Aurelio Roverella

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Aurelio Roverella
Stemma cardinale.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"

AURELIUS ROVERELLA.jpg

'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 64 anni
Nascita Cesena
21 agosto 1748
Morte Bourbonne-les-Bains
6 settembre 1812
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 27 marzo 1809 da papa Pio VII
nominato arcivescovo
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile aprile  1809
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
21 febbraio 1794 da Pio VI (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Aurelio Roverella (Cesena, 21 agosto 1748; † Bourbonne-les-Bains, 6 settembre 1812) è stato un cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque a Cesena il 21 agosto 1748, ultimogenito dei cinque figli di Carlo Roverella, conte di Sorrivoli, e di Maria Toschi. Gli altri fratelli erano Giovanni (comandante della città e della provincia di Ferrara), Teresa (suora di santa Caterina di Cesena), Ippolito e Chiara.

Fu destinato alla carriera ecclesiastica e mandato a Roma dove studiò legge. Fu conclavista del cardinale Luigi Maria Torrigiani nel 1769. Dopo l'elezione di papa Pio VI, suo connazionale, entrò in prelatura. Nel febbraio del 1785 fu nominato uditore di Rota e nel luglio di quello stesso anno divenne prelato della Congregazione del Concilio. L'anno seguente ricevette la commenda di san Pietro in Vincoli e nel 1789 divenne uditore personale del pontefice, guadagnandosi presso di lui grande stima.

Fu creato cardinale nel concistoro del 21 febbraio, 1794, il 27 ricevette la berretta rossa e il 12 settembre il titolo cardinalizio di cardinale presbitero dei santi Giovanni e Paolo. Fu annoverato nelle sacre congregazioni del Sant'Uffizio, Concistoriale, del Concilio di Trento, dell'Esame dei vescovi nei sacri canoni e di Loreto. Divenne cardinale protettore dell'Ordine dei Frati Minori Conventuali nel dicembre di quell'anno. Il 27 febbraio 1795 fu nominato pro-datario di Sua Santità. Fu camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali, nell'anno 1796 - 1797. Nel 1797, quando papa Pio VI si ammalò, divenne cardinale plenipotenziario, funzione che ricoprì ancora dal 20 febbraio 1798 quando il pontefice fu fatto prigioniero dai francesi e deportato in Francia. Quando fu proclamata la Repubblica Romana e lo Stato Pontificio era occupato dai francesi, il cardinale fu costretto a lasciare Roma. Prese parte al conclave del 1799-1800, celebrato a Venezia, che vide l'elezione di papa Pio VII. Il neoeletto pontefice lo riconfermò pro-datario, carica che ha occupato sino alla morte. Il 23 maggio 1800 fu uno dei tre cardinali nominati al governo di Roma fino all'arrivo del pontefice. Nel settembre del 1802 ricevette in commenda l'abbazia di Fossanova, e ancora in quell'anno divenne protettore della Congregazione Vallombrosana. Nel 1808 fu espulso da Roma dai francesi e si ritirò a Ferrara.

Nel 1809 optò per l'ordine dei cardinali vescovi assumendo la sede suburbicaria di Palestrina, mantenendo in commendam il precedente. Verso la fine dell'anno 1809 gli fu ordinato di recarsi a Parigi. Ivi si manifestò fra i più favorevoli alla politica religiosa di Napoleone I e riuscì a condurre dalla sua parte cardinali e prelati, mostrandosi il più influente fra i "cardinali rossi".[1] Ovviamente prese parte al secondo matrimonio sia civile che religioso dell'imperatore. Quando si trattò di strappare a Pio VII, relegato a Savona, l'approvazione del decreto del 5 agosto 1811 sancito dal concilio di Parigi riguardo l'elezione dei vescovi, fu mandata una commissione di vescovi a Savona, e Napoleone volle che le tenesse dietro un gruppo di "cardinali rossi" quali consiglieri del papa per indurlo più facilmente a consentire; fra costoro fu il Roverella, che fu il redattore con mons. Francesco Bertazzoli del breve pontificio, con cui si riconosceva quanto s'era fatto a Parigi, ma che non fu sottoscritto dalla controparte imperiale, che avrebbe voluto avere molto di più.

Morì il 6 settembre 1812 a Bourbon-les-Bains nello Champagne in Francia. Fu sepolto nel Pantheon parigino.


Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Giovanni e Paolo Successore: Stemma cardinale.png
Giuseppe Garampi 12 settembre 1794 - 6 settembre 1812
in commendam dal 27 marzo 1809
Antonio Lamberto Rusconi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Garampi {{{data}}} Antonio Lamberto Rusconi
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Sede vacante.svg
Antonio Dugnani 27 giugno 1796 - 24 luglio 1797 Giulio Maria della Somaglia I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Dugnani {{{data}}} Giulio Maria della Somaglia
Predecessore: Cardinale vescovo di Palestrina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Mattei 27 marzo 1809 - 6 settembre 1812 Diego Innico Caracciolo di Martina I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Mattei {{{data}}} Diego Innico Caracciolo di Martina
Note
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.