Bernardino Giraud

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Bernardino Giraud
Kardinalpallium.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"

1773 BERNARDINUS GIRAUD - GIRAUD BERNARDINO.jpeg

'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 60 anni
Nascita Roma
14 luglio 1721
Morte Roma
5 maggio 1782
Sepoltura chiesa di santa Maria in Vallicella, Roma
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 19 marzo 1767
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 6 aprile 1767 da Clemente XIII
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile Roma, 26 aprile 1767 da papa Clemente XIII
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
19 aprile 1773 da Clemente XIV (17 giugno 1771 in pectore) (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Bernardino Giraud (Roma, 14 luglio 1721; † Roma, 5 maggio 1782) è stato un cardinale e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Nacque a Roma il 14 luglio 1721 dal conte Pietro Giraud e da Altilia dei conti Zagaroli, terzogenito di cinque figli, con Alessio, Stefano, Ferdinando e Plautilla. La famiglia era d'origine francese ma il cognome era pronunciato all'italiana, Giràud. Il nonno di Bernardino Jean si era trasferito a Roma da Lione, dove si era arricchito con la mercatura, verso la metà del XVII secolo. Il figlio Pietro, padre di Bernardino, fece grandi acquisti di beni immobili nel Lazio, conseguendo col titolo comitale una solida posizione sociale. Compì i suoi studi di filosofia e teologia nel collegio Tolomei di Siena con Lorenzo Ricci S.I., futuro generale dell'Ordine, laureandosi in utroque iure nell'Università senese l'11 settembre 1738. Rientrato a Roma nel 1739 ricevette la tonsura. Protetto dal cardinal Ludovico Maria Torriggiani sotto i pontefici Benedetto XIV e Clemente XIII, compì una rapida carriera ecclesiastica. Fu referendario utriusque Signaturae, delegato apostolico a Norcia, ponente della congregazione del Buon Governo, giudice della Fabbrica di San Pietro, luogotenente della Camera Apostolica, votante del supremo tribunale della Segnatura di giustizia e nel 1763 uditore di Rota. Ricevette l'ordinazione presbiterale il 19 marzo 1767 e il 6 aprile dello stesso anno fu eletto arcivescovo titolare di Damasco. Ricevette la consacrazione episcopale il 26 aprile nel palazzo Apostolico del Quirinale da papa Clemente XIII, assistito da mons. Scipione Borghese, allora arcivescovo titolare di Teodosia, e mons. Ignazio Reali (Ch), arcivescovo titolare di Atene. Due giorni dopo fu nominato nunzio apostolico in Francia, carica che mantenne fino al marzo del 1773. Alla corte parigina fu abile nell'accattivarsi la simpatia di Luigi XV, e soprattutto la protezione della favorita del re Marie-Jeanne Bécu, contessa Du Barry, ottenendo in cambio favori e prebende, fra cui la commenda della ricca abbazia di Gorze. Erano momenti difficilissimi per i rapporti fra la Santa Sede e gli Stati borbonici, specialmente per la questione dei gesuiti. Mons. Giraud dovette gestire l'intricata situazione destreggiandosi fra le parti, pur essendo noto a Roma il suo attaccamento alla Compagnia e al cardinal Torrigiani, al quale era debitore della sua fortuna. Quando la questione dei gesuiti si avviava ormai a conclusione, Clemente XIV sembra evitasse di tenerlo al corrente degli sviluppi a Roma, perché lo sospettava di contatti col Torrigiani e con il padre Ricci; e forse non fu casuale che il suo richiamo avvenisse proprio alla vigilia della soppressione, cui assisté appena rientrato a Roma. Papa Clemente XIV lo creò cardinale riservandolo in pectore nel concistoro del 17 giugno 1771. La nomina fu pubblicata nel concistoro del 19 aprile 1773, mentre il mese precedente fu trasferito a Ferrara. Non avendo alcuna attitudine ed esperienza pastorale, Giraud non fu entusiasta della nomina che occupò saltuariamente. Partecipò al lungo conclave del 1774-1775, dove si dimostrò abile sostenitore della candidatura di Giovanni Angelo Braschi, spalleggiando con la sua esperienza diplomatica i cardinali Alessandro Albani e Francesco Saverio de Zelada. Con la nomina a papa del suo candidato, che prese il nome di Pio VI, il Giraud ottenne larghi favore e l'importante nomina a pro-uditore di Sua Santità Uditore Sanctissima, che lo rese in pratica giudice onnipotente in tutti i campi come rappresentante della suprema volontà papale. Molte altre concessioni egli ebbe dalla benevolenza di Pio VI, tra cui l'agognata accettazione delle sue dimissioni dalla sede ferrarese, sancita nel concistoro del 17 febbraio 1777. Il 2 aprile 1781 fu eletto camerlengo del Sacro Collegio, carica che ricoprì come d'uso per un anno. La situazione cambiò però radicalmente nel 1782, quando il papa decise la discussa visita all'imperatore Giuseppe II a Vienna, a cui Giraud si oppose suscitando tensioni tra i due. Durante l'assenza di Pio VI circolarono a Roma insistenti voci sul fatto che a Vienna il papa avesse scoperto gravissime irregolarità commesse dal suo pro-uditore, minacciando sanzioni al porporato al suo ritorno. Ma Giraud morì il 5 maggio 1782, pochi giorni prima del rientro a Roma del pontefice. Al tempo circolarono voci che affermavano che il porporato non era morto ma fuggito in Francia, dove godeva di potenti protezioni. La sua salma venne inumata nella cappella di famiglia sita nella chiesa di Santa Maria in Vallicella a Roma.

Genealogia episcopale

Predecessore: Arcivescovo titolare di Damasco Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Filippo Maria Pirelli 6 aprile 1767 - 15 marzo 1773 Marcantonio Conti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Filippo Maria Pirelli {{{data}}} Marcantonio Conti
Predecessore: Nunzio apostolico in Francia Successore: Flag of the Vatican City.svg
Pietro Colonna Pamphilj 27 giugno 1767 - aprile 1773 Giuseppe Maria Doria Pamphilj I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Colonna Pamphilj {{{data}}} Giuseppe Maria Doria Pamphilj
Predecessore: Abate commendatario di Gorze Successore: Prepozyt.png
Armand-Jules de Rohan-Guémené
1722 - 1762
1771 - 1781 Giuseppe Maria Doria Pamphilj
1783 - 1801
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Armand-Jules de Rohan-Guémené
1722 - 1762
{{{data}}} Giuseppe Maria Doria Pamphilj
1783 - 1801
Predecessore: Arcivescovo di Ferrara Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Marcello Crescenzi 15 marzo 1773 - 14 febbraio 1777 Alessandro Mattei I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marcello Crescenzi {{{data}}} Alessandro Mattei
Predecessore: Cardinale presbitero della Santissima Trinità al Monte Pincio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Pietro Girolamo Guglielmi 20 dicembre 1773 - 3 maggio 1782 Giovanni de Gregorio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Girolamo Guglielmi {{{data}}} Giovanni de Gregorio
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonio Eugenio Visconti 2 aprile 1781 - 1782 Innocenzo Conti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Eugenio Visconti {{{data}}} Innocenzo Conti
Bibliografia
  • Guido Gregorio Fagioli Vercellone Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 56, (2001) online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.