Il Bollettino Salesiano

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Il Bollettino Salesiano
Il Bollettino salesiano.jpeg
Stato bandiera Italia
Lingua
Periodicità mensile
Genere stampa internazionale
Formato rivista
Fondatore Don Bosco
Fondazione 1877 da Don Bosco
Chiusura {{{chiusura}}}
Inserti e allegati
Editore Società Salesiana di San Giovanni Bosco
Sede Via della Pisana 1111

00163 Roma

Altra Sede {{{altrasede}}}
Direttore Bruno Ferrero
Condirettore {{{condirettore}}}
Vicedirettore
Redattore capo
ISSN [1]
Distribuzione
Edizione cartacea {{{cartacea}}}
Edizione digitale {{{digitale}}}
Canale TV {{{tv}}}
Tablet PC {{{tablet}}}
Smartphone {{{smartphone}}}
Sito web
Sito ufficiale
Posta elettronica
biesse@sdb.org
 

Il Bollettino Salesiano è una rivista mensile in abbonamento gratuito[1] di attualità salesiana e cattolica edita dalla Società Salesiana di San Giovanni Bosco e fondata nel 1877 da san Giovanni Bosco.

Gli argomenti trattati sono molteplici e toccano principalmente la realtà salesiana e della Chiesa nel Mondo. Spazia in varie materie fra le quali la storia e l'attualità di Don Bosco e dei salesiani, la pedagogia, l'agiografia salesiana, le missioni, la teologia, la psicologia, l'apologetica, l'arte ecc...

Inoltre, ogni mese, un articolo presenta una personalità salesiana o della Chiesa e riserva una rubrica dedicata alla posta dei lettori dove vengono forniti consigli e indicazioni secondo il pensiero della Chiesa e del cattolicesimo. Non mancano articoli specifici e dedicati ai giovani.

Storia

Cominciò la sua vita nel 1877 in collaborazione con altre realtà, ma ben presto sentì la necessità di autonomia e di uno spazio esclusivamente suo. Così nel gennaio 1878, iniziò la tiratura come Bollettino Salesiano.

Don Bosco affermava:

« Il Bollettino altro non è che un mezzo per comunicare la conoscenza delle nostre opere e stringere i buoni cristiani con uno spirito e un fine solo. »

Egli era convinto che avrebbe espresso le sue potenzialità proprio per il gran numero di persone che sarebbe stato capace di riunire.

A dieci anni dal suo avvio, alla morte di Don Bosco nel 1888, era stampato in tre lingue (italiano, francese, spagnolo) con una tiratura superiore alle 40.000 copie mensili.

L'espansione continuò anche durante il rettorato di Michele Rua che scrisse:

« Il Bollettino salesiano è stampato in otto lingue diverse, ed è letto con entusiasmo. Per tal mezzo circa 300.000 persone si tengono informate delle opere che i salesiani hanno tra mano e, secondo le loro forze, materialmente o moralmente vengono in loro aiuto. »

Si erano aggiunte, infatti, le edizioni in inglese, tedesco, polacco, portoghese e ungherese.

Dopo cento anni le edizioni erano diventate 34 in 19 lingue diverse e la tiratura mensile di quello italiano arrivava alle 350.000 copie. Complessivamente nell'anno si stampavano oltre dieci milioni di fascicoli.

Dopo il 1989 ha ripreso con vigore nei paesi dell'Est (c'è anche quello in russo) e si sono aggiunte tre edizioni africane, con pagine in lingue locali.

Dati attuali

Oggi, come le altre opere avviate da Don Bosco, anche il Bollettino si è impiantato e moltiplicato, arrivando a dimensioni rispettabili e dopo centoventi anni dalla fondazione, nel mondo ha raggiunto 50 edizioni.

La tiratura maggiore è sempre di quello in lingua italiana, infatti il servizio di abbonamento gratuito della rivista, ha una copertura superiore alle 350.000 unità.[2]; ma altre 4 edizioni superano le 50 mila copie mensili e precisamente in Argentina, Germania, Spagna e Stati Uniti. L'insieme delle 50 edizioni si attesta ancora sui dieci milioni di copie.

La rivista è stampata in 57 edizioni, in 29 lingue diverse ed è distribuita in 131 paesi al mondo.

L'attuale progetto mondiale della rivista tende anche a coordinare le varie edizioni, rispettando l'autonomia di ciascuna, per irrobustire la comune identità, accrescere la qualità e la stabilità facilitando lo scambio di informazioni, trovando forme di sostegno relative ai bisogni di ciascuno e accrescendo maggiormente l'attenzione ai giovani, il coinvolgimento, la collaborazione di tante persone volontarie nel nome di Don Bosco.

Direttori

Durante gli anni di attività della rivista, alla guida si sono susseguiti illustri rettori, fra i quali lo stesso Don Bosco fino all'attuale Don Bruno Ferrero, scrittore ed ex direttore editoriale della casa editrice salesiana Elledici. Di seguito la lista con gli anni di attività nel ruolo.[3]

Note

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.