Terzo comandamento

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
1leftarrow.png Voce principale: Dieci comandamenti.
Virgolette aperte.png
Ricordati del giorno di sabato per santificarlo: sei giorni faticherai e farai ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: non farai alcun lavoro, né tu né tuo figlio né tua figlia, né il tuo schiavo né la tua schiava, né il tuo bestiame, né il forestiero che dimora presso di te.
Virgolette chiuse.png
Virgolette aperte.png
Il sabato è stato fatto per l'uomo e non l'uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell'uomo è signore anche del sabato.
Virgolette chiuse.png

Il terzo comandamento, nella sua formulazione originale dell'Antico Testamento, prescrive la santificazione del sabato attraverso il riposo dal lavoro. La Chiesa lo osserva celebrando il giorno della risurrezione di Cristo, la domenica, l'ottavo giorno, il giorno del Signore[1]: tale giorno è per i fedeli consacrato soprattutto alla celebrazione dell'Eucaristia.

Nell'Antico Testamento

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi le voci Sabato e Riposo.

La motivazione che l'Antico Testamento fornisce per il riposo del sabato è la memoria della creazione:

« Perché in sei giorni il Signore ha fatto il cielo e la terra e il mare e quanto è in essi, ma si è riposato il giorno settimo. Perciò il Signore ha benedetto il giorno di sabato e lo ha dichiarato sacro»

La versione del decalogo presente nel Deuteronomio fa invece del riposo sabatino un memoriale della liberazione di Israele dalla schiavitù d'Egitto:

« Ricordati che sei stato schiavo nel paese d'Egitto e che il Signore tuo Dio ti ha fatto uscire di là con mano potente e braccio teso; perciò il Signore tuo Dio ti ordina di osservare il giorno di sabato. » (5,15)

Il sabato deve essere ritenuto sacro al Signore, segno dell'alleanza perenne tra YHWH e Israele; la pena di morte è comminata per chi non lo osserva (Es 31,13-17).

Il riposo dell'uomo è prescritto sul modello del riposo di Dio nel settimo giorno, e deve riguardare anche i poveri, gli schiavi e gli animali (Es 20,10), perché, "possano goder quiete" (cfr. Es 23,12). Il sabato sospende le attività quotidiane e concede una tregua. È un giorno di protesta contro le schiavitù del lavoro e il culto del denaro (cfr. Nee 13,15-22; 2Cr 36,21)[2].

Gesù e il sabato

Il secondo precetto del decalogo era osservato in maniera minuziosa ai tempi di Gesù: di sabato non si potevano percorrere più di duemila cubiti (circa 1 Km), e i rabbini insegnavano che in quel giorno erano proibite 39 attività[3]. Con tale quadro di riferimento, il Vangelo riferisce numerose occasioni nelle quali Gesù viene accusato di violare la legge del sabato. Ma Gesù non viola mai la santità di tale giorno (cfr. Mc 1,21; Gv 9,16). Piuttosto, ne dà con autorità l'interpretazione autentica:

« Il sabato è stato fatto per l'uomo e non l'uomo per il sabato. »

Cristo ritiene lecito in giorno di sabato fare il bene, salvare una vita (cfr. Mc 3,4). Il sabato è per lui il giorno del Signore delle misericordie e dell'onore di Dio (cfr. Mt 12,5; Gv 7,23). Gesù si proclama "signore anche del sabato" (Mc 2,28).

La celebrazione del giorno della Risurrezione di Gesù

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi le voci Domenica e Celebrazione eucaristica.

Il fatto nuovo della Risurrezione di Gesù al terzo giorno fa sì che "il primo giorno della settimana" (Mc 16,2; cfr. Mt 28,1; Lc 24,1; Gv 20,1) diventi per i discepoli il primo di tutti i giorni, la prima di tutte le feste, il giorno del Signore (in greco e Kyriaké eméra, in latino dies dominica).

La domenica si distingue perciò nettamente dal sabato; per i cristiani la domenica sostituisce il sabato come prescrizione rituale; essa porta a compimento la verità spirituale del sabato ebraico, ed annuncia il riposo eterno dell'uomo in Dio.

