Beato Giuseppe Girotti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Beato Giuseppe Girotti, O.P.
Presbitero · Martire
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Beato
{{{note}}}

91403.JPG

{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 39 anni
Nascita Alba
19 luglio 1905
Morte Dachau
1º aprile 1945
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione Chieri, 30 settembre 1922
Professione religiosa 15 ottobre 1923
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Chieri, 3 agosto 1930 da mons. Angelo Giacinto Scapardini
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 26 aprile 2014, da Francesco
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 1º aprile
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni

Beato Giuseppe Girotti (Alba, 19 luglio 1905; † Dachau, 1º aprile 1945) è stato un presbitero e biblista italiano, licenziato (prolita) in Sacra Scrittura, e martire della carità nel campo di Dachau.

Cenni biografici

Nacque ad Alba il 19 luglio 1905 da umile ma stimata famiglia. Il 5 gennaio 1919 Girotti entrò nel Collegio domenicano di Chieri per iniziare gli studi. Il 30 settembre 1922 fece la cerimonia di vestizione. Dopo il noviziato a La Quercia, convento dell'Ordine a Viterbo, professò i voti il 15 ottobre 1923. Il 3 agosto 1930, vigilia di san Domenico, fu ordinato sacerdote a Chieri da mons. Angelo Giacinto Scapardini[1], O.P., arcivescovo di Vigevano.

Dal 1932 a 1934 fu a Gerusalemme dove si perfezionò in studi biblici alla scuola di padre Réginald Garrigou-Lagrange, conseguendo poi il titolo di licenziato (prolita) in Sacra Scrittura a Roma, presso la Pontificia Commissione Biblica. Fu poi docente di Sacra Scrittura nello Scriptorium domenicano di santa Maria delle Rose in Torino. Nel 1937 fu incaricato di continuare il commento alla Sacra Bibbia, iniziato dal confratello padre Marco Sales, morto l'anno prima. Incarico che terminò nel 1938 con la pubblicazione del VI volume dell'Antico Testamento dedicato ai Libri della Sapienza.

Sospeso nel 1939 dall'insegnamento e sorvegliato dal regime per il suo atteggiamento antifascista, fu trasferito nel convento di san Domenico. Nel 1942 pubblicò il VII volume sul Libro di Isaia. Nei due volumi da lui scritti profuse tutta la sua profondità di studi, esposti con chiarezza apprezzata. Stimato per la sua vasta cultura, amava esercitare il ministero sacerdotale anche tra la povera gente, specie nell'Ospizio dei Poveri Vecchi, vicino al suo convento. Estese la sua pratica della carità cristiana con l'aiuto agli ebrei, durante la persecuzione antisemita della Seconda Guerra Mondiale.

Per la sua opera a favore degli ebrei, il 29 agosto 1944 fu arrestato e, dopo essere stato detenuto nelle carceri de Le Nuove di Torino, san Vittore a Milano e a Bologna, fu deportato in Germania nel campo di concentramento di Dachau (lager deputato all'accoglimento dei religiosi intransigenti verso il regime), dove giunse il 9 ottobre 1994. Qui padre Girotti attinse forza morale e spirituale dalla lettura e dalla meditazione della Bibbia che un pastore luterano gli fornì, perché aveva intenzione di pubblicare il commento del profeta Geremia. Le dure condizioni imposte agli internati sfociarono in un'epidemia che infierì a partire dal mese di dicembre decimando i prigionieri.

Il fisico di padre Girotti non resse, dimagriva a vista d'occhio, affetto da dolori reumatici e gonfiore alle gambe sempre più pronunciati. In infermeria gli fu diagnosticato un carcinoma. Probabilmente la sua morte repentina è comunque da attribuire a una iniezione letale. Le sue ultime parole ascoltate furono quelle dell'Apocalisse: Maràna thà, Vieni Signore Gesù! Era la Pasqua del 1° aprile 1945, poco prima della fine della guerra. Aveva 39 anni, fu seppellirono in una fossa comune con altri duecento cadaveri, perché il forno crematorio non funzionava più.

Culto

Nel 1988 è cominciato presso la curia di Torino il processo di canonizzazione e il 27 marzo 2013 papa Francesco ne ha autorizzato il decreto di beatificazione, avvenuta nel duomo di Alba il 26 aprile 2014.[2] A rappresentare il Santo Padre il cardinal Giovanni Coppa, nativo di Alba.

Il 14 febbraio 1995, a cinquant'anni dalla morte, ha ricevuto la medaglia alla memoria come giusto tra le nazioni quale riconoscimento da parte dello Stato di Israele per quanti si sono adoperati per la salvezza degli ebrei durante l'Olocausto.

Il suo nome è iscritto nell'albo ufficiale e un albero è piantato in suo onore nel viale dei giusti a Yad Vashem, a Gerusalemme.

Note
  1. Catholic hierarchy Arcivescovo Angelo Giacinto Scapardini , OP †
  2. "Papa: 2 martiri italiani, Rolando Rivi e Giuseppe Girotti", su la Repubblica del 28 marzo 2013.
Collegamenti esterni
  • Cenni biografici presso news.va, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.