Giovanni Angelo Becciu

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giovanni Angelo Becciu
Coat of arms of Giovanni Angelo Becciu.svg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Giovanni Angelo Becciu.jpg

Custos sanctitatis charitas
Titolo cardinalizio
Cardinale diacono di San Lino
Incarichi attuali
Età attuale 72 anni
Nascita Pattada
2 giugno 1948
Morte
Sepoltura
Appartenenza Diocesi di Ozieri
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 27 agosto 1972 da mons. Francesco Cogoni
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 15 ottobre 2001 da Giovanni Paolo II
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 1 dicembre 2001 dal card. Angelo Sodano
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
28 giugno 2018 da Francesco (vedi)
Cardinale elettore Fino al 2 giugno 2028
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Giovanni Angelo Becciu (Pattada, 2 giugno 1948) è un arcivescovo, nunzio apostolico e cardinale italiano. Già sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato della Santa Sede e prefetto della Congregazione delle cause dei santi.

Biografia

Laureato in diritto canonico, è stato ordinato presbitero il 27 agosto 1972 da monsignor Francesco Cogoni e incardinato nella diocesi di Ozieri. Entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede l'1 maggio 1984, ha prestato servizio presso le rappresentanze pontificie in Repubblica Centroafricana, Sudan, Nuova Zelanda, Liberia, Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti d'America.

Il 15 ottobre 2001 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato nunzio apostolico in Angola e arcivescovo titolare di Roselle. Un mese è stato nominato anche nunzio apostolico a São Tomé e Príncipe. Ha ricevuto la consacrazione episcopale l'1 dicembre dello stesso anno dal cardinale Angelo Sodano, co-consacranti il cardinale Paolo Romeo e il vescovo Sebastiano Sanguinetti.

Il 23 luglio 2009 è stato trasferito da papa Benedetto XVI nella nunziatura apostolica a Cuba, dove è rimasto fino al 10 maggio 2011, data in cui è stato nominato sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato della Santa Sede.

Il 20 maggio 2018, al termine del Regina Cœli, papa Francesco ha annunciato la sua creazione a cardinale nel concistoro del 28 giugno[1] ed il 26 maggio successivo lo ha nominato prefetto della Congregazione delle cause dei santi: è rimasto sostituto per gli affari generali della Segreteria di Stato fino al 29 giugno assumendo il nuovo incarico "terminato il mese di agosto"[2].

Le dimissioni

La sera del 24 settembre 2020 il bollettino della Sala Stampa della Santa Sede ha diramato la seguente notizia, priva di motivazioni, con il seguente annuncio:

« Oggi, giovedì 24 settembre, il Santo Padre ha accettato la rinuncia dalla carica di Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi e dai diritti connessi al Cardinalato, presentata da Sua Eminenza il Cardinale Giovanni Angelo Becciu. »

Secondo alcune fonti giornalistiche, il cardinale Becciu si è trovato al centro dell'inchiesta sull'acquisto dell'immobile di lusso di Sloane Avenue, a Londra, da parte del Vaticano, con gravi indizi di peculato, truffa, abuso d’ufficio e riciclaggio sull’operazione documentata dalla magistratura vaticana a carico di ecclesiastici e laici. Si parla anche di alcuni contributi a fondo perduto concessi alla Cooperativa Spes, legata alla Caritas di Ozieri, il cui titolare e rappresentante legale risulta essere il fratello Tonino.

