Zbigņevs Stankevičs

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Zbigņev Stankevičs
Stemma Zbigņev Stankevičs.png
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Immagine Zbigņev Stankevičs.png

{{{didascalia}}}
Fortitudo et laus mea Dominus
Titolo
Gran priore per la Lettonia dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
Incarichi attuali
Età attuale 65 anni
Nascita Lejasciems
15 febbraio 1955
Morte
Sepoltura
Appartenenza Arcidiocesi di Riga
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Riga, 16 giugno 1996 da arc. Jānis Pujats
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 19 giugno 2010 da Benedetto XVI
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Riga, 8 agosto 2010 dal card. arc. Jānis Pujats
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
Scheda nel sito della diocesi o congregazione

Zbigņev Stankevičs (Lejasciems, 15 febbraio 1955) è un arcivescovo lituano, vice presidente della Conferenza Episcopale della Lettonia.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Nacque in una famiglia di origini polacche a Lejasciems il 15 febbraio 1955, nella regione Vidzeme dove si trova la capitale della Lettonia, Riga.

Conseguito il diploma in ingegneria presso l’Istituto politecnico di Riga, lavorò in un centro navale e poi in banca per 12 anni. Nel 1990 entrò nel seminario di Lublino in Polonia, dove intraprese gli studi di filosofia e teologia all’università di Lublino. Venne ordinato presbitero il 16 giugno 1996 per l'arcidiocesi di Riga, dove svolse la sua attività al servizio della curia. Dal 2002 al 2008 proseguì gli studi a Roma presso la Pontificia Università Lateranense conseguendo il dottorato in teologia fondamentale. Rientrato in patria divenne quindi padre spirituale del seminario maggiore di Riga e direttore dell'Istituto di studi religiosi.

Il ministero episcopale

Papa Benedetto XVI lo nominò arcivescovo di Riga il 19 giugno 2010. Fu consacrato nella cattedrale luterana di Riga perché quella cattolica era troppo piccola, l'8 agosto seguente, dal cardinale di Santa Silvia Jānis Pujats; era assistito dall'arcivescovo di Gniezno Józef Kowalczyk [1] e dall'arcivescovo titolare di Atella Luigi Bonazzi [2], nunzio apostolico in Lituania. In seguito si insediò come arcivescovo metropolita nella basilica cattolica di San Giacomo. Parla correttamente diverse lingue. È considerato un duro, un coriaceo. Non lo spaventano le critiche che gli muovono politici e anche settori del clero. Risponde con acutezza e tira dritto per la sua strada [3]. Partecipò alla XIII Assemblea Generale Ordinaria del sinodo dei vescovi dal titolo La nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana svoltasi dal 7 al 28 ottobre 2012 in cui ebbe a dichiarare nel suo intervento:

« Il mio intervento è la risposta all'invito rivolto al Sinodo nel numero 116 dell'Instrumentum Laboris, di approfondire la problematica dei carismi e rimuovere gli ostacoli "che non permettono di integrare pienamente i carismi al fine di sostenere la nuova evangelizzazione".

Il primo ostacolo è che buona parte dei sacerdoti non sono disposti a prendersi cura dei nuovi gruppi e movimenti, perché non hanno ricevuto la preparazione adatta a questo genere di lavoro pastorale. Un altro ostacolo consiste nel fatto che la maggior parte dei leader dei gruppi non hanno una preparazione teologica e facilmente sbagliano dal punto di vista dottrinale. I sacerdoti, invece, spesso si tengono lontani da questi gruppi. Da qui rivolgo ai vescovi un appello a incoraggiare i sacerdoti a prendersi cura dei nuovi gruppi di preghiera e dei movimenti, chiamati un "dono della Provvidenza alla Chiesa" (cfr n. 115). Un altro problema è la mancanza di una nostra pastorale dei carismi e dei segni, promessi da Gesù agli Apostoli, che dovrebbero accompagnare l'evangelizzazione (cfr Mc 16,17). San Paolo sottolinea che "il regno di Dio non consiste in parole, ma in potenza" (1Cor 4,20) e che "i segni dell'apostolo" consistono "nei miracoli, nei prodigi e nelle opere potenti" (2Cor 12,12). Qui c'è un'enorme risorsa per la nuova evangelizzazione. Quando uno vede la potenza divina operante davanti ai suoi occhi, la sua fede si rianima. Questi segni sono così raramente presenti durante la nostra predicazione perché non aspettiamo che Dio intervenga in questo modo. La nostra predicazione è diventata troppo razionale e poco kerygmatica, ma proprio la presenza del kerygma libera la forza divina durante la predicazione.  Questi sono punti sensibili troppo poco presi in considerazione nella nostra prassi pastorale.  »

(Zbigņev Stankevičs, Città del Vaticano, 17 ottobre 2012 [4])

In occasione della III assemblea generale straordinaria del sinodo sulla famiglia Le sfide pastorali della famiglia nel contesto dell'evangelizzazione, si impegnò affinché si riaffermasse la verità del Vangelo sul matrimonio.

« ...è necessaria una conversione da parte nostra. Dobbiamo farlo con tutta l'umiltà, con tutta la misericordia verso il mondo, ma la verità rimane sempre, la verità è oggettiva. Non possiamo dire che ognuno può capirla come vuole. Giusto e sacrosanto andare incontro alle sfide contemporanee per quanto possibile. Ma senza perdere l'identità cattolica e senza rinunciare alla verità sul matrimonio »
(Zbigņev Stankevičs, Città del Vaticano, 14 ottobre 2014 [5])

Il 24 settembre 2018 accolse Francesco in visita pastorale a 25 anni dalla storica visita di Giovanni Paolo II del 9 settembre 1993.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale.

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo metropolita di Riga Successore: Stemma vescovo.png
Jānis Pujats dal 19 giugno 2010 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Jānis Pujats {{{data}}} in carica
Predecessore: Gran priore per la Lettonia dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Successore: Croix de l Ordre du Saint-Sepulcre.svg
Jānis Pujats dal 19 giugno 2010 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Jānis Pujats {{{data}}} in carica
Predecessore: Vicepresidente della Conferenza Episcopale della Lettonia Successore: Mitra heráldica.svg
Jānis Bulis dal 18 ottobre 2011 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Jānis Bulis {{{data}}} in carica
Note
  1. cfr. Józef Kowalczyk su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 08-09-2020
  2. cfr. Luigi Bonazzi su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 08-09-2020
  3. Tratto dall'articolo su Settimana news del 7 gennaio 2017 2017, op. cit.
  4. Tratto dal testo dell'intervento del 17 ottobre 2012 2012, op. cit.
  5. Tratto dal testo dell'intervista del 14 ottobre 2014 diffusa da "Radio Vaticana" 2014, op. cit.
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.