Giberto Borromeo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri membri della nobile famiglia Borromeo con questo nome, vedi Giberto Borromeo.
Giberto Borromeo
Ra BORROMEO GILBERTO 040.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

G. Borromeo.jpg

Ambito lombardo, Ritratto del cardinale Giberto Borromeo (1671-1740), olio su tela; Senago (MI), Museo della Villa San Carlo Borromeo
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 56 anni
Nascita Milano
28 settembre 1615
Morte Nettuno
6 gennaio 1672
Sepoltura Basilica dei Santi Ambrogio e Carlo al Corso
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile in data sconosciuta
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
2 marzo 1654 da Innocenzo X (19 febbraio 1652 in pectore) (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Giberto Borromeo, detto anche Giberto III Borromeo (Milano, 28 settembre 1615; † Nettuno, 6 gennaio 1672), è stato un cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque a Milano il 28 settembre 1615, secondogenito del conte Carlo III e di Isabella d'Adda. Era nipote del santo cardinal Carlo Borromeo, cugino del cardinal Federico Borromeo iuniore, zio del cardinal Giberto Bartolomeo Borromeo.

Compì la suo preparazione scolastica in vista di una carriera curiale dapprima presso i Gesuiti a Brera poi all'università di Pavia, dove conseguì nel 1636 la laurea in legge. Dopo gli studi si trasferì a Roma nel 1637. Negli anni 1638-1643 ricoprì la carica di referendario delle due Segnature. Fu vice legato e commissario della provincia del Patrimonio, durante la guerra di Castro e in seguito della legazione apostolica di Ferrara.

Fu richiamato a Roma da papa Innocenzo X dove divenne segretario del cardinal nipote Camillo Pamphili e il 2 maggio 1650 fu nominato segretario della Consulta. Nello stesso tempo ottenne un canonicato in san Pietro. Nel concistoro del 15 febbraio 1652 fu elevato cardinale in pectore ma la pubblicazione ebbe luogo solo due anni dopo il 2 marzo 1654. Il 23 marzo di quell'anno gli fu assegnato il titolo cardinalizio dei santi Giovanni e Paolo.

Alla morte di Innocenzo X nel 1655, il Borromeo, in conclave, fece parte della fazione detta squadrone volante,[1] che determinò l'elezione di Alessandro VII Chigi. Questo nel 1657 lo inviò per tre anni in Romagna come cardinal legato.

Dopo la legazione romagnola rientrò a Roma, dove si fece apprezzare nel lavoro delle congregazioni per il talento organizzativo e la buona preparazione teologica e canonistica. Nel 1664-1665 fu camerlengo del collegio dei cardinali.

Con la morte di Alessandro VII, nel 1667 si aprì il conclave che portò il 20 giugno all'elezione di Giulio Rospigliosi: fu un successo della politica dello squadrone volante e di Cristina di Svezia, che ebbe parte attiva nella scelta del nuovo pontefice con alcuni viaggi a Parigi, volti a mediare tra le istanze francesi e quelle dei cardinali a lei vicini.

Dal 1667 al 1668 prese parte ai lavori della Congregazione sopra gli errori di Giansenio. La congregazione si occupò della questione giansenista e in particolare di esaminare la questione sollevata dal rifiuto di quattro vescovi francesi di condannare senza riserve le proposizioni di fede gianseniste. La congregazione annoverò tra i partecipanti anche i cardinali Azzolini, Ginetti, Ottoboni, Albizzi e Chigi.

Nel corso del conclave del 1669-1670 il Borromeo fece parte dello squadrone volante del cardinale Azzolini.

La morte lo colse improvvisamente, nel corso di un soggiorno a Nettuno, presso Palazzo Pamphili: in conseguenza di un incidente occorsogli durante un'uscita in carrozza, nel volgere di poche ore le sue condizione di salute peggiorarono e morì la sera del 6 gennaio 1672.

La salma fu trasportata a Roma dove si tennero i funerali nella chiesa dei santi Ambrogio e Carlo e dove fu tumulato nel sepolcro che ancora oggi si vede nella cripta.

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordine Militare di Alcántara - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Militare di Alcántara

Successione degli incarichi

Predecessore: Segretario della Congregazione della Sacra Consulta Successore: Emblem Holy See.svg
Lorenzo Azzolini 2 maggio 1650 - 2 marzo 1654 Cesare Maria Antonio Rasponi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lorenzo Azzolini {{{data}}} Cesare Maria Antonio Rasponi
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Giovanni e Paolo Successore: Stemma cardinale.png
Francesco Maria Macchiavelli 23 marzo 1654 - 6 gennaio 1672 Giacomo Rospigliosi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Maria Macchiavelli {{{data}}} Giacomo Rospigliosi
Predecessore: Legato apostolico di Romagna Successore: Emblem Holy See.svg
Ottavio Acquaviva d'Aragona 23 aprile 1657 - 5 maggio 1760 Volumnio Bandinelli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ottavio Acquaviva d'Aragona {{{data}}} Volumnio Bandinelli
Predecessore: Camerlengo del Collegio cardinalizio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giacomo Corradi 14 gennaio 1664 - 12 gennaio 1665 Marcello Santacroce I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo Corradi {{{data}}} Marcello Santacroce
Note
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.