Santa Maria Domenica Mazzarello

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santa Maria, vedi Santa Maria (disambigua).
Santa Maria Domenica Mazzarello, F.M.A.
Religiosa
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
Santa
{{{note}}}

S.MariaDomenicaMazzarello.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 44 anni
Nascita Mornese
9 maggio 1837
Morte Nizza Monferrato
14 maggio 1881
Sepoltura
Appartenenza Figlie di Maria Ausiliatrice
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 5 agosto 1872
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerata da
Venerabile il [[]]
Beatificazione 20 novembre 1938, da Pio XI
Canonizzazione 24 giugno 1951, da Pio XII
Ricorrenza 14 maggio
Altre ricorrenze 13 maggio presso La congregazione delle Figlie di Maria Ausiliatrice
Santuario principale
Attributi Giglio
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
Scheda su santiebeati.it
Scheda nel sito della diocesi o congregazione
Virgolette aperte.png
Per star allegra bisogna andare avanti con semplicità, non cercare soddisfazioni né‚ nelle creature, né‚ nelle cose di questo mondo. Pensate solo ad adempiere bene il vostro dovere per amor di Gesù e non pensate ad altro. Se sarete umile, avrete confidenza in Lui, egli farà il resto.
Virgolette chiuse.png
(Lettera a suor Giuseppina Pacotto, maggio 1879[1])
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 14 maggio, n. 15:
« A Nizza Monferrato in Piemonte, santa Maria Domenica Mazzarello, che insieme a san Giovanni Bosco fondò l'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice per l'educazione delle ragazze povere e rifulse per umiltà, prudenza e carità. »

Santa Maria Domenica Mazzarello (Mornese, 9 maggio 1837; † Nizza Monferrato, 14 maggio 1881) è stata una religiosa italiana, co-fondatrice della congregazione delle Figlie di Maria Ausiliatrice. È stata canonizzata nel 1951 da papa Pio XII.

Biografia

Primogenita dei sette figli di Giuseppe e Maddalena Calcagno, famiglia pia di contadini[2] mezzadri, partecipò giovanissima al lavoro familiare.

Dopo la Prima Comunione, ricevuta nel 1848, assecondando un'interna aspirazione, fece il voto perpetuo di castità. Quando nel 1855 il compaesano don Domenico Pestarino (1817-1874) fondò la Pia Unione delle Figlie di Maria Immacolata, la giovane vi si iscrisse subito. A quindici anni il direttore spirituale le permise di comunicarsi quotidianamente. Si alzava alle quattro del mattino per andare ad ascoltare la Messa ed essere di ritorno in tempo per i lavori della campagna. La sera si univa in spirito alle preghiere recitate in comune, sotto la guida di don Pestarino, dicendo il rosario con i familiari, inginocchiata alla finestra di casa prospiciente la chiesa [2].

All'età di 23 anni, fu colpita da una grave forma di tifo, che la cambiò non solo fisicamente. Grazie alla sua robusta costituzione guarì, ma non sentendosi più adatta ai lavori dei campi, disse un giorno all'amica Petronilla Mazzarello:

« Impariamo a lavorare da sarte; potremo così radunare delle ragazze in un laboratorio e insegnare loro, oltre il cucito, la maniera di servire il Signore. Fin d'ora mettiamo l'intenzione che ogni nostro punto d'ago sia un atto di amor di Dio[2]»

Grazie anche alla protezione e all'opera del parroco del paese, don Pestarino, altre ragazze ne seguirono l'esempio e diedero vita a una comunità.

Nel 1864 don Bosco si recò a Mornese dietro invito di don Pestarino, e con lui progettò d'introdurre la vita comune tra le più volenterose Figlie dell'Immacolata. La Mazzarello con alcune compagne aderì con gioia alla proposta.

« Don Bosco è un santo, diceva, e io lo sento!. »

Nella casa che il direttore mise a loro disposizione accettarono fanciulle orfane e bisognose. Per educarle e sfamarle, oltre al cucito, la santa, sempre attivissima, allevava bachi da seta, cardava lana e tesseva.[2]

Nel 1869, Don Bosco ritornò a Mornese e tracciò un regolamento di vita comune per coloro che perseveravano pur tra contrarietà e privazioni di ogni genere.

Cerimonia di vestizione davanti a Don Bosco e al vescovo di Acqui

Le Figlie di Maria Ausiliatrice poterono così sorgere ufficialmente il 5 agosto del 1872, giorno in cui, alla presenza del vescovo della diocesi mons. Giuseppe Maria Sciandra e di Don Bosco, undici novizie emisero i voti temporanei e quindici postulanti fecero la vestizione.

