Galeazzo Marescotti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Galeazzo Marescotti
Stemma card. Marescotti.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

G.Marescotti.jpg

'
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 98 anni
Nascita Vignanello
1º ottobre 1627
Morte Roma
3 luglio 1726
Sepoltura Chiesa del Gesù
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 29 settembre 1662
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 27 febbraio 1668
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 4 marzo 1668 da Pietro Vidoni (1610-1681)
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
27 maggio 1675 da Clemente X (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Galeazzo Marescotti (Vignanello, 1º ottobre 1627; † Roma, 3 luglio 1726) è stato un nunzio apostolico, cardinale e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Nacque a Vignanello (Diocesi di Civita Castellana, Viterbo) il 1º ottobre 1627 da Sforza Vicino, quarto conte di Vignanello, e da Vittoria figlia del patrizio romano Orazio Ruspoli. La sorella del padre Clarice, in religione Giacinta, fu canonizzata da Pio VII nel 1807.

Come cadetto fu avviato alla carriera curiale ottenuto un dottorato in utroque iure. Ricevette la tonsura con gli ordini minori il 6 giugno 1653. Con l'elezione di papa Alessandro VII la carriera del prelato ebbe una forte accelerazione. Nel 1655 divenne referendario delle Segnature di grazia e giustizia e nel 1661 governatore della delegazione apostolica di Ascoli. Nel 1662 fu ordinato sacerdote dopo che era entrato a far parte della Camera apostolica. Il primo incarico di rilievo fu la delicata missione del 1664 come inquisitore a Malta. Tornato a Roma, il Marescotti ricevette nel 1666 la nomina arcivescovile e fu assessore del Sant'Uffizio.

Nel 1668 fu nominato arcivescovo titolare di Corinto da papa Clemente IX. Fu consacrato il 4 marzo seguente, nella chiesa romanda dei santi Sisto e Domenico, dal cardinal Pietro Vidoni, assistito da mons. Giacomo de Angelis, allora arcivescovo di Urbino, e da mons. Carlo de' Vecchi (Ch), arcivescovo titolare di Atene. Nominato assistente al Soglio pontificio, lo stesso anno fu inviato come nunzio straordinario a Vienna per recare le fascie al neonato, nel frattempo già morto, dell'arciduca Ferdinand Wenzel, e per sondare le intenzioni di pace dell'imperatore nel conflitto che opponeva la Francia alla Spagna.

Dopo Vienna ebbe la nunziatura stabile in Polonia, dove il Marescotti risiedette dal 1668 al 1670, quando fu nominato, il 13 agosto, nunzio apostolico in Spagna. Della missione in Polonia il Marescotto redasse, come aveva già fatto per la sua precedente missione a Malta, una relazione scritta La Relazione della nunziatura di Polonia fatta dal sudetto monsignor Marescotti negli anni 1668, 1669 e 1670, pensata come supporto ai suoi successori.

Rientrato a Roma, dopo breve soggiorno a Vignanello, si imbarcò da Civitavecchia per la Spagna. A Madrid trovò una situazione delicata, con la regina Maria Anna d'Austria che, affiancata da una Giunta di governo, esercitava la reggenza per il giovane re Carlo II, giunto al trono all'età di quattro anni. Rimase a Madrid sino alla nomina cardinalizia.

Papa Clemente X lo creò cardinale nel concistoro del 27 maggio 1675. Ricevette il titolo di cardinale presbitero di san Bernardo alle Terme, successivamente traslato nella sede dei santi Quirico e Giulitta nel 1681, poi a santa Prassede nel 1700 e infine a san Lorenzo in Lucina nel 1708. Dal 1676 al maggio 1680 fu governatore pontificio a Ferrara.[1] In quell'anno partecipò al lungo conclave conclusosi con l'elezione di Innocenzo XI.

Nel 1679 fu chiamato alla guida della diocesi di Tivoli con il titolo personale di arcivescovo. Curò la diocesi con grande dedizione, promuovendo un sinodo attraverso il quale adottò una serie di riforme, volte in particolare a contenere l'indisciplina del clero locale. Resse la sede sino al 1684. Rimase comunque molto legato alla diocesi, fondandovi a sue spese, nel 1705, un monastero per le monache francescane di Santa Elisabetta.

Nel 1687 ricoprì la carica di camerlengo del Collegio dei cardinali. Nel 1689 partecipò al conclave che innalzò al soglio pontificio Alessandro VIII e nel 1691 al successivo conclave, chiusosi con la scelta di Innocenzo XII. Il suo prestigio crebbe, come testimoniano una serie di riconoscimenti: tra il 1692 e il 1695 fu prefetto della congregazione del Clero e proprefetto di quella del Concilio. Il 4 luglio 1698 fu nominato da Innocenzo XII procamerlengo nella delicata fase di passaggio tra la morte di Paluzzo Altieri, che aveva esercitato la carica per quasi trent'anni dandole una forte connotazione personale, e l'austero Giovambattista Spinola iunior.

