Giovanni Giacomo Panciroli

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Giacomo Panciroli
Scanner EM156.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

1643 IOANNES IACOBUS PANC(Z)IROLUS - PANCIROLI GIOVANNI GIACOMO.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 64 anni
Nascita Roma
1587
Morte Roma
3 settembre 1651
Sepoltura Chiesa di San Silvestro al Quirinale
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 16 dicembre 1641
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 12 gennaio 1642 da Giulio Cesare Sacchetti
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
13 luglio 1643 da Urbano VIII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Giovanni Giacomo Panciroli (Roma, 1587; † Roma, 3 settembre 1651) è stato un cardinale e patriarca italiano.

Cenni biografici

Nacque a Roma nel 1587, figlio di Virginio (o Virgilio), di professione sarto, e dalla moglie Prudenza nata de Alessi.

Figlio unico, il padre gli assicurò una buona educazione scolastica. Studiò giurisprudenza alla Sapienza, dove si addottorò in utroque iure sotto la guida di Angelo Luciano probabilmente nel 1602.

Frequentò lo studio legale del nunzio Giambattista Pamphilj, futuro papa Innocenzo X, come uditore nella nunziatura napoletana dal 1621. In quel periodo divenne segretario del cardinale Lorenzo Magalotti, che dal 1624 lo mise a disposizione di Giulio Cesare Sacchetti affinché questi potesse usufruirne in qualità di auditore, quando fu spedito nunzio in Spagna. A Madrid ricevette la tonsura divenendo chierico il 14 maggio 1624. Tornò a Roma solo per poco tempo, nel maggio 1626, quindi ritornò in Spagna al seguito di Giovan Battista Pamphili. Attorno al 1627 tornò a Roma al servizio dei Barberini. Papa Urbano VIII lo nominò cameriere d'onore di Sua Santità. Sovrintendente della casa del cardinale Francesco Barberini, divenne referendario del Tribunale della Segnatura Apostolica dal 10 giugno 1628. Venne quindi nominato nunzio speciale tra i principi italiani e il re di Spagna e in veste di nunzio prese parte alle trattative che condussero alla pace di Cherasco nell'aprile del 1631. Prelato domestico di Sua Santità, divenne dal 1632 uditore della Sacra Rota romana.

Preconizzato come ambasciatore in Spagna fu nominato patriarca titolare di Costantinopoli il 16 dicembre 1641, mantenendo l'incarico di uditore. Ricevette la consacrazione episcopale sabato 12 gennaio 1642 nella chiesa romana di Santa Maria in Vallicella per mano del cardinale Giulio Cesare Sacchetti, assistito da mons. Lelio Falconieri, arcivescovo titolare di Tebe, e da mons. Alessandro Castracani, vescovo di Nicastro.

Arrivò a Madrid nel giugno successivo e si trovò a operare in una situazione delicata per la corte spagnola, con le tensioni dovute alla guerra con la Francia, la rivolta di Catalogna e Portogallo e dall'accelerazione della disgrazia del conte-duca Olivares.

Nel concistoro del 13 luglio 1643 fu creato cardinale. Partecipò quindi al conclave del 1644 che elesse papa Innocenzo X, il quale lo nominò cardinale segretario di Stato dal settembre di quell'anno, primo porporato a ricoprire questo incarico. Il 28 novembre 1644 ottenne la berretta cardinalizia con il titolo di cardinale presbitero di Santo Stefano al Monte Celio.

Per poco più di due anni svolse la funzione coordinandosi con il cardinale nipote Camillo Pamphili e soprattutto con la madre di questi, Olimpia Maidalchini, vedova del fratello del pontefice. La rinuncia alla porpora, agli inizi del 1647, da parte di Camillo, che contro il volere familiare sposò Olimpia Aldobrandini, accrebbe il ruolo di Panciroli, che godette di un'autorevolezza inusitata in Curia per un ministro non consanguineo di papa e pure per un segretario di Stato, carica ancora lontana dall'assumere la rilevanza che avrebbe avuto in seguito.

Con l'assenza di un cardinale nipote sopraintendente dello Stato ecclesiastico, il pontefice su suggerimento della cognata promosse alla porpora il diciassettenne Francesco Maidalchini, che si dimostrò incapace di assumere questo ruolo. Per porre rimedio alla situazione il Panciroli favorì ascesa di un lontano consanguineo di Olimpia, il trentenne Camillo Astalli, destinato a sopperire all'assoluta incapacità di Francesco Maidalchini, che fu adottato dal pontefice e creato cardinale il 19 settembre 1650. Gravi problemi di salute e contrasti con la famiglia del pontefice posero fine alla sua influenza in Curia.

Morì a Roma il 3 settembre 1651 alle 19:00, nel palazzo apostolico al Quirinale. I funerali e la sua sepoltura ebbero luogo al fianco dell'altare principale della chiesa di San Silvestro al Quirinale.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Patriarca titolare di Costantinopoli Successore: PatriarchNonCardinal PioM.svg
Francesco Maria Macchiavelli 16 dicembre 1641 - 28 novembre 1644 Giambattista Spada I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Maria Macchiavelli {{{data}}} Giambattista Spada
Predecessore: Nunzio apostolico straordinario per il Regno di Spagna Successore: Emblem Holy See.svg
Cesare Facchinetti 18 gennaio 1642 - 14 luglio 1644 Giulio Rospigliosi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Cesare Facchinetti {{{data}}} Giulio Rospigliosi
Predecessore: Segretario di Stato Successore: Emblem Holy See.svg
Lorenzo Megalotti settembre 1644 - 3 settembre 1651 Fabio Chigi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lorenzo Megalotti {{{data}}} Fabio Chigi
Predecessore: Cardinale presbitero di Santo Stefano al Monte Celio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Juan de Lugo 28 novembre 1644 - 3 settembre 1651 Marcello Santacroce I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Juan de Lugo {{{data}}} Marcello Santacroce
Bibliografia
  • Antonio Menniti Ippolito, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 80, 2014, online