San Gregorio Barbarigo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Gregorio Barbarigo)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome San Gregorio Barbarigo, vedi San Gregorio Barbarigo (disambigua).
San Gregorio Barbarigo
Cardinale
Kardinalcoa.png
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
Santo
{{{note}}}
{{{motto}}}

58050C.JPG

Rino Maluta, Ritratto di san Gregorio Barbarigo (1903), olio su tela
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 71 anni
Nascita Venezia
16 settembre 1625
Morte Padova
18 giugno 1697
Sepoltura cattedrale di Padova
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Venezia, 21 dicembre 1655 dal patriarca Gian Francesco Morosini
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo 9 luglio 1657 da Alessandro VII
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Basilica di San Marco Evangelista al Campidoglio (Roma), 29 luglio 1657 dal card. vescovo Marcantonio Bragadin
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
5 aprile 1660 da Alessandro VII (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 37 anni, 2 mesi e 13 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Riammesso da da {{{Riammesso da}}}
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 16 luglio 1761, da Clemente XIII
Canonizzazione 26 maggio 1960, da Giovanni XXIII
Ricorrenza 18 giugno
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi Bastone pastorale
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Scheda su santiebeati.it
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 18 giugno, n. 8:
« A Padova, san Gregorio Barbarigo, vescovo, che istituì il seminario per i chierici, insegnò il catechismo ai fanciulli nel loro dialetto, celebrò un sinodo, tenne colloqui con il suo clero e aprì molte scuole, dimostrandosi generoso con tutti, severo con se stesso. »

San Gregorio Barbarigo (Venezia, 16 settembre 1625; † Padova, 18 giugno 1697) è stato un vescovo e cardinale italiano venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia

Nacque in una ricca e influente famiglia veneziana. Sua madre morì affetta da peste quando Gregorio aveva appena due anni. Suo padre era senatore della Repubblica di Venezia e fervente cattolico. Fu battezzato con i nomi di Gregorio, Giovanni, Gaspare.

Il padre lo iniziò all'educazione nelle scienze naturali, e gli fece completare un corso di diplomazia.

Attività diplomatica

Nel 1643 accompagnò l'ambasciatore veneziano Alvise Contarini a Münster in Germania per le negoziazioni in preparazione della Pace di Westfalia che pose termine alla Guerra dei trent'anni. A Münster conobbe l'Arcivescovo Fabio Chigi, Nunzio apostolico in Germania e futuro Papa Alessandro VII, che partecipava alle negoziazioni. Dopo tre anni, nel 1646, tornò a Venezia, e continuò gli studi a Padova.

All'università di Padova studiò greco, matematica, storia, filosofia, e ottenne un dottorato in utroque iure il 25 settembre 1655.

Desiderava diventare Religioso, ma il suo direttore spirituale gli consigliò che si facesse Sacerdote diocesano, perché vedeva in lui le doti del Parroco. Fu ordinato presbitero il 21 dicembre 1655, all'età di trent'anni.

Il Papa Alessandro VII lo chiamò a Roma nel 1656. Lo fece Prelato Domestico di Sua Santità e gli affidò vari incarichi di responsabilità nel Tribunale della Segnatura Apostolica.

Quando nel 1656 scoppiò a Roma l'epidemia di peste, il Papa lo pose a capo della commissione incaricata di portare soccorso agli appestati. Gregorio si dedicò a visitare i malati, a seppellire i morti, ad aiutare le vedove e gli orfani.

Ministero episcopale

Terminata l'epidemia di peste, il Papa gli offrì il vescovado di una Diocesi importante, Bergamo. Gregorio chiese che lo lasciasse celebrare prima una Messa perché Dio gli rivelasse la sua volontà a questo proposito. Durante la Messa sentì che Dio lo invitava ad accettare. Fu così eletto Vescovo il 9 luglio e ordinato il 29 luglio 1657.

All'arrivare a Bergamo, chiese che si desse ai poveri quello che si sarebbe speso nella festa di ricevimento. In seguito vendette tutti i suoi averi e li distribuì ai bisognosi. Il suo desiderio era di imitare in tutto il grande Arcivescovo di Milano san Carlo Borromeo.

Diffuse la stampa religiosa tra il popolo, e raccomandò specialmente gli scritti di San Francesco di Sales. Nelle sue visite missionarie si alloggiava in casa di gente povera e mangiava con loro. Di giorno si dedicava a insegnare il catechismo, e di notte passava lunghe ore in preghiera. Dette ordine al portiere del palazzo vescovile di svegliarlo a qualunque ora della notte se ci fosse stato da visitare qualche malato. Al medico che gli consigliava di non sciuparsi visitando i malati rispose: « È il mio dovere, e non posso fare altrimenti!».

Cardinalato

Papa Alessandro VII lo creò Cardinale il 5 aprile 1660 con il titolo di San Tommaso in Parione (opterà per il titolo di San Marco il 13 settembre 1677). Partecipò ai Conclavi del 1667, 1676, 1689 e 1691, ma non a quello del 1669-|70. Innocenzo XI lo fece fermare a Roma per tre anni come suo consigliere, e gli affidò la supervisione dell'insegnamento cattolico nella città.

Come Cardinale lavorò per la riunificazione con le Chiese Orientali.

Il 24 marzo 1664 il papa lo mandò vescovo a Padova. Si dedicò personalmente a organizzare le lezioni di catechismo e ad invitare tutti alla celebrazione della Messa.

Visitò le 320 Parrocchie della Diocesi, includendo le più lontane e difficili da raggiungere. Organizzò i Parroci e formò i catechisti.

Fondò stamperie per libri religiosi, e si interessò in maniera speciale perché i futuri sacerdoti fossero ben formati. Il suo seminario arrivò a essere considerato uno dei migliori d'Europa.

Morte

Morì santamente il 17 giugno 1697, e fu esposto e seppellito nella cattedrale di Padova.

Culto

Fu beatificato da Papa Clemente XIII il 16 luglio 1761, e canonizzato il 26 maggio 1960 da Papa Giovanni XXIII.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Bergamo Successore: BishopCoA PioM.svg
Luigi Grimani (Ch) 9 luglio 1657 - 24 marzo 1664 Daniele Giustiniani (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luigi Grimani (Ch) {{{data}}} Daniele Giustiniani (Ch)
Predecessore: Cardinale presbitero di San Tommaso in Parione Successore: Kardinalcoa.png
Pietro Campori 21 giugno 1660 - 13 settembre 1677 Bandino Panciatici I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Campori {{{data}}} Bandino Panciatici
Predecessore: Vescovo di Padova Successore: BishopCoA PioM.svg
Giorgio Corner 24 marzo 1664 - 18 giugno 1697 Giorgio Cornaro I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giorgio Corner {{{data}}} Giorgio Cornaro
Predecessore: Cardinale presbitero di San Marco Successore: Kardinalcoa.png
Pietro Vito Ottoboni 13 settembre 1677 - 18 giugno 1697 Marco Antonio Barbarigo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Vito Ottoboni {{{data}}} Marco Antonio Barbarigo
Voci correlate
Collegamenti esterni