Beati sessantatré martiri salesiani di Madrid e Siviglia

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Beati sessantatré martiri salesiani di Madrid e Siviglia, S.D.B.
Laici · Martiri
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Beati
{{{note}}}

Salesians Martyrs in Madrid and Seville.jpg

I martiri salesiani di Madrid e Siviglia]]
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte {{{età}}} anni
Nascita
Morte 1936
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Immagini
Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerati da Chiesa cattolica
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione 28 ottobre 2007, da Benedetto XVI
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[]]
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari
Patroni di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it

I Beati sessantatré martiri salesiani di Madrid e Siviglia († 1936) furono ventidue sacerdoti, diciotto coadiutori, sedici chierici, tre aspiranti, tre cooperatori e un collaboratore laico uccisi nel 1936 dai miliziani comunisti durante la guerra civile spagnola.

Sono stati proclamati beati da papa Benedetto XVI il 28 ottobre 2007 insieme ad altri quattrocentotrentacinque martiri spagnoli. Ad essi vanno aggiunti altri trentadue martiri salesiani di Valencia e altre migliaia di religiosi e laici uccisi durante la guerra civile per la loro fede cattolica.

La vicenda

Il 17 luglio 1936 scoppiò in Spagna la guerra civile tra nazionalisti filo-fascisti e repubblicani comunisti. Fin dai primi giorni di guerra, si verificò una vera e propria persecuzione religiosa[1].

Le azioni persecutorie contro la Chiesa e i cattolici, già iniziate da alcuni anni, divennero particolarmente feroci nel 1936: furono incendiate chiese, assaliti monasteri e conventi, profanate salme e reliquie, vietate le cerimonie religiose pubbliche.

Morirono per la loro fede migliaia di religiosi e laici: tra questi, i martiri salesiani di Madrid e Siviglia.

La beatificazione

Nel 1964, dopo aver consultato l'episcopato spagnolo, papa Paolo VI decise di sospendere i processi di beatificazione di tutti i martiri della guerra civile spagnola, soprattutto per evitare strumentalizzazioni politiche.

Papa Giovanni Paolo II, invece, ritenendo ormai maturi i tempi, a partire dal 1983 dispose che i processi iniziati nelle varie diocesi fossero portati a termine in breve tempo: nel marzo del 1987 si giunse così al riconoscimento ufficiale del martirio di tre suore carmelitane scalze, assassinate in Castiglia, a Guadalajara, nel luglio 1936.

La Congregazione per le Cause dei Santi, il 26 giugno 2009, ha promulgato il decreto di martirio per quattrocentonovantotto martiri spagnoli, fra cui i salesiani di Madrid e Siviglia, riconoscendo che quelle vittime furono uccise in odium fidei e che andarono incontro alla morte per testimoniare la propria fedeltà a Dio e alla Chiesa. Papa Benedetto XVI li ha proclamati beati il 28 ottobre 2007. Si tratta della più imponente beatificazione della Storia della Chiesa[2].

Elenco dei martiri

Madrid

Sacerdoti

Coadiutori

Chierici

Aspiranti

Collaboratore laico

Siviglia

Sacerdoti

Coadiutori

Chierici

Cooperatori

Note
  1. Lo storico laburista inglese Hugh Thomas è giunto ad affermare che
    « mai nella storia d'Europa e forse in quella del mondo, si vide un odio così accanito per la religione e i suoi uomini. »

    Un testimone contemporaneo, monsignor Marcelino Olaechea y Loizaga, salesiano e arcivescovo di Valencia, scriveva nel 1957 che

    « nessuna mente sana potrà mai porre in dubbio che [i martiri di Valencia] furono uccisi a causa dell'odio che i loro giustizieri avevano contro Cristo»

    Allo stesso modo si sono pronunziati anche molti altri storici e testimoni contemporanei.

  2. Se si escludono i circa ottocento martiri di Otranto, di cui però si ignora l'elenco completo.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.