Ma il cardinale respinge queste accuse:

« Non ho dirottato i soldi. La diocesi di Ozieri ha fatto una richiesta di aiuto per la cooperativa Spes, soprattutto per un forno per il pane gestito da giovani disoccupati e la CEI l'ha regolarmente concesso. Dove è il male? Certamente io li avrò raccomandati, ma dove sta il male? Tanto più che quello che entra va nel fondo Caritas e quindi è controllato dal vescovo. Successivamente, un incendio distrusse tutto e i giovani chiesero di nuovo un aiuto alla Cei. Tanto più che l’assicurazione che ottennero dopo l’incendio fu una cifra irrisoria, soltanto 30mila euro. Per quanto riguarda i 100mila euro dal fondo destinato alle opere di carità di cui in quanto sostituto potevo disporre mi domando anche qui dove è il male? Stavo destinando degli aiuti a vari enti e mi sono detto una volta tanto potrei aiutare anche la mia diocesi e fu destinato alla Caritas di Ozieri. Però, secondo l’accusa, questi 100mila euro sarebbero stati utilizzati dalla cooperativa per i suoi profitti. È falso perché i soldi sono ancora nel fondo cassa della Caritas.[3] »

In conseguenza di ciò, Becciu non solo non è più il titolare della Congregazione delle cause dei santi, ma ha perduto anche i diritti del cardinalato. In pratica, il Prelato sardo mantiene il titolo cardinalizio, ma senza quei privilegi attribuiti nei canoni 349, 353 e 356 del Codice di diritto canonico. Diventato, dunque, solo un cardinale onorifico, senza il diritto di parteciare al Conclave per l'elezione del nuovo Pontefice[4].

Genealogia episcopale e successione apostolica

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Roselle Successore: Stemma vescovo.png
Marcello Zago 15 ottobre 2001 - 28 giugno 2018 vacante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marcello Zago {{{data}}} vacante
Predecessore: Nunzio apostolico per l'Angola Successore: Flag of the Vatican City.svg
Aldo Cavalli 15 ottobre 2001 - 23 luglio 2009 Novatus Rugambwa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Aldo Cavalli {{{data}}} Novatus Rugambwa
Predecessore: Nunzio apostolico per São Tomé e Príncipe Successore: Flag of the Vatican City.svg
Aldo Cavalli 15 novembre 2001 - 23 luglio 2009 Novatus Rugambwa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Aldo Cavalli {{{data}}} Novatus Rugambwa
Predecessore: Nunzio apostolico per Cuba Successore: Flag of the Vatican City.svg
Luigi Bonazzi 23 luglio 2009 - 10 maggio 2011 Bruno Musarò I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luigi Bonazzi {{{data}}} Bruno Musarò
Predecessore: Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato della Santa Sede Successore: Flag of the Vatican City.svg
Fernando Filoni 10 maggio 2011 - 29 giugno 2018 Edgar Peña Parra I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fernando Filoni {{{data}}} Edgar Peña Parra
Predecessore: Delegato speciale presso il Sovrano Militare Ordine di Malta Successore: Flag of the Order of St. John (various).svg
- 2 febbraio 201724 settembre 2020 Silvano Maria Tomasi, C.S. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Silvano Maria Tomasi, C.S.
Predecessore: Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi Successore: Coat of arms of the Vatican City.svg
Angelo Amato dal 1º settembre 2018 - 24 settembre 2020 vacante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Angelo Amato {{{data}}} vacante
Predecessore: Cardinale diacono di San Lino Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Coppa dal 28 giugno 2018 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Coppa {{{data}}} in carica
Note
  1. Annuncio di Concistoro il 28 giugno per la creazione di nuovi Cardinali su press.vatican.va. 20 maggio 2018. URL consultato il 20 maggio 2018
  2. Nomina del Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi su press.vatican.va. 26 maggio 2018. URL consultato il 26 maggio 2018
  3. Francesco Antonio Grana. «Papa Francesco pensiona Becciu: resterà cardinale ma senza più diritti. Era finito nell’inchiesta sul palazzo di lusso a Londra». Il Fatto quotidiano, 24 settembre 2020. URL consultato in data 24 settembre 2020.
  4. Mimmo Muolo e Gianni Cardinale. «Santa Sede. Becciu, tutte le accuse e la sua difesa». Avvenire.it, 24 settembre 2020. URL consultato in data 24 settembre 2020.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.