Abbazia di Santa Maria in Valdiponte (Perugia)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Abbazia di Santa Maria in Valdiponte
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Perugia Abb.S.Maria-Valdiponte complesso.png
Perugia, Abbazia di Santa Maria in Valdiponte, complesso
Altre denominazioni Abbazia di Montelabate
Stato bandiera Italia
Regione Flag of Umbria.svg Umbria


Regione ecclesiastica Umbria

Provincia Perugia
Comune Perugia
Località Montelabate
Diocesi Perugia-Città della Pieve
Religione Cattolica
Indirizzo Strada di Montelabate
Loc. Montelabate
06134 Perugia (PG)
Telefono +39 075 603120; +39 340 1003590
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà Fondazione Gaslini di Genova
Oggetto tipo Abbazia
Oggetto qualificazione benedettina
Dedicazione Maria Vergine
Vescovo
Sigla Ordine qualificante O.S.B.
Sigla Ordine reggente O.S.B.
Fondatore
Data fondazione IX secolo
Architetto


Stile architettonico
Inizio della costruzione X secolo
Completamento XV secolo
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Data di consacrazione
Consacrato da
Data di sconsacrazione {{{Sconsacrazione}}}
Sconsacrato da {{{SconsacratoDa}}}
Titolo
Strutture preesistenti
Pianta
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore
Datazione scavi
Scavi condotti da
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Superficie massima {{{Superficie}}}
Altitudine 387 m
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
43°11′54″N 12°29′32″E / 43.198368, 12.492305 Flag of Umbria.svg Umbria
Mappa di localizzazione New: Umbria
Abbazia di S. Maria in Valdiponte
Abbazia di S. Maria in Valdiponte
Perugia
Perugia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

L' Abbazia di Santa Maria in Valdiponte, detta anche Abbazia di Montelabate , è un complesso monumentale, che ospitò un monastero benedettino, situato in località Montelabate nel comune di Perugia.

Storia

Dalle origini al Duecento

Nelle fonti più antiche il monastero è chiamato Santa Maria in Valdiponte in Corbiniano dal monte omonimo che lo sovrasta a est. La prima notizia, che attesta l'esistenza del cenobio, risale al 969 ed è un privilegio di papa Giovanni XIII (965-972), peraltro di controversa interpretazione dagli studiosi, con cui conferma all'abate Pietro le proprietà monastiche e lo incarica di restaurare e riformare il monastero secondo la Regola di san Benedetto segno che esso doveva già avere alle sue spalle una parabola di fondazione-crescita-decadenza. Il primo documento per una datazione certa del complesso è, comunque, un atto notarile del 993, con il quale un tale Giovanni Gregorio cede agli abati e ai monaci un terreno compreso tra il fiume Tevere e il Rio d'Arno. Un'altra attestazione sicura di Valdiponte, in un documento originale, è un testamento del settembre 995. È tuttavia probabile che l'abbazia possa risalire al IX secolo.

Il periodo tra l'XI e il XII secolo costituisce, per il monastero, la fase di maggior espansione della proprietà fondiaria e di affermazione della propria posizione egemonica su un ampio territorio, che, senza contare le aziende agricole più distanti e isolate, raggiungeva a ovest il lago Trasimeno, a sud la città di Perugia, a est si estendeva anche all'interno della Diocesi di Gubbio, a nord fino all'attuale Umbertide. Il meccanismo di costruzione di tale patrimonio è quello tipico delle fondazioni monastiche del tempo, le donazioni pro anima o le cessioni di diritti. Situato in un punto strategicamente importante tra le due città di Perugia e Gubbio, il monastero intrattenne rapporti con entrambi i Comuni; dalla documentazione appaiono più intensi ma nel complesso tranquilli quelli con Perugia, più sporadici ma con punte di tensione quelli con Gubbio.

Decisivo per il successivo sviluppo del cenobio fu il momento della sua diretta dipendenza dalla Santa Sede e dallo svincolamento da qualsiasi pretesa del potere episcopale locale. A questo obiettivo Valdiponte giunse in modo non propriamente semplice, ma nel corso di una vicenda che la vide accomunata ad altre due importanti abbazie del territorio perugino, San Pietro di Perugia e San Salvatore di Monteacuto. Poste sotto la giurisdizione del vescovo Andrea (1033 - 1036) da Benedetto IX (1033-1045) e Gregorio VI (1045-1046), i successori di questi, Clemente II (1046-1047) e Leone IX (1049-1054), per fermarne la dispersione dei beni, ne revocarono le disposizioni, confermando ai rispettivi abati i loro possessi mobili e immobili, come il diritto a percepire le decime e le primizie, la facoltà di scegliere qualsiasi vescovo per l'ordinazione dei chierici, nonché il loro status di immediata soggezione al papa.