Nei tempi nuovi inaugurati dalla risurrezione di Gesù la domenica è quindi la festa primordiale:

« Il giorno di domenica in cui si celebra il mistero pasquale, per la Tradizione apostolica deve essere osservato in tutta la Chiesa come il primordiale giorno festivo di precetto. »
(Codice di Diritto Canonico, can. 1246, § 1)

La Chiesa specifica che "ugualmente devono essere osservati i giorni del Natale del Signore nostro Gesù Cristo, dell'Epifania, dell'Ascensione e del santissimo Corpo e Sangue di Cristo, della santa Madre di Dio Maria, della sua Immacolata Concezione e Assunzione, di san Giuseppe, dei santi Apostoli Pietro e Paolo, e infine di tutti i Santi"[4].

Ciò porterà San Giustino ad affermare nel II secolo:

« Ci raduniamo tutti insieme nel giorno del sole, poiché questo è il primo giorno [dopo il sabato ebraico, ma anche il primo giorno] nel quale Dio, trasformate le tenebre e la materia, creò il mondo; sempre in questo giorno Gesù Cristo, nostro Salvatore, risuscitò dai morti»
(Apologia, 1, 67: PG 6, 429-432)

San Tommaso d'Aquino osserva che la celebrazione della domenica attua la prescrizione morale naturalmente iscritta nel cuore dell'uomo "di rendere a Dio un culto esteriore, visibile, pubblico e regolare nel ricordo della sua benevolenza universale verso gli uomini"[5]. Il culto domenicale è quindi il compimento del precetto morale dell'Antica Alleanza, di cui riprende il ritmo e lo spirito celebrando ogni settimana il Creatore e il Redentore del suo popolo.

L'Eucaristia domenicale

La pratica di riunirsi nel "primo giorno della settimana" risale agli inizi dell'età apostolica[6]. La lettera agli Ebrei richiama a tale osservanza quando ricorda: "Non disertando le nostre riunioni, come alcuni hanno l'abitudine di fare, ma esortandoci a vicenda" (10,25).

Il precetto della Chiesa definisce e precisa poi la Legge del Signore:

« La domenica e le altre feste di precetto i fedeli sono tenuti all'obbligo di partecipare alla Messa»
« Soddisfa il precetto di partecipare alla Messa chi vi assiste dovunque venga celebrata nel rito cattolico, o nello stesso giorno di festa, o nel vespro del giorno precedente. »
(Codice di Diritto Canonico can. 1248, § 1)

Il riposo domenicale

Nella domenica cristiana c'è ancora posto per il precetto del riposo festivo:

« La domenica e le altre feste di precetto i fedeli [...] si astengano [...] da quei lavori e da quegli affari che impediscono di rendere culto a Dio e turbano la letizia propria del giorno del Signore o il dovuto riposo della mente e del corpo. »

Nel rispetto della libertà religiosa e del bene comune di tutti, i cristiani devono adoperarsi per far riconoscere dalle leggi le domeniche e i giorni di festa della Chiesa come giorni festivi[7]. L'istituzione della domenica contribuisce a dare a tutti la possibilità di "godere di sufficiente riposo e tempo libero che permetta loro di curare la vita familiare, culturale, sociale e religiosa"[8].

I Dieci Comandamenti
Primo · Secondo · Terzo · Quarto · Quinto · Sesto · Settimo · Ottavo · Nono · Decimo
Note
  1. Cfr. Sacrosanctum Concilium, 106.
  2. Catechismo della Chiesa Cattolica, 2172.
  3. Angelico Poppi, Sinossi dei quattro Vangeli. Introduzione e commento, EMP, Padova 1990, ISBN 8870269698, p. 200.
  4. Codice di Diritto Canonico can. 1246, § 1.
  5. Summa theologiae, II-II, q. 122, a. 4, c.
  6. Cfr. At 2,42-46; 1Cor 11,17).
  7. Catechismo della Chiesa Cattolica 2188.
  8. Gaudium et spes, 67.
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.