Donato Raffaele Sbarretti Tazza

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Donato Raffaele Sbarretti Tazza
Stemma Donato Sbarretti .jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Card. Donato Sbaretti.jpg

{{{didascalia}}}
Respice stellam voca Mariam
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 82 anni
Nascita Montefranco
12 novembre 1856
Morte Roma
1º aprile 1939
Sepoltura
Appartenenza Arcidiocesi di Spoleto
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Roma, 12 aprile 1879 da card. arc. Raffaele Monaco La Valletta
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 9 gennaio 1900 da Leone XIII
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Washington, 4 febbraio 1900 dall'arc. Sebastiano Martinelli
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 16 settembre 1901 da Leone XIII
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
4 dicembre 1916 da Benedetto XV (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Donato Raffaele Sbarretti Tazza (Montefranco, 12 novembre 1856; † Roma, 1º aprile 1939) è stato un arcivescovo, nunzio apostolico e cardinale italiano, Camerlengo del Sacro Collegio Cardinalizio.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Nacque il 12 novembre [1] 1856 a Montefranco, arcidiocesi di Spoleto da Agostino Donato Flavio Sbarretti, proprietario terriero e Caterina Tazza. Era nipote del cardinale Enea Sbarretti.

Entrato nel Seminario Diocesano dove conseguì la maturità classica, si trasferì in seguito al Pontificio Seminario Romano a Roma, dove si laureò in utroque iure in diritto sia civile che canonico.

Fu ordinato presbitero il 12 aprile 1879 a Roma dal cardinale di Santa Croce in Gerusalemme Raffaele Monaco La Valletta, cardinale vicario di Roma. Esercitò il ministero pastorale a Spoleto ed entrò a far parte del personale della Sacra Congregazione di Propaganda Fide, sezione degli affari delle Americhe come minutante. Dal 1885 fu professore di teologia morale e diritto canonico presso il Pontificio Ateneo Urbano "De Propaganda Fide" e membro del personale del Segretaria di Stato. Esercitò il ministero come canonico del capitolo della chiesa di Santa Maria ai Martiri fino al 1893. Divenne revisore contabile della sede diplomatica negli Stati Uniti dal 1893 e fu nominato Cameriere privato Soprannumerario l'11 novembre 1895.

Il ministero episcopale

Fu eletto da Papa Leone XII vescovo di San Cristóbal de la Habana il 9 gennaio 1900 e consacrato il 4 febbraio seguente a Washington dall'arcivescovo titolare di Efeso, Sebastiano Martinelli [2] O.E.S.A., delegato apostolico negli Stati Uniti; era assistito dal vescovo titolare di Echino Alfred Allen Paul Curtis [3] ex vescovo di Wilmington e dal vescovo di Wilmington John James Joseph Monaghan [4] Il suo motto episcopale era Respice stellam voca Mariam. Fu elevato arcivescovo titolare di Gortina il 16 settembre 1901. Trasferito alla sede titolare di Efeso il 16 dicembre dello stesso anno fu nominato Delegato apostolico straordinario nelle Filippine per trovare una soluzione a seguito dello scisma della "Iglesia Filipina Independiente" di padre Gregorio Aglipay il successivo 15 febbraio 1902. Non svolse mai l'incarico a Manila poiché il governo americano, desiderando negoziare i problemi della chiesa locale direttamente con la Santa Sede, lo dichiarò persona "non gradita". Fu nominato delegato apostolico in Canada il 26 dicembre 1902, viaggiò in Europa dal settembre 1906 al giugno 1907. Fu nominato anche delegato apostolico a Terra Nova all'inizio del 1910. Partì per Roma il 7 aprile 1910 per presenziare al Primo Consiglio Plenario del Québec; nominato il 29 ottobre dello stesso anno segretario della Congregazione per i Religiosi, non fece rientro in Canada e presentò le dimissioni ufficiali il 3 novembre 1910. Divenne assessore della Congregazione del Sant'Uffizio il 8 giugno 1914 e consultore della sacra Congregazione dei Riti il 13 novembre seguente [5].

Il cardinalato

Creato cardinale presbitero da Benedetto XV nel concistoro del 4 dicembre 1916, ricevette il cappello rosso e il titolo di Cardinale presbitero di Silvestro in Capite il 7 dicembre seguente; il 28 marzo 1919 assunse l'incarico di prefetto della Congregazione del Concilio. Partecipò al conclave del 1922 che elesse Papa Pio XI il quale lo confermò nell'incarico. Fu Camerlengo del Sacro Collegio Cardinalizio dal 21 giugno 1926 al 20 giugno 1927. Il 26 maggio 1932 fu inviato come legato pontificio al Consiglio Plenario di Puglia a Molfetta il 5 aprile 1928; al Consiglio Plenario di Loreto il 15 agosto 1928. Optò per l'ordine dei cardinali vescovi e della sede suburbicaria di Sabina e Poggio Mirteto il 17 dicembre 1928. Fu segretario della Suprema Sacra Congregazione del Sant'Uffizio dal 4 luglio 1930 e Sottodecano del Collegio Cardinalizio dal 16 dicembre 1935 fino alla sua morte. Partecipò al conclave del 1939 che elesse Papa Pio XII.