In questa fase storica nella quale si vede in Europa il diffondersi dei movimenti di riforma monastica, come i cluniacensi e i cistercensi, per giungere alle nuove proposte dei camaldolesi e vallombrosani; Valdiponte rimane però estranea a questa generale tendenza al rinnovamento: l'abbazia, infatti, continuerà a essere benedettina della primitiva osservanza, autonoma e autocefala, alle dirette dipendenze di Roma.

La vita della comunità monastica non fu priva di contrasti interni, tanto che nel 1030 papa Giovanni XIX (1024-1032) decise di inviarvi un delegato per ripristinare l'ordine e la disciplina; alla stessa data si fa risalire un primo intervento di restauro del complesso, realizzatosi sotto il governo dell'abate Pietro.

Il XIII secolo è il periodo di maggior floridezza per Valdiponte: nel settembre 1277 l'abate, insieme ai più importanti rappresentanti degli altri enti religiosi del territorio perugino è invitato dalle autorità comunali a due riunioni sull'acquedotto, nella residenza e alla presenza del vescovo e di Fra Bevignate (1250 ca. - doc. 1305), allo scopo di fornire un aiuto concreto per la realizzazione dell'opera, su cui erano concentrate in quegli anni le energie e le risorse economiche dell'intera collettività, culminata nella costruzione della splendida Fontana Maggiore (1275-1278) ad opera di Nicola e Giovanni Pisano.

A testimonianza della prosperità economica della comunità monastica vi sono, in particolare, i notevoli interventi di restauro e ampliamento dell'abbazia che si susseguono in questa fase: nel 1230 l'abate Oratore fece ricostruire il chiostro, andato distrutto da eventi bellici; nel 1234 viene restaurata la chiesa insieme al coro; nel 1281 l'abate Trasmondo riedificò la chiesa e a seguito di tali lavori di ristrutturazione l'insediamento assunse il carattere monumentale odierno anche con l'ultimazione nel 1296 della possente torre campanaria; nel 1297 l'abate Deodato fa edificare la loggia superiore del chiostro.[1]

Dal Trecento al Seicento

All'inizio del XIV secolo, la chiesa abbaziale venne arricchita con importanti dipinti, realizzati da Meo da Siena e alcuni suoi seguaci, oggi conservati nella Galleria Nazionale dell'Umbria:

Nel XIV secolo si nota che spesso la carica di abate è occupata da membri di importanti famiglie perugine, nell'ambito di strategie di potere delle singole consorterie: questo non aiuta al ristabilimento della pace interna al cenobio e infatti la situazione raggiungerà una fase critica, dopo la morte di Deodato e soprattutto nel 1318, sotto l'abate Uguccione I Monalducci, quando si profilò una vera e propria "fronda" di scontenti.

I contrasti interni, le lotte con le signorie locali e gli attriti con i centri religiosi confinanti condussero l'abbazia a un progressivo decadimento istituzionale e materiale, che nel 1404, dopo la morte dell'ultimo abate regolare, Giacomo, diventa commenda, della quale a lungo (1527-1651) saranno titolari i membri della famiglia Cesi di Todi: ciò influirà negativamente sulla sua vitalità e capacità di iniziativa.

Alla fine del XV secolo, il monastero attraversò una breve fase di ristrutturazione testimoniata dai due dipinti murali ad affresco di Fiorenzo di Lorenzo e Bartolomeo Caporali, conservati nella chiesa abbaziale.

Dal Settecento a oggi

Nel 1749 l'abbazia verrà affidata, per volontà del cardinale Filippo Monti, all'Ordine cistercense che vi resterà sino al 1860.

Dopo la parentesi repubblicana e napoleonica, in cui anche il cenobio di Valdiponte fu soppresso e i suoi beni espropriati (1808-1815), la definitiva chiusura del monastero avverrà nel 1860, con l'allontanamento dell'ultimo abate, in seguito alle confische operate dal nuovo Stato unitario.

