Charles Erskine

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Charles Erskine
Pio 7 Erskine Carlo.jpeg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"

Charles Erskine.jpeg

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 72 anni
Nascita Roma
13 febbraio 1739
Morte Parigi
20 marzo 1811
Sepoltura Panthéon, Parigi
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono 22 gennaio 1804
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale mai ordinato
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo
nominato arcivescovo
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile mai consacrato
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
17 gennaio 1803 da Pio VII (23 febbraio 1801 in pectore) (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Charles Erskine o Erskine of Kellie (Roma, 13 febbraio 1739; † Parigi, 20 marzo 1811) è stato un cardinale scozzese.

Cenni biografici

Nacque a Roma il 13 febbraio 1739 da Colin Erskine, nobile scozzese, e Agata Gigli, di una nobile famiglia di Anagni. Sotto la guida del cardinal Enrico Benedetto Stuart di York, dal 1748 al 1753 studiò presso il Pontificio Collegio Scozzese e poi presso l'Università La Sapienza, dove si addottorò nel 1770. Dopo aver per un certo tempo esercitato l'avvocatura, nel 1776 ricevette un beneficio ecclesiastico. In seguito lavorò presso il principe Chighi. Nel 1780 divenne pro-uditore di Sua Santità e avvocato del diavolo nella promozione delle cause di canonizzazione. Nel 1782 divenne canonico della Basilica di San Pietro in Vaticano. Nel luglio del 1783 fu nominato giudice del Tribunale della Segnatura Apostolica della Grazia e prelato domestico di Sua Santità. Ricevette il suddiaconato il 28 agosto di quell'anno. Nel 1793, essendo suddito della corona britannica, fu inviato in Inghilterra nel quadro di un'alleanza anti-francese. Qui cercò di migliorare la situazione della Chiesa cattolica in quel regno e di ottenere una completa emancipazione sociale dei cattolici e il ristabilimento delle relazioni diplomatiche con la Santa Sede; in tale contesto ottenne la protezione della Corona per il clero esiliato in Inghilterra a causa dalla rivoluzione francese. Alla morte di papa Pio VI poté far celebrare a Londra, il 16 novembre 1799, una solenne messa in suffragio del pontefice, cerimonia che in Inghilterra non era più celebrata per un pontefice dai tempi della Riforma protestante. Lasciò Londra il 12 dicembre 1801. Presenziò a Parigi alla firma del concordato tra Santa Sede e Francia nell'aprile del 1802, e il 1 ottobre giunse a Roma. Fu creato cardinale in pectore da Pio VII nel concistoro del 23 febbraio 1801; la nomina fu pubblicata nel concistoro del 17 gennaio 1803. Il 20 gennaio seguente ricevette la berretta rossa e il 28 marzo la diaconia di Santa Maria in Portico. Ricevette il diaconato il 22 gennaio 1804. Fu molto attento nel seguire le vicende politiche che coinvolgevano Gran Bretagna e Irlanda, fu protettore della Scozia e del Pontificio Collegio Scozzese. Nel 1808 fu nominato pro-segretario dei brevi apostolici. Quando i francesi invasero Roma, nel 1808, condivise la prigionia a Palazzo del Quirinale con papa Pio VII. Quando questi fu deportato, al porporato fu concessa la libertà, ma gli furono espropriati tutti i beni e visse in ristrettezze con il solo aiuto della famiglia. Nel 1809 gli fu ordinato, nonostante la sua precaria salute, di andare a Parigi. Partì per la capitale francese il 2 gennaio 1810, fu presente al matrimonio civile dell'imperatore Napoleone I, ma il giorno seguente non prese parte a quello religioso, adducendo motivi di salute. Non avendo esplicitamente negato di partecipare a questa cerimonia, come fecero altri porporati, non subì sanzioni da parte dell'imperatore. Per questo motivo è annoverato tra i quattordici cardinali rossi,[1] che appunto parteciparono alla cerimonia del matrimonio religioso di Napoleone il 1 aprile 1810. Fu molto stimato per la sua finezza di analisi in campo politico e giuridico, e fu considerato uno dei cardinali del suo tempo meglio preparato scientificamente, per la sua padronanza della lingua latina oltre alla padronanza scritta e parlata di cinque lingue. Morì a Parigi il 20 marzo 1881. I funerali si svolsero nella chiesa parigina di san Tommaso d'Aquino e fu sepolto nella chiesa di Saint-Genevieve, attuale Pantheon di Parigi.

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Portico Campitelli Successore: Stemma cardinale.png
Filippo Carandini 28 marzo 1803 - 20 marzo 1811 Stanislao Sanseverino I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Filippo Carandini {{{data}}} Stanislao Sanseverino
Predecessore: Pro-segretario dei Brevi Apostolici Successore: Emblem Holy See.svg
? 14 settembre 1808 - 20 marzo 1811 Giulio Gabrielli il Giovane
(segretario)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
? {{{data}}} Giulio Gabrielli il Giovane
(segretario)
Note
Bibliografia

(EN) Edwin Burton, Erskine, Charles, in Charles George Herbermann (a cura di), Catholic Encyclopedia, 15 voll., Robert Appleton Company, New York 1907-1914, vol. V, 1909, p. 525, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.