Beato Artemide Zatti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Beato Artemide Zatti, S.D.B.
Religioso
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Beato

Artemide Zatti.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 70 anni
Nascita Boretto
12 ottobre 1880
Morte 15 marzo 1951
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 1908
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il 7 luglio 1997, da Giovanni Paolo II
Beatificazione 14 aprile 2002, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 15 marzo
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Scheda nel sito della diocesi o congregazione
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 15 marzo, n. 9:
« A Viedma in Argentina, beato Artemide Zatti, religioso della Società di San Francesco di Sales, che rifulse per lo zelo missionario e, partito per le impervie regioni della Patagonia, per tutta la vita si dedicò nell'ospedale di quella città con somma generosità, in tutta pazienza e umiltà, alle necessità dei bisognosi. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

Il Beato Artemide Zatti (Boretto, 12 ottobre 1880; † 15 marzo 1951) è stato un coadiutore salesiano e missionario italiano.

Biografia

Emigrato in Argentina

Nacque in una famiglia di agricoltori da Luigi Zatti e Albina Vecchi. Fin da bambino fu abituato al lavoro e al sacrificio: già a nove anni lavorava come bracciante.

Nel 1897 la famiglia Zatti, costretta dalla povertà, emigrò in Argentina, a Bahía Blanca. Qui Artemide prese a frequentare la parrocchia retta dai Salesiani e divenne collaboratore del parroco, don Carlo Cavalli, con cui spesso condivise lavoro e preghiera.

Sorta in lui la vocazione di diventare salesiano, fu accettato come aspirante da mons. Giovanni Cagliero e, ormai ventenne, entrò nella casa salesiana di Bernal. Qui studiò con impegno, desideroso di recuperare gli anni di ritardo. Gli fu affidato il compito di assistere un giovane sacerdote malato di tubercolosi, che poi morì nel 1902.

Al servizio dei malati

Artemide, il giorno in cui avrebbe dovuto ricevere l'abito clericale, contrasse anch'egli la malattia. Tornato a casa, don Cavalli lo indirizzò presso l'Ospedale missionario di Viedma, diretto da don Evarisio Garrone. Artemide fece voto a Maria Ausiliatrice di dedicare tutta la propria vita alla cura degli ammalati in cambio della guarigione, e così fu: guarito dalla tubercolosi, cominciò dapprima ad occuparsi della farmacia annessa all'ospedale.

Alla morte di don Garrone, ebbe la totale responsabilità dell'ospedale. Profondamente dedito ai suoi ammalati, era da loro cercato e stimato.

Nel 1908 emise i voti perpetui; qualche tempo dopo conseguì il diploma di infermiere.

Nel 1950, caduto da una scala, fu costretto al riposo. Dopo qualche mese si manifestarono i sintomi di un cancro. Morì il 15 Marzo 1951.

Culto

Artemide Zatti è stato proclamato venerabile il 7 luglio 1997 e beatificato il 14 aprile 2002 da Giovanni Paolo II.

La sua salma riposa oggi nella cappella dei Salesiani a Viedma.

Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.