Nella formazione della nascente famiglia religiosa, la santa, ormai trentacinquenne, fu aiutata per sei mesi da due suore di Sant'Anna, fondate dalla marchesa di Barolo, alcuni decenni prima. Quando ritornarono alla loro casa, Don Bosco volle che, superiora dell'Istituto, fosse madre Maria Domenica. Era infatti di poche parole, e non sempre dette secondo la grammatica, ma possedeva un raro spirito di fede, molto discernimento e criterio.[2]

Il santo, oppresso da debiti, nel 1877 decise di vendere la casa di Mornese per comperare a Nizza Monferrato un antico convento francescano incamerato dal governo, la santa tenne tutta per sé la pena di dover abbandonare il nido della Congregazione. In poco tempo a Nizza le educande, le postulanti e le suore salirono a 150 di modo che poterono espandersi ben presto in Piemonte, in Sicilia, in Francia e nell'America Latina.[2]

A chi partiva e a chi restava la santa dava saggi ammaestramenti:

« Conservate, per quanto potete, lo spirito di unione con Dio; siate alla sua presenza continuamente. - Ogni passo, ogni parola sia un atto di amore di Dio; sia accompagnato dall'intenzione di salvare un'anima.- Per riuscire sante e sapienti, bisogna parlare poco e riflettere molto; parlare poco con le creature, pochissimo delle creature e niente di noi stesse[2]»

Preoccupata che nelle case si osservassero le regole della perfezione e non entrasse il peccato, esortava religiose ed educande alla frequente comunione sacramentale e spirituale e a meditare la passione di Gesù. Esortava pure le sue figlie a non lasciarsi sfuggire le occasioni di penitenza che chiamava tempo di vendemmia[2].

Santa Maria Domenica Mazzarello Vetrata Basilica di Sant'Agostino Milano

Colpita a quarantaquattro anni di pleurite con versamento, morì il 14 maggio del 1881 a Nizza dove si era definitivamente trasferita due anni prima. L'anno precedente, nel capitolo generale, aveva sconsigliato invano la sua rielezione, perché non avrebbe terminato l'anno. In punto di morte alle 139 professe e alle 50 novizie distribuite in 26 case raccomandò la carità, l'umiltà e l'ubbidienza[2].

Culto

Madre Mazzarello fu beatificata il 20 novembre 1938.

Il miracolo richiesto per la beatificazione fu la guarigione di Ercolina Mazzarello, una bambina di quattro anni affetta da paralisi spinale infantile, una forma di poliomielite.

Ercolina era l'ultimogenita dei quattro figli dei coniugi Mazzarello. Nata nel luglio 1912 nei dintorni di Genova, a tre mesi accusò i sintomi della malattia, perdendo l'uso delle gambe. Nel 1916 la madre, avendo letto in un libriccino dedicato a suor Maria Mazzarello, allora Venerabile, che un bambino di quattro anni, pure affetto da paralisi, era guarito per l'intercessione della religiosa, iniziò una novena alla madre[3]. Il giorno dopo la fine della novena la bambina guarì improvvisamente, in presenza di diversi testimoni, riprendendo subito a camminare e a correre, senza più alcun sintomo della malattia, e sparendo tra l'altro una grossa deformità ossea al petto[4][5].

Fu poi canonizzata il 24 giugno 1951.

Note
  1. Le lettere di Santa Maria Domenica Mazzarello, online
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 2,4 2,5 2,6 2,7 2,8 Guido Pettinati I Santi canonizzati del giorno, Vol. 5, Udine: edizioni Segno, 1991, pp. 198-202
  3. Bollettino Salesiano del 1° luglio 1938.
  4. Alfred Läpple, I miracoli, Arnoldo Mondadori Editore, 1993.
  5. "Positio super miraculis", Romae 1937, in "Depositiones testium" I, pp. 5-11
Bibliografia
  • Ana M. Fernández (a cura di), Le lettere di Maria Domenica Mazzarello, LAS, 2006
  • Teresio Bosco, Maria Domenica Mazzarello, Elledici, 2007
  • M. Pia Giudici, Mara Borsi, Maria Domenica Mazzarello. Una vita semplice e piena di amore, Elledici, 2008
  • Teresio Bosco, M. Pia Giudici, Mara Borsi, I fondatori: Don Bosco. Una biografia nuova. Maria Domenica Mazzarello, Elledici, 2008
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.