Nicola Canali

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Nicola Canali
Stemma Canali Nicola.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Nicola Canali.jpg

{{{didascalia}}}
Semper fidelis
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 87 anni
Nascita Rieti
6 giugno 1874
Morte Città del Vaticano
3 agosto 1961
Sepoltura Chiesa di Sant'Onofrio al Gianicolo (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Basilica di San Giovanni in Laterano (Roma), 31 marzo 1900
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
16 dicembre 1935 da Pio XI (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Nicola Canali (Rieti, 6 giugno 1874; † Città del Vaticano, 3 agosto 1961) è stato un cardinale italiano.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Nacque il 6 giugno 1874 a Rieti, secondo figlio del Marchese Filippo Canali e della Contessa Leonetta (Caterina) Vincentini. La sorella Marinella Canali sposò l'ingegnere "Guido Biasi"; mentre suo fratello Lodovico fu canonico del capitolo della cattedrale di Terni.

Entrato nei seminari romani[1], fu studente alla Pontificia Università Gregoriana e alla Pontificia Università San Tommaso d'Aquino a Roma.

Fu ordinato presbitero il 31 marzo 1900 nella basilica patriarcale lateranense a Roma. Divenne segretario del cardinale Rafael Merry del Val, segretario di stato e membro del personale della Segreteria di stato il 1º settembre 1903. Fu nominato Cappellano privato di Sua Santità nel novembre dello stesso anno. Fu promosso sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato il 21 marzo 1908 e Prelato domestico di Sua Santità il 23 marzo seguente. Divenne segretario della Congregazione del Cerimoniale 24 settembre 1914 e assessore della Congregazione del Sant'Uffizio 27 giugno 1926. Fu nominato Protonotario apostolico il 15 dicembre seguente[2].

Il cardinalato

Creato cardinale diacono da Pio XI nel concistoro del 16 dicembre 1935, ricevette il cappello rosso e la diaconia di San Nicola in Carcere il 19 dicembre successivo. Il suo motto da cardinale era Semper fidelis. Partecipò al conclave del 1939, che elesse Papa Pio XII. Divenne Presidente della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano il 20 marzo 1939 e primo Presidente del costituito Governatorato dello Stato della Città del Vaticano. Il 16 luglio dell'anno successivo fu nominato Cardinale protettore dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme col breve apostolico "Cum ordine equester" e gran maestro il 25 dicembre 1949 fino alla sua morte. Fu nominato Penitenziere Maggiore il 15 ottobre 1941 e divenne Cardinale protodiacono dal 12 novembre 1946. Partecipò al conclave del 1958 che elesse Papa Giovanni XXIII. Come cardinale protodiacono, annunciò al mondo il 28 ottobre 1958, l'elezione al soglio pontificio del cardinale Angelo Giuseppe Roncalli; incoronò il nuovo Papa il 4 novembre seguente.

La morte

Morì di polmonite giovedì 3 agosto 1961 alle 10:45 nella Città del Vaticano. Il rito funebre fu celebrato nella basilica patriarcale vaticana lunedì 7 agosto da Ilario Alcini, arcivescovo titolare di Nicea, visitatore dei seminari d'Italia, alla presenza di Papa Giovanni XXIII e diciannove cardinali. È stato sepolto nella cappella di S. Pio X nella chiesa dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, di Sant'Onofrio al Gianicolo a Roma. Fu l'ultimo cardinale che non fu mai vescovo, prima che Papa Giovanni XