Beato Giuseppe Kowalski

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Beato Giuseppe Kowalski, S.D.B.
Presbitero · Martire
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Jozef Kowalski
Beato
Martire

Giuseppe Kowalski.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo
Età alla morte 31 anni
Nascita Siedliska
13 marzo 1911
Morte Auschwitz
4 luglio 1942
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 29 giugno 1934
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 29 maggio 1938
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 13 giugno 1999, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 4 luglio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Scheda nel sito della diocesi o congregazione
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 4 luglio, n. 17:
« Nel campo di sterminio di Auschwitz vicino a Cracovia in Polonia, beato Giuseppe Kowalski, martire, che, in tempo di guerra, fu messo per Cristo in carcere, dove sotto tortura consumò il suo martirio. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

Il Beato Giuseppe Kowalski, al secolo Jozef Kowalski (Siedliska, 13 marzo 1911; † Auschwitz, 4 luglio 1942) è stato un presbitero e martire polacco, appartenente alla Società Salesiana di San Giovanni Bosco. Fu imprigionato nel campo di concentramento nazista di Auschwitz, dove fu torturato e ucciso per il suo rifiuto di calpestare il rosario.

Biografia

Formazione

Nacque a Siedliska presso Rzeszów, in Polonia, da Wojciech e Zofia Borowiec, settimo di nove figli. I suoi genitori, cattolici praticanti, erano contadini proprietari di un modesto podere.

Dopo la scuola primaria, fu iscritto al collegio salesiano di Oswiecim (meglio conosciuta come Auschwitz). Qui si iscrisse alla Compagnia dell'Immacolata e all'Associazione Missionaria, di cui in seguito fu il presidente.

Si innamorò profondamente del carisma salesiano e di san Giovanni Bosco suo fondatore, che cercò di imitare in tutto: dall'impegno nell'animazione gioiosa delle feste religiose e civili alla presenza apostolica in mezzo ai compagni.

Da giovane studente iniziò a stendere il suo diario, in cui testimonia la propria devozione a Maria Ausiliatrice e all'Eucaristia:

« O Madre mia, io devo essere santo perché questo è il mio destino. O Gesù, a te offro il mio povero cuore [...]. Fa' che io non mi allontani mai da Te e che fino alla morte rimanga fedele: piuttosto morire che offenderti, neanche con un piccolo peccato. Io devo essere un salesiano santo, come lo fu il mio padre don Bosco. »

Sacerdote salesiano

Nel 1928 emise la professione temporanea a Czerwinsk e ricevette l'ordinazione sacerdotale il 29 maggio 1938 a Cracovia. Gli fu affidato l'incarico di segretario ispettoriale e la cura dei giovani più difficili.

L'anno successivo la Polonia fu occupata dalle armate di Adolf Hitler. Il 23 maggio 1941 la Gestapo catturò don Kowalski insieme ad altri undici salesiani, operanti a Cracovia. Dapprima fu internato nella prigione delle medesima città; di là il 26 giugno fu trasferito nel campo di concentramento di Auschwitz, dove ricevette il numero 17350. Nel lager continuò a dedicarsi - seppur segretamente - all'apostolato: confessava, celebrava Messe, recitava il rosario, rincuorando i compagni di prigionia.

Il martirio

Nel campo di concentramento subì sofferenze, vessazioni e umiliazioni. Per il suo rifiuto di calpestare il rosario che gli era stato trovato, fu sottoposto a lavori massacranti, poi torturato e annegato dalle guardie, il 4 luglio 1942. Il suo corpo prima fu gettato nel contenitore degli escrementi, poi fu bruciato nel crematorio del campo.

Culto

I suoi compatrioti cominciarono a venerarne la memoria, ritenendo che il suo sacrificio avesse fecondato le vocazioni polacche. Anche papa Giovanni Paolo II era dello stesso avviso e si interessò personalmente alla causa di beatificazione di diversi martiri polacchi, che furono infine da lui beatificati a Varsavia il 13 giugno 1999.

Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.