Miguel Ángel Ayuso Guixot

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Miguel Ángel Ayuso Guixot, M.C.C.I.
Coat of arms of Miguel Ángel Ayuso Guixot.svg.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Card. Miguel Ángel Ayuso Guixot.jpg

{{{didascalia}}}
Annuntiate
Titolo cardinalizio
Cardinale diacono di San Girolamo della Carità
Età attuale 67 anni
Nascita Siviglia
17 giugno 1952
Morte
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa 2 maggio 1980
Ordinato diacono
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Siviglia, 20 settembre 1980 da card. arc. José María Bueno y Monreal
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 29 gennaio 2016 Papa Francesco
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile basilica di San Pietro (Roma), 19 marzo 2016 dal papa Francesco
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
5 ottobre 2019 da Francesco (vedi)
Cardinale elettore Fino al 17 giugno 2032
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Miguel Ángel Ayuso Guixot (Siviglia, 17 giugno 1952) è un cardinale e vescovo spagnolo.

Biografia

È nato a Siviglia (Spagna) il 17 giugno 1952, quinto dei nove figli di Juan de Dios Ayuso Rubio e Natividad Guixot Visconti. Dapprima aveva iniziato a frequentare il Collegio Sant'Antonio Maria Claret, trascorrendo un anno nel seminario minore di Siviglia, ma i genitori volevano che prendesse un diploma prima di prendere degli impegni definitivi dentro la Chiesa. Così Miguel si è pure iscritto alla facoltà di Legge, ma continuando a frequentare i ritiri spirituali per i giovani e la chiesa.

Formazione e ministero sacerdotale

Il 2 maggio 1980 ha emesso la professione perpetua nell'Istituto dei Missionari Comboniani del Cuore di Gesù. Ha ricevuto l'ordinazione presbiterale il 20 settembre di quell'anno dal cardinale José María Bueno y Monreal, arcivescovo emerito di Siviglia e ha esercitato il ministero missionario in Egitto e Sudan fino al 2002.

Ha conseguito la licenza in studi arabi e islamistica presso il P.I.S.A.I. a Roma nel 1982, e il dottorato in teologia dogmatica all'università di Granada nel 2000.

Dal 1989 è stato professore di islamologia prima a Khartoum, poi al Cairo e, quindi, al Pontificio Istituto di Studi Arabi e d'Islamistica, dove ha in seguito ricoperto fino al 2012 l'ufficio di preside. Il 30 giugno dello stesso anno, papa Benedetto XVI lo ha nominato segretario del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, succedendo a mons. Pier Luigi Celata, ritiratosi per anzianità.[1]

Ha presieduto vari incontri di dialogo interreligioso in Egitto, Sudan, Kenya, Etiopia e Mozambico, grazie alle sue conoscenze linguistiche come l'arabo, l'inglese, il francese e l'italiano. Ha pubblicato alcuni libri e articoli in riviste internazionali.

Ministero episcopale

Il 29 gennaio 2016 papa Francesco gli ha conferito la dignità episcopale, nominandolo vescovo titolare di Luperciana.[2] Il 19 marzo ha ricevuto l'ordinazione episcopale, nella basilica di San Pietro in Vaticano, con l'arcivescovo Peter Bryan Wells, per imposizione delle mani dello stesso pontefice, co-consacranti l'arcivescovo Giovanni Angelo Becciu, sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato e il cardinale Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli.

Il 25 maggio 2019 lo stesso papa lo ha nominato presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, succedendo al cardinale Jean-Louis Tauran, deceduto il 5 luglio 2018.[3]

Cardinalato

Durante l'Angelus del 1º settembre 2019 papa Francesco ne ha annunciato la creazione a cardinale nel concistoro del successivo 5 ottobre.[4] Ha ricevuto la diaconia di San Girolamo della Carità, ne ha preso possesso il l'8 febbraio 2020.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Preside del Pontificio Istituto di Studi Arabi e d'Islamistica Successore: PISAI plate entrance.jpg
Justo Lacunza Balda, M.Afr. 2006 - 2012 Valentino Cottini, M.C.C.I. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Justo Lacunza Balda, M.Afr. {{{data}}} Valentino Cottini, M.C.C.I.
Predecessore: Segretario del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso Successore: Emblem Holy See.svg
Pier Luigi Celata 30 giugno 2012 - 25 maggio 2019 Indunil Janakaratne Kodithuwakku Kankanamalage I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pier Luigi Celata {{{data}}} Indunil Janakaratne Kodithuwakku Kankanamalage
Predecessore: Viceprefetto della Commissione per le Relazioni Religiose con i Musulmani Successore: Emblem Holy See.svg
Pier Luigi Celata 30 giugno 2012 - 25 maggio 2019 Indunil Janakaratne Kodithuwakku Kankanamalage I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pier Luigi Celata {{{data}}} Indunil Janakaratne Kodithuwakku Kankanamalage
Predecessore: Vescovo titolare di Luperciana Successore: BishopCoA PioM.svg
João Evangelista Pimentel Lavrador 29 gennaio 2016 - 5 ottobre 2019 sede vacante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
João Evangelista Pimentel Lavrador {{{data}}} sede vacante
Predecessore: Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso Successore: Emblem Holy See.svg
Jean-Louis Tauran dal 25 maggio 2019 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Jean-Louis Tauran {{{data}}} in carica
Predecessore: Presidente della Commissione per le Relazioni Religiose con i Musulmani Successore: Emblem Holy See.svg
Jean-Louis Tauran dal 25 maggio 2019 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Jean-Louis Tauran {{{data}}} in carica
Predecessore: Cardinale diacono di San Girolamo della Carità Successore: CardinalCoA PioM.svg
Jorge María Mejía dal 5 ottobre 2019 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Jorge María Mejía {{{data}}} in carica
Note
  1. Rinunce e nomine. Nomina del Segretario del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 30 giugno 2012. URL consultato il 9 settembre 2019
  2. Rinunce e nomine. Nomina del Vescovo titolare di Luperciana su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 29 gennaio 2016. URL consultato il 29 gennaio 2016
  3. Rinunce e nomine. Nomina del Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 25 maggio 2019. URL consultato il 9 settembre 2019
  4. Annuncio di Concistoro il 5 ottobre per la creazione di nuovi Cardinali su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 1º settembre 2019. URL consultato il 9 settembre 2019
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.