Pierre Guérin de Tencin

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Pierre Guérin de Tencin
Kardinalpallium.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

1739 PETRUS GUERIN DE TENCIN - TENCIN DE GUERIN PIETRO.JPG

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 77 anni
Nascita Grenoble
22 agosto 1680
Morte Lione
2 marzo 1758
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 12 giugno 1724 dal Papa Benedetto XIII
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
23 febbraio 1739 da Clemente XII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Pierre Guérin de Tencin (Grenoble, 22 agosto 1680; † Lione, 2 marzo 1758) è stato un cardinale, arcivescovo e politico francese.

Cenni biografici

Nacque a Grenoble il 22 agosto 1680, figlio di Antoine Guérin, presidente del parlamento di Grenoble, e di Louise de Buffévent. Era fratello della scrittrice Claudine-Alexandrine de Tencin, autrice tra l'altro del Conte de Comminges. Fu molto legato alla sorella e gran parte della sua carriera politica è dovuta a lei.

Fu destinato dalla famiglia alla carriera ecclesiastica. Fu vicario generale della arcidiocesi di Sens. Nel 1721 accompagnò a Roma il cardinal Michelangelo Conti, divenuto poi Papa Innocenzo XIII; in tale occasione ottenne il cappello cardinalizio per Guillaume Dubois che divenne nel 1722 primo ministro di Luigi XV. La protezione di quest'ultimo e l'appoggio della sorella Claudine-Alexandrine gli assicurarono una rapida carriera a corte e presso la Santa Sede.

Fu nominato arcivescovo di Embrun il 12 giugno 1724, ricevette il pallio il 26 giugno e fu consacrato il 2 luglio nel chiesa di santa Maria in Vallicella a Roma, da Papa Benedetto XIII, assistito da Filippo Valignani, arcivescovo di Chieti, e da Cesare Lucini, vescovo di Gravina. Richiamato in Francia, rimase nella sua sede per quindici anni. Nel 1727 diresse il concilio d'Embrun dove venne deposto il vescovo giansenista di Senez Jean Soanen.

Papa Clemente XII lo elevò a cardinale presbitero nel concistoro del 23 febbraio 1739 con il titolo dei Santi Nereo e Achilleo. Fu ambasciatore francese presso la Santa Sede dal 1739 al 1742. Fu dal 1739 al 1753 abate commendatario dell'abbazia cistercense di Sainte-Marie des Trois-Fontaines, Marne. Partecipò al conclave del 1740 che portò all'elezione di Papa Benedetto XIV.

Fu elevato dal re di Francia alla sede di Lione l'11 novembre 1740; in quello stesso giorno, gli fu concesso il pallio di Primate delle Gallie. Per due anni rimase comunque a Roma prendendo possesso della sua sedo solo nel 1742.

Il primo ministro cardinale André-Hercule de Fleury, suo amico, lo fece nominare ministro di stato da Luigi XV. Ma quando il de Fleury, per lo scacco subito nella guerra di successione d'Austria, divenne impopolare, anche l'amico de Tencin perse d'influenza a corte e fu ridotto a semplice membro del consiglio. Ogni idea d'ambizione scomparve in lui con la morte della sorella 1749, e nel 1752, caduto in disgrazia per essersi opposto alle riforme finanziarie di Machault, si ritirò nella sua sede di Lione.

Rientrato in arcidiocesi vi di dedicò completamente, moltiplicando le sue visite pastorali e occupandosi con zelo di tutti i minimi dettagli della sua amministrazione, indifferente oramai alle dispute religiose e agli avvenimenti politici. Morì a Lione il 2 marzo 1758.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale.
Predecessore: Arcivescovo di Embrun Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Jean-François-Gabriel de Hénin-Liétard 1724-1740 Bernardin-François Fouquet I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Jean-François-Gabriel de Hénin-Liétard {{{data}}} Bernardin-François Fouquet
Predecessore: Arcivescovo di Lione Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Charles François de Châteauneuf de Rochebonne 11 novembre 1740 - 2 marzo 1758 Antoine de Malvin de Montazet I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Charles François de Châteauneuf de Rochebonne {{{data}}} Antoine de Malvin de Montazet
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Nereo e Achilleo Successore: CardinalCoA PioM.svg
Nicola Spinola
Vacante dal 1735
20 giugno 1739 - 2 marzo 1758 Nicolò Maria Antonelli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Nicola Spinola
Vacante dal 1735
{{{data}}} Nicolò Maria Antonelli
Bibliografia
  • Luigi Giambene Enciclopedia italiana Treccani 1935, online
  • Lorenzo Cardella Memorie storiche de' cardinali della Santa Romana Chiesa. Roma: Stamperia Pagliarini, 1793, vol. 8, p. 296 e seg. online
  • (FR) Charles Berton Dictionnaire des cardinaux: contenant des notions générales sur le cardinalat, p. 1547-48 online
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.