L'edificio, divenuto di proprietà privata, venne lasciato in stato di abbandono: durante la Seconda guerra mondiale nel 1943-1944 fu usato come deposito per le opere d'arte conservate nella Galleria Nazionale dell'Umbria e per alcune di quelle della Pinacoteca di Brera. Infine, nel 1956 venne acquistato dalla Fondazione Gaslini di Genova, che ne è ancora oggi proprietaria.

Descrizione

Abbazia di Santa Maria in Valdiponte

Il complesso monastico è attualmente costituito da vari corpi di fabbrica, dei quali si evidenziano:

Chiesa

La chiesa, in stile romanico-gotico, documentata già nell'XI secolo, venne riedificata nel 1281 e dotata nel 1569 di possenti contrafforti di sostegno

Esterno

La chiesa, impostata su un alto podio, è accessibile attraverso una stretta e ripida scalinata. La facciata quadrata è aperta da un grande portale a ogiva trilobato e un rosone a doppia raggiera, databili al 1315, commissionati dall'abate Uguccione Monalducci e attribuiti alla bottega del cosiddetto "Maestro ricamatore".

La torre campanaria, a destra a della facciata, ultimata nel 1296, a base quadrata, è aperta su due lati da quadrifore e sugli altri da trifore, mentre sulla sommità da quattro grandi monofore.

Interno

La chiesa, orientata (ossia con l'abside rivolto a Est), si presenta a unica navata (30 m. di lunghezza e 15 m. di larghezza), articolata in tre campate e coperta da volte a crociera poggianti su costoloni sorretti da semipilastri addossati alle pareti. L'abside poligonale è aperto da tre monofore.

All'interno, di particolare interesse storico-artistico si conservano due dipinti murali ubicati all'inizio della navata:

Cripta

Sotto il presbiterio si apre l'ampia cripta, ascrivibile probabilmente alla prima metà dell'XI secolo, che si presenta a pianta rettangolare divisa in quattro navate con tre absidi. Gli elementi utilizzati per la sua costruzione sono tutti materiali di spoglio, come colonne romane e altomedievali i cui capitelli sono decorati a motivi fitomorfi.

In una nicchia della cripta sono visibili alcuni frammenti di un dipinto murale raffigurante:

Chiostro

Abbazia di Santa Maria in Valdiponte, chiostro

Lo splendido chiostro quadrangolare, che sorge allo stello livello della cripta, si compone di due livelli: il primo, come ricordato in uno dei capitelli, venne terminato sotto l'abate Oratore (1205-1222), presenta colonne con capitelli a gruccia che sorreggono archi ogivali: il secondo fu aggiunto nel 1297 per aver un collegamento allo stesso livello della chiesa. Tuttavia l'esistenza di un chiostro è già documentata dal 1195 e visto che per l'edificazione di quello attuale sono state utilizzate parti di colonne di recupero databili anche al IX-X secolo, è ipotizzabile la presenza di uno più antico.

Sala capitolare

Nella sala capitolare, che era l'ambiente in cui i monaci si riunivano per dirimere le questioni importanti riguardanti la vita abbaziale, comprese le questioni legali relative ai possedimenti, si preservano alcuni pregevoli dipinti murali raffiguranti:

Note
  1. La data di costruzione è incisa in un capitello del chiostro:
    « Anno Domini MCCLXXXXVII tempore Domini Deaodati Abbatis »
  2. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri" . URL consultato il 31.05.2020
  3. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri" . URL consultato il 31.05.2020
  4. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri" . URL consultato il 31.05.2020
  5. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri" . URL consultato il 31.05.2020
  6. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri" . URL consultato il 31.05.2020
  7. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri" . URL consultato il 29.05.2020
  8. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri" . URL consultato il 29.05.2020
  9. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri" . URL consultato il 29.05.2020
Bibliografia
  • Lamberto Becchetti, L'Abbazia di S. Maria di Valdiponte in Corbiniano detta di Montelabate, Era Nuova, Perugia, 1997
  • Francesco Guarino, Alberto Melelli, Abbazie benedettine in Umbria, Quattroemme, Perugia, 2008, pp. 127-128, ISBN 9788889398425
  • Touring Club Italiano (a cura di), Umbria, col. "Guide Rosse", Touring, Milano, 2005, pp. 204-206, ISBN 9770390107016
Voci correlate
Collegamenti esterni