessore: Nunzio apostolico in Guatemala e in El Salvador Successore: Flag of the Vatican City.svg
Albert Levame 20 febbraio 1940 - 15 novembre 1945 Giovanni Maria Emilio Castellani, O.F.M. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Albert Levame {{{data}}} Giovanni Maria Emilio Castellani, O.F.M.
Predecessore: Nunzio apostolico in Colombia Successore: Flag of the Vatican City.svg
Paolo Giobbe 15 novembre 1945 - 4 ottobre 1950 Antonio Samorè I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Paolo Giobbe {{{data}}} Antonio Samorè
Predecessore: Nunzio apostolico in Libano Successore: Flag of the Vatican City.svg
Alcide Marina, C.M. 4 ottobre 1950 - 31 gennaio 1959 Paolo Bertoli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alcide Marina, C.M. {{{data}}} Paolo Bertoli
Predecessore: Internunzio apostolico nei Paesi Bassi Successore: Flag of the Vatican City.svg
Paolo Giobbe 31 gennaio 1959 - 22 luglio 1967 Angelo Felici I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Paolo Giobbe {{{data}}} Angelo Felici
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria Liberatrice a Monte Testaccio
(titolo presbiterale pro illa vice)
Successore: Kardinalcoa.png
- 26 giugno 1967 - 13 dicembre 1973 Opilio Rossi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Opilio Rossi
Note
  1. cfr. Giosuè Signori su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 23-09-2020
  2. Senza fonte
  3. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1924, op. cit., p. 349
  4. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1926, op. cit., p. 335
  5. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1939, op. cit., p. 238
  6. cfr. Gabriele Vettori su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 23-09-2020
  7. cfr. Angelo Soracco su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 23-09-2020
Bibliografia
  • José Restrepo Posada, Galería de representantes de la Santa Sede en Colombia - Revista de la Academia Colombiana de Historia Eclesiástica, V, gennaio-giugno 1970, pp. 241-242
Collegamenti esterni