La morte

Morì il 1º aprile 1939 nel palazzo del Sant'Uffizio, a Roma all'età di 82 anni per infarto durante la notte. Fu sepolto nel cimitero della chiesa a Montefranco; in seguito, secondo la sua volontà, i suoi resti furono trasferiti nella sua chiesa parrocchiale.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di San Cristóbal de la Habana Successore: Stemma vescovo.png
Manuel Santander y Frutos 15 gennaio 1900-16 settembre 1901 Pedro Ladislao González y Estrada I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Manuel Santander y Frutos {{{data}}} Pedro Ladislao González y Estrada
Predecessore: Arcivescovo titolare di Gortina Successore: Stemma vescovo.png
Francisco Javier Zaldúa 16 settembre 1901-16 dicembre 1901 Francesco Trotta I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francisco Javier Zaldúa {{{data}}} Francesco Trotta
Predecessore: Delegato apostolico nelle Filippine Successore: Flag of the Vatican City.png
Placide Louis Chapelle 16 settembre 1901-26 dicembre 1902 Giovanni Battista Guidi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Placide Louis Chapelle {{{data}}} Giovanni Battista Guidi
Predecessore: Arcivescovo titolare di Efeso Successore: Stemma vescovo.png
Sebastiano Martinelli, O.E.S.A. 16 dicembre 1901-4 dicembre 1916 Lorenzo Lauri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Sebastiano Martinelli, O.E.S.A. {{{data}}} Lorenzo Lauri
Predecessore: Delegato apostolico in Canada Successore: Flag of the Vatican City.png
Diomede Falconio 26 dicembre 1902-29 ottobre 1910 Pellegrino Francesco Stagni, O.S.M. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Diomede Falconio {{{data}}} Pellegrino Francesco Stagni, O.S.M.
Predecessore: Segretario della Congregazione per i Religiosi Successore: Emblem Holy See.svg
- 29 ottobre 1910-4 dicembre 1916 Adolfo Turchi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Adolfo Turchi
Predecessore: Assessore della Congregazione del Sant'Uffizio Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Serafini, O.S.B. 8 giugno 1914-4 dicembre 1916 Carlo Perosi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Serafini, O.S.B. {{{data}}} Carlo Perosi
Predecessore: Cardinale presbitero di San Silvestro in Capite Successore: Stemma cardinale.png
Vincenzo Vannutelli 7 dicembre 1916-17 dicembre 1928 Luigi Lavitrano I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Vincenzo Vannutelli {{{data}}} Luigi Lavitrano
Predecessore: Prefetto della Congregazione del Concilio Successore: Emblem Holy See.svg
Francesco di Paola Cassetta 28 marzo 1919-4 luglio 1930 Giulio Serafini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco di Paola Cassetta {{{data}}} Giulio Serafini
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Camerlengo.svg
Vittorio Amedeo Ranuzzi de' Bianchi 21 giugno 1926-20 giugno 1927 Tommaso Pio Boggiani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Vittorio Amedeo Ranuzzi de' Bianchi {{{data}}} Tommaso Pio Boggiani
Predecessore: Cardinale vescovo di Sabina e Poggio Mirteto Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gaetano De Lai 17 dicembre 1928-1º aprile 1939 Enrico Sibilia I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gaetano De Lai {{{data}}} Enrico Sibilia
Predecessore: Segretario della Congregazione del Sant'Uffizio Successore: Emblem Holy See.svg
Rafael Merry del Val 4 luglio 1930-1º aprile 1939 Francesco Marchetti Selvaggiani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Rafael Merry del Val {{{data}}} Francesco Marchetti Selvaggiani
Predecessore: Sottodecano del Collegio Cardinalizio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Michele Lega 16 dicembre 1935-1º aprile 1939 Enrico Gasparri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Michele Lega {{{data}}} Enrico Gasparri
Note
  1. secondo Code, Dictionary of the American Hierarchy (1789-1964), p. 437 e LeBlanc, Dictionnaire biographiques des évêques catholiques du Canada, p. 254. Hierarchia Catholica Medii et Recentioris Aevi, VIII, 202, indica che è nato il 10 novembre 1856
  2. cfr. Sebastiano Martinelli su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 18-06-2020
  3. cfr. Alfred Allen Paul Curtis su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 18-06-2020
  4. cfr. John James Joseph Monaghan su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 18-06-2020
  5. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1914, op. cit., p. 584
Bibliografia
  • Niccolò del Re,  I cardinali prefetti della Sacra Congregazione del Concilio dalle origini a oggi (1564-1964) - Les diocèses catholiques canadiens des Églises latine et orientales et leurs évêques; repères chornologiques et biographiques 1658-2002, Apollinaris, 1964, XXXVII pp.143-144
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.