Savio Mellini

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Savio Millini
Stemma cardinale.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

1681 SAVUS MILLINUS - MILLINI SAVIO.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 47 anni
Nascita Roma
4 luglio 1644
Morte Roma
4 ottobre 1691
Sepoltura Basilica di Santa Maria del Popolo
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 18 novembre 1668
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 17 giugno 1675
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 28 giugno 1675
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
1º settembre 1681 da Clemente X (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Savio Millini, o Savo Mellini (Roma, 4 luglio 1644; † Roma, 4 ottobre 1691) è stato un arcivescovo, nunzio apostolico e cardinale italiano.

Biografia

Nacque a Roma il 4 o 5 luglio 1644, quartogenito dei quindici figli di Mario, comandante negli eserciti dell'imperatore Ferdinando II, e della moglie Ginevra di Neri Capponi.

Come cadetto fu avviato alla carriera ecclesiastica, seguendo le orme del prozio, il cardinale Giovanni Garzia, e dello zio Ferdinando (Ch), vescovo di Imola. Studiò alla Sapienza, ottenendo il dottorato in utroque iure nel 1663 e cinque anni dopo ricevette l'ordinazione presbiterale.

Fu quindi referendario di entrambe le Segnature, ponente della congregazione del Buon Governo e prelato della congregazione dell'Immunità. Nel 1674 fu nominato segretario della congregazione del Buon Governo carica che tenne per un anno.

Nel 1675 fu proposto per la nunziatura di Madrid, grazie all'appoggio del cardinal datario, Gaspare Carpegna. In giugno ricevette la consacrazione ad arcivescovo di Cesarea e la nomina a nunzio e in agosto partì per la Spagna dove rimase presso la corte madrilena per un decennio, la più lunga nunziatura in Spagna del Seicento.

Sul piano giurisdizionale la nunziatura non fu interessata da particolari tensioni, ma piuttosto da una lunga serie di vertenze, composte con relativa facilità, che traevano la loro origine dalla dialettica tra autorità religiose e civili in Spagna e, ancor più, nei domini italiani e fiamminghi della Corona, mentre la vicenda delle franchigie di quartiere non impedì il normale svolgimento dei rapporti tra il nunzio e la corte spagnola. Nominato cardinale nel concistoro del 1° settembre 1681 e vescovo di Orvieto nel dicembre dello stesso anno, il Millini si attendeva un rapido richiamo a Roma, ma questo tardò a venire, probabilmente a causa delle difficoltà frapposte dalla Spagna all'accettazione di un nuovo nunzio durante la pendenza del conflitto sulle franchigie.

L'efficace azione del nunzio influì con discrezione su una serie di delicate vicende, come quella del rapporto tra la regina madre, Mariana d'Austria, e la regina Maria Luisa d'Orléans, e contribuì a evitare che la Spagna seguisse l'esempio della Francia di Luigi XIV, che proprio in quegli anni andava rafforzando la tutela regia sulla chiesa nazionale.

Fu richiamato in patria nel 1686 e il 12 agosto ricevette la berretta rossa con il titolo di cardinale presbitero di santa Maria del Popolo. A Roma si ritrovò in una posizione di relativa marginalità, dovuta al lungo periodo trascorso lontano dalla Curia e a una precaria situazione finanziaria, il cardinale decise quindi di risiedere prevalentemente nella sua diocesi, allo scopo di sottrarsi a una serie di oneri di rappresentanza. La sua attività episcopale, alquanto incolore, si segnalò per alcuni lavori di abbellimento di edifici religiosi, tra i quali, a Bolsena, una cappella dedicata al miracolo del Corpus Domini.

Prese parte a tutti i conclavi del suo cardinalato che videro le elezione di Alessandro VIII nel 1689, di Innocenzo XII due anni dopo e di Clemente XI nel 1700, dove il suo ruolo politico fu limitato e vicino al gruppo dei zelanti.

Nel 1694 ottenne di essere trasferito al vescovado di Sutri, ma il riavvicinamento a Roma non garantì al Millini la conquista di un ruolo politico-religioso più incisivo.

Morì a Roma il 10 febbraio 1691 e fu sepolto nella cappella di famiglia, nella Basilica di Santa Maria del Popolo: è tumulato nel monumento funebre marmoreo, eseguito nel 1699 da Pierre Etienne Monnot.[1]

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Cesarea di Cappadocia Successore: ArcbishopCoA PioM.svg
Federico Baldeschi Colonna 17 gennaio 1675 - 22 dicembre 1681 Giacomo Cantelmo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Federico Baldeschi Colonna {{{data}}} Giacomo Cantelmo
Predecessore: Nunzio apostolico in Spagna Successore: Emblem Holy See.svg
Galeazzo Marescotti 30 luglio 1675 - 8 ottobre 1685 Marcello Durazzo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Galeazzo Marescotti {{{data}}} Marcello Durazzo
Predecessore: Vescovo di Orvieto Successore: BishopCoA PioM.svg
Bernardino Rocci 22 dicembre 1681 - 17 maggio 1694 Giovanni Giuseppe Camuzzi (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Bernardino Rocci {{{data}}} Giovanni Giuseppe Camuzzi (Ch)
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria del Popolo Successore: CardinalCoA PioM.svg
Fabio Chigi seniore 12 agosto 1686 - 12 dicembre 1689 Francesco del Giudice I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fabio Chigi seniore {{{data}}} Francesco del Giudice
Predecessore: Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Pierre de Bonzi 12 dicembre 1689 - 10 febbraio 1701 Marcello Durazzo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pierre de Bonzi {{{data}}} Marcello Durazzo
Predecessore: Vescovo di Nepi e di Sutri
titolo personale di arcivescovo
Successore: BishopCoA PioM.svg
Francesco Juste Giusti (Ch) 17 maggio 1694 - 10 febbraio 1701 Giuseppe Cianti (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Juste Giusti (Ch) {{{data}}} Giuseppe Cianti (Ch)
Note
Bibliografia
  • Stefano Tabacchi, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 73, 2009, online
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.