Nel 1702 si occupò delle missioni in Cina, con l'incarico, affidatogli da Clemente XI, di redigere un decreto sui «riti cinesi» introdotti in Cina dai gesuiti e che il vicario apostolico in Cina, mons. Charles Maigrot (Ch), M.E.P., aveva categoricamente proibito. Il pontefice si avvalse della consulenza del Maidalchini anche in merito agli archivi del Vaticano, dove fu spesso visto accompagnare Clemente XI, che avrebbe inteso mettere ordine in quella immensa mole di documenti. Fu anche protettore della Congregazione benedettina cassinese dal 1692 e dal 1698 dell'Ordine domenicano.

Morì nel suo palazzo romano il 3 luglio 1726. I funerali si tennero due giorni dopo alla presenza del pontefice Benedetto XIII, nella chiesa del Gesù.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Corinto Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Stefano Ugolini (Ch) 27 febbraio 1668 - 27 maggio 1675 Francesco Martelli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Stefano Ugolini (Ch) {{{data}}} Francesco Martelli
Predecessore: Nunzio apostolico in Polonia Successore: Emblem Holy See.svg
Antonio Pignatelli 10 marzo 1668 - 13 agosto 1670 Francesco Nerli il Giovane I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Pignatelli {{{data}}} Francesco Nerli il Giovane
Predecessore: Nunzio apostolico in Spagna Successore: Emblem Holy See.svg
Federico Borromeo 13 agosto 1670 - 27 maggio 1675 Savo Millini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Federico Borromeo {{{data}}} Savo Millini
Predecessore: Cardinale presbitero di San Bernardo alle Terme Diocleziane Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Bona, O.Cist. 23 marzo 1676 - 22 settembre 1681 Giovanni Battista Costaguti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Bona, O.Cist. {{{data}}} Giovanni Battista Costaguti
Predecessore: Vescovo di Tivoli
(titolo personale di arcivescovo)
Successore: BishopCoA PioM.svg
Mario Alberizzi 4 settembre 1679 - 21 novembre 1685 Antonio Fonseca I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Mario Alberizzi {{{data}}} Antonio Fonseca
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Quirico e Giulitta Successore: CardinalCoA PioM.svg
Lorenzo Raggi 22 settembre 1681 - 21 giugno 1700 Fulvio Astalli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lorenzo Raggi {{{data}}} Fulvio Astalli
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Crescenzi, C.R.S. 3 marzo 1687 - 17 maggio 1688 Fabrizio Spada I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Crescenzi, C.R.S. {{{data}}} Fabrizio Spada
Predecessore: Prefetto della Congregazione per il Clero Successore: Emblem Holy See.svg
Federico Baldeschi Colonna 10 maggio 1692 - dicembre 1695 Bandino Panciatichi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Federico Baldeschi Colonna {{{data}}} Bandino Panciatichi
Predecessore: Pro-prefetto della Congregazione del Concilio Successore: Emblem Holy See.svg
Federico Baldeschi Colonna
(prefetto)
10 maggio 1692 - dicembre 1695 Giuseppe Sacripante
(prefetto)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Federico Baldeschi Colonna
(prefetto)
{{{data}}} Giuseppe Sacripante
(prefetto)
Predecessore: Procamerlengo della Camera Apostolica Successore: Sede vacante.svg
Giambattista Spinola 4 luglio - 24 novembre 1698 Bernardino Scotti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giambattista Spinola {{{data}}} Bernardino Scotti
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore: CardinalCoA PioM.svg
Francesco Maidalchini 21 giugno 1700 - 30 aprile 1708 Fabrizio Spada I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Maidalchini {{{data}}} Fabrizio Spada
Predecessore: Segretario della Congregazione della Romana e Universale Inquisizione Successore: Emblem Holy See.svg
Alderano Cybo-Malaspina 1700 - 1716 Fabrizio Spada I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alderano Cybo-Malaspina {{{data}}} Fabrizio Spada
Predecessore: Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Francesco Nerli iuniore 30 aprile 1708 - 3 luglio 1726 Giuseppe Sacripante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Nerli iuniore {{{data}}} Giuseppe Sacripante
Predecessore: Cardinale protopresbitero Successore: CardinalCoA PioM.svg
Francesco Nerli iunior 8 aprile 1708 - 3 luglio 1726 Giuseppe Sacripante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Nerli iunior {{{data}}} Giuseppe Sacripante
Note
  1. Antonio Frizzi, Memorie per la storia di Ferrara[Sito web disconnesso] su books.google.it, Ferrara, 1809, vol. 2, p. 132. URL consultato il 6 luglio 2016


Bibliografia
  • Giuseppe Motta, Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 70, 2008, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.