František Herzan von Harras

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
František Herzan von Harras
Cardinale
Stemma cardinale.png
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
{{{motto}}}

1779 FRANCISCUS H(E)RZAN HARRAS - HERZAN DE HARRAS FRANCESCO.jpeg

{{{didascalia}}}
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 69 anni
Nascita Praga
9 aprile 1735
Morte Vienna
1º giugno 1804
Sepoltura Cattedrale di Szombathely
Conversione
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 18 febbraio 1758
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo 5 settembre 1799 da Pio VII
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Abbazia di San Giorgio Maggiore (Venezia), 18 maggio 1800 dal papa Pio VII
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creato
Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.
(vedi)
Creato
Cardinale
12 luglio 1779 da Pio VI (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 24 anni, 10 mesi e 20 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

František Herzan von Harraso František de Paula (Praga, 9 aprile 1735; † Vienna, 1º giugno 1804) è stato un cardinale e vescovo ceco.

Cenni biografici

Nacque a Praga in Boemia, figlio di Sigmund Gustav Herzán von Harras e di Maria Anna nata von Harrach, nipote dell'arcivescovo di Salisburgo Franz Anton von Harrach (Ch). Ricevette il battesimo il 9 aprile seguente.

Formazione e ministero sacerdotale

Dopo gli studi condotti presso i Paolini si laureò in filosofia all'università della sua città. Trasferitosi a Roma presso il Collegio germanico ottenne il dottorato in filosofia il 20 marzo 1757. L'anno seguente si addottorò in legge e fu ordinato presbitero. Nominato in un primo momento ambasciatore absburgico presso la corte di Parma, nel 1769 divenne uditore della Sacra Rota romana, nel 1777 divenne agente dell'Impero austro-ungarico presso la Santa Sede.

Cardinalato

Nel concistoro del 12 luglio 1779 papa Pio VI lo creò cardinale, l'11 dicembre 1780 ricevette il titolo cardinalizio di cardinale presbitero di San Girolamo dei Croati. Nel 1782 optò per il titolo dei Santi Nereo e Achilleo e nel 1788 per quello dei Santa Croce in Gerusalemme. Fu ascritto alle sacre congregazioni del Concilio, di Propaganda Fide, dei Vescovi e Regolari e dell'Indice. Nel gennaio 1780 fu nominato ministro plenipotenziario per l'Austria presso la Santa Sede e divenne Protector Germaniae. Fu camerlengo del Collegio cardinalizio dal 10 marzo 1788 al 30 marzo dell'anno seguente.

A Roma abitò dapprima presso il convento dei Teatini, annesso alla Chiesa di Sant'Andrea della Valle. Nel 1773 si trasferì nel Palazzo Cesarini, nei pressi del Teatro Argentina, mentre alla fine del 1781 trovò definitiva dimora nel palazzo Ruffo in Piazza SS. Apostoli. Rientrò in Austria nel 1796, divenendo consulente privato presso la corte asburgica.

Dopo la morte nell'esilio francese di papa Pio VI prese parte al conclave veneziano che vide eletto papa Pio VII. Il conclave si aprì il 30 novembre, Herzan von Harras giunse a Venezia il 6 dicembre come rappresentante dell'Imperatore del Sacro romano impero Francesco II nei confronti del cardinal Hyacinthe Sigismond Gerdil. Il conclave si protrasse ancora per molto tempo alla ricerca di un compromesso fra la volontà del gruppo di cardinali favorevoli all'elezione del cardinal Carlo Bellisomi e il desiderio di Vienna di appoggiare la candidatura Mattei. Tra il 3 e il 10 marzo 1800, si fece strada la candidatura del cardinal Guido Calcagnini.

Dopo l'elezione del nuovo pontefice fu eletto vescovo della diocesi ungherese di Szombathely. Il 18 maggio 1800 fu ordinato vescovo nel convento veneziano di san Giorgio Maggiore da papa Pio VII assistito da mons. Antonio Despuig y Dameto, allora patriarca latino di Antiochia e da mons. Cesare Brancadoro, allora arcivescovo titolare di Nisibi e segretario di Propaganda fide.

Preso possesso della diocesi nel 1801. Riformò gli statuti del seminario modellandoli su quelli scritti da san Carlo Borromeo e Gregorio Barbarigo, vescovo di Padova.

Morte

Nel 1804, in seguito all'aggravarsi delle condizioni di salute, si trasferì a Vienna per farsi curare. Morì nella capitale austriaca il 1º giugno di quello stesso anno, dopo aver ordinato al suo segretario personale il canonico Emiliani di riportare da Szombathely a Roma le reliquie di San Stanislao Kostka, S.I.. La salma fu traslata nella cattedrale della sua diocesi dove fu sepolto.

Onorificenze

Commendatore dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale presbitero di San Girolamo dei Croati Successore: Stemma cardinale.png
Pietro Paolo de Conti 11 dicembre 1780-13 settembre 1782 Francesco Carrara I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Paolo de Conti {{{data}}} Francesco Carrara
Predecessore: Cardinale presbitero di Santi Nereo e Achilleo Successore: Stemma cardinale.png
Lazzaro Opizio Pallavicini 13 settembre 1782-7 aprile 1788 Luigi Valenti Gonzaga I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lazzaro Opizio Pallavicini {{{data}}} Luigi Valenti Gonzaga
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Croce in Gerusalemme Successore: Stemma cardinale.png
Antonio Eugenio Visconti 7 aprile 1788-1º giugno Alessandro Malvasia I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Eugenio Visconti {{{data}}} Alessandro Malvasia
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Guglielmo Pallotta 10 marzo 1788-30 marzo 1789 Giovanni de Gregorio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Guglielmo Pallotta {{{data}}} Giovanni de Gregorio
Predecessore: Vescovo di Szombathely Successore: BishopCoA PioM.svg
János Szily 12 maggio 1800-1º giugno 1804 Lipót Perlaki Somogy Ch I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
János Szily {{{data}}} Lipót Perlaki Somogy Ch
Bibliografia
Collegamenti esterni