Ludovico Flangini

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Ludovico Flangini Giovanelli)
Ludovico Flangini
FLANGINI GIOVANELLI LUDOVICO.jpeg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"

1789 LUDOVICUS FLANGINI - FLANGINI LUDOVICO.jpeg

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 70 anni
Nascita Venezia
26 luglio 1733
Morte Venezia
29 febbraio 1804
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono 28 marzo 1790
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1799
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 14 settembre 1801
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 14 marzo, 1802 [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
3 agosto 1789 da Pio VI (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Ludovico Flangini o Flangini Giovanelli (Venezia, 26 luglio 1733; † Venezia, 29 febbraio 1804) è stato un cardinale e patriarca italiano.

Cenni biografici

Nacque a Venezia il 26 luglio 1733 da Marco e Cecilia Eleonora nata Giovanelli. Ricevette un'ottima educazione letteraria, di forte impronta classica, e iniziò la tradizionale carriera politica dei patrizi veneziani.

Nel 1759 sposò Maria Laura Donà. La coppia ebbe una figlia, Cecilia. La moglie morì prematuramente il 17 marzo 1762 ed egli decise di ritirarsi ad Asolo. Dopo aver assolto varie funzioni pubbliche nel 1776 decise di concorrere alla carica di procuratore di San Marco. Deluso per non essere stato nominato, decise di intraprendere la carriera ecclesiastica. Il senato veneziano, facendo uso del privilegio garantitogli da papa Clemente XII, lo nominò auditore della Sacra Rota romana il 16 marzo 1779.

Il Flangini iniziò così a Roma una carriera che culminò il 5 luglio 1789 nella nomina da parte di Pio VI a cardinale diacono dei Santi Cosma e Damiano. Fu ascritto delle congregazioni del Concilio, dei Riti e dei Regolari. Nel 1784 optò per il titolo di Sant'Agata dei Goti. Solo alla vigilia del conclave veneziano ricevette l'ordinazione sacerdotale. In conclave si legò strettamente alla fazione imperiale guidata dal cardinale František Herzan von Harras e appoggiò la candidatura del cardinale Alessandro Mattei e poi del Chiaramonti, che fu eletto papa con il nome di Pio VII.

Nel 1800, poco dopo l'elezione del nuovo pontefice, optò per il titolo presbiterale di Cardinale presbitero di San Marco, fu quindi a Vienna per offrire le proprie credenziali alla corona austriaca che, pur avendo cancellato la Repubblica di Venezia, gli garantì una pensione di 10.000 ducati annui segno della grande stima in cui era tenuto presso Francesco II d'Asburgo-Lorena. Su invito dell'Imperatore, il Flangini venne proposto come nuovo patriarca di Venezia e fu il primo primate veneto ad essere nominato dal sovrano straniero dopo la dissoluzione dell'ordinamento repubblicano dello stato nel 1797.

Il 14 novembre 1801 fu proposto al patriarcato e il 23 dicembre fu eletto patriarca di Venezia ricevendone il pallio. Nel gennaio dell'anno seguente, a Vienna, venne consacrato vescovo dal cardinale Christoph Anton von Migazzi, arcivescovo di Vienna. Nella capitale austriaca redasse la prima lettera pastorale, dove esprimeva la volontà di migliorare la preparazione del clero, l'istruzione religiosa del popolo e di promuovere la difesa della Chiesa delle "false massime degli pseudo filosofi". Prese possesso della sua sede il 24 novembre successivo.

Nel breve periodo del suo patriarcato, il cardinale Flangini ridusse le richieste minime per la celebrazione delle messe e attinse dai fondi e dai benefici di molte chiese per migliorare la condizione economica generale del clero veneziano. Si preoccupò inoltre di erigere nuove confraternite, sovrintendendo personalmente all'educazione del clero attraverso la costituzione di nuovi seminari e dando grande impulso alla devozione per le Quarant'ore.

Consigliere privato dell'Imperatore d'Austria, venne da questi nominato conte il 24 maggio 1802. Mutò quindi il titolo di san Marco, tradizionale dei cardinali veneziani, in quello di cardinale presbitero di Sant'Anastasia, perché agli occhi dell'Austria la cosa non sapesse di nostalgie nazionalistiche e per non incontrare eventuali ostacoli nelle sue aspirazioni. Nel corso di una conferenza con i ministri plenipotenziari austriaci, tenutasi il 14 agosto 1802, il cardinale Flangini tentò invano di ottenere la restaurazione del tribunale del Sant'Uffizio per meglio combattere il crescere di società segrete e massoniche, così come non ottenne di poter sottomettere i regolari ai loro diretti superiori anziché direttamente al vescovo, né di poter ricostituire la Società di Gesù.

Decorato con la gran croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria nel 1803, iniziò il 2 maggio di quello stesso anno una visita pastorale, ma questa venne interrotta dalla sua improvvisa morte che lo colpì a Venezia il 29 febbraio 1804, i funerali si tennero nella basilica patriarcale di Venezia dove fu sepolto.

Opere

All'attività politica ed ecclesiastica il Flangini affiancò un'intensa produzione filologica e letteraria. Di notevole rilievo la prima traduzione ed edizione italiana della Argonautiche di Apollonio Rodio, I-II, Roma 1791-94, condotta su quattro codici della Biblioteca Vaticana e con l'aiuto del carmaldolese Clemente Biagi e del conservatore dei Musei Capitolini di Roma Ennio Quirino Visconti. Rimangono invece inedite sette Conclusiones de coniugio servorum e due indulti relativi al digiuno, conservati nella Biblioteca del Civico Museo Correr di Venezia.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale diacono dei Santi Cosma e Damiano Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonio Maria Doria Pamphilj 14 dicembre 1789 - 21 febbraio 1794 Giovanni Caccia-Piatti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Maria Doria Pamphilj {{{data}}} Giovanni Caccia-Piatti
Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Agata dei Goti Successore: CardinalCoA PioM.svg
Raniero Finocchietti 21 febbraio 1794 - 2 aprile 1800 Ercole Consalvi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Raniero Finocchietti {{{data}}} Ercole Consalvi
Predecessore: Cardinale presbitero di San Marco Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo Rezzonico 2 aprile 1800 - 24 maggio 1802 Luigi Ercolani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Rezzonico {{{data}}} Luigi Ercolani
Predecessore: Patriarca di Venezia Successore: PatriarchNonCardinal PioM.svg
Federico Maria Giovanelli 23 dicembre 1801 - 29 febbraio 1804 Nicola Saverio Gamboni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Federico Maria Giovanelli {{{data}}} Nicola Saverio Gamboni
Predecessore: Cardinale presbitero di Sant'Anastasia Successore: CardinalCoA PioM.svg
Muzio Gallo 24 maggio 1802 - 29 febbraio 1804 Ferdinando Maria Saluzzo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Muzio Gallo {{{data}}} Ferdinando Maria Saluzzo
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.