Enea Sbarretti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Enea Sbarretti
Stemma cardinale.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

[[File:|250px]]

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 76 anni
Nascita Spoleto
27 gennaio 1808
Morte Roma
1º maggio 1884
Sepoltura Cimitero del Verano
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
12 marzo 1877 da Pio IX (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Enea Sbarretti (Spoleto, 27 gennaio 1808; † Roma, 1º maggio 1884) è stato un cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque a Spoleto il 27 gennaio 1808 da Carlo Sbarretti e dalla moglie Maddalena nata Bonafede, il nipote Donato Raffaele Sbarretti Tazza fu pure porporato.

Nel 1832 si laureò in utroque iure presso l'Università "La Sapienza" di Roma.

Fu segretario di Giovanni Maria Mastai Ferretti quando il futuro papa era arcivescovo di Spoleto e suo vicario generale quando era vescovo di Imola. Nel 1846 divenne prelato domestico di Sua Santità. Nel 1848 fu segretario del Consiglio dei Ministri. Dal 1855 al 1877 fu segretario della congregazione per i Vescovi e i Regolari.

Pio IX lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 12 marzo 1877 con il titolo cardinalizio di cardinale diacono di Santa Maria ad Martyres.

Partecipò al conclave del 1878 che elesse papa il cardinale Gioacchino Pecci, che prese il nome di Leone XIII.

Morì a Roma il 1º maggio 1884, alle ore 20,15, di paralisi cerebrale, nella sua residenza romana a palazzo Odescalchi, dopo aver ricevuto l'estrema unzione da mons. Alessio Maria Biffoli (Ch), O.S.M., vescovo di Fossombrone, già parroco della parrocchia di san Marcelo e confessore del cardinale. Negli ultimi anni di vita soffrì di salute cagionevole. Fu esposto nella basilica romana dei santi XII Apostoli dove si tennero le esequie il 5 maggio, celebrate da Domenico Maria Jacobini, allora arcivescovo della sede titolare di Tiro. Erano presenti i cardinali Flavio Chigi, Giovanni Simeoni, Luigi Serafini, Angelo Bianchi, Lorenzo Ilarione Randi, Tommaso Zigliara, O.P. e Pietro Lasagni. Fu sepolto nel cimitero romano di Campo Verano.

Successione degli incarichi

Predecessore: Segretario della Congregazione per i Vescovi e i Regolari Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Lucciardi 2 ottobre 1875-12 marzo 1877 Angelo Bianchi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Lucciardi {{{data}}} Angelo Bianchi
Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria ad Martyres Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gaspare Grassellini, C.O. 20 marzo 1877-1º maggio 1884 Carmine Gori-Merosi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gaspare Grassellini, C.O. {{{data}}} Carmine Gori-Merosi

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.