San Giuseppe Cafasso

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Giuseppe Cafasso
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
Santo

St. Joseph Cafasso.jpg

{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 49 anni
Nascita Castelnuovo d'Asti ora Castelnuovo Don Bosco
15 gennaio 1811
Morte Torino
23 giugno 1860
Sepoltura Santuario della Consolata, Torino
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1833
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 1925, da Pio XI
Canonizzazione 1947, da Pio XII
Ricorrenza 23 giugno
Altre ricorrenze
Santuario principale Santuario della Consolata
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di Carcerati e condannati a morte
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 23 giugno, n. 9:
« A Torino, san Giuseppe Cafasso, sacerdote, che si dedicò alla formazione spirituale e culturale dei futuri sacerdoti e a riconciliare a Dio i poveri carcerati e i condannati a morte. »

San Giuseppe Cafasso (Castelnuovo d'Asti ora Castelnuovo Don Bosco, 15 gennaio 1811; † Torino, 23 giugno 1860) è stato un presbitero italiano, canonizzato da papa Pio XII nel 1947.

Biografia

Nacque da una famiglia contadina modesta e profondamente religiosa, quattro anni prima di Giovanni Bosco e frequentò le scuole pubbliche del suo paese prima di frequentare il seminario di Chieri.

Difficile era prevedere un futuro di oratore: a scuola andava abbastanza male, e inoltre il suo parlare era sommesso, ma divenne presbitero nel 1833 a ventidue anni e quattro mesi dopo entrò nel Convitto ecclesiastico torinese del teologo don Luigi Guala, dove i neo-sacerdoti potevano approfondire le loro conoscenze secondo gli insegnamenti teologici e pastorali di Sant'Alfonso Maria de' Liguori e arricchirsi spiritualmente con gli esercizi di Sant'Ignazio. Entrato come allievo, Cafasso vi rimase prima come insegnante, poi come direttore spirituale e infine come rettore.

Nonostante la mancanza di una voce tonante venne chiamato a predicare. Il suo aspetto era gracile, la sua colonna vertebrale deviata lo faceva apparire gobbo.

Divenne amico di Don Bosco e lo consigliò, indirizzandolo ad aiutare i ragazzi poveri di Torino. Di lui Don Bosco diceva: "La virtù straordinaria del Cafasso fu quella di praticare costantemente e con fedeltà meravigliosa le virtù ordinarie."

Alcuni notabili gli proposero anche di candidarsi alla Camera dei Deputati; ma don Cafasso rinunciò rispondendo: "Nel Dì del Giudizio il Signore mi chiederà se avrò fatto il buon prete, non il buon avvocato".

Fu direttore spirituale di presbiteri, laici, politici, fondatori. Pio XI lo definì la perla del clero italiano. Don Cafasso sostenne anche materialmente don Bosco e la Congregazione salesiana fin dalle sue origini. Era popolare a Torino in particolare per l'aiuto offerto ai carcerati, anche col supporto morale alle loro famiglie. Venne definito "il prete della forca" perché spesso si presentava alle esecuzioni capitali seguendo il condannato a morte fino al patibolo.

Scritti

  • Opere complete, Torino, Istituto-Collegio internazionale della Consolata per le missioni estere,
    • 2. Sacre missioni al popolo, Torino, scuola tipografica missionaria, 1923;
    • 2. Sacre missioni al popolo, Torino, scuola tipografica missionaria, 1925;
    • 3. Meditazioni per esercizi spirituali al clero, Torino, scuola tipografica missionaria, 1925;
    • 4. Istruzioni per esercizi spirituali al clero, Torino, Istituto-Collegio internazionale della Consolata per le missioni estere, 1925;
  • Edizione nazionale delle opere di san Giuseppe Cafasso, Cantalupa, Effata,
    • 1. Esercizi spirituali al clero. Meditazioni, a cura di Lucio Casto, 2003;
    • 3. Missioni al popolo. Meditazioni, a cura di Pier Angelo Gramaglia, 2002;
    • 4. Predicazione varia al popolo. Istruzionie discorsi, a cura di Renzo Savarino, 2005;
    • 5. Epistolario e testamento, introduzione, testi e note a cura di Giuseppe Tuninetti, 2004;
Bibliografia
  • Leone Mugnai, S. Giuseppe Cafasso, presbitero torinese, Editore Cantagalli, Siena 1972
  • Sergio Quinzio, Domande sulla santità, don Bosco, Cafasso, Cottolengo, Edizioni Gruppo Abele, Torino 1986
  • G. Buccellato (a cura di), San Giuseppe Cafasso il direttore spirituale di Don Bosco, LAS Editrice, 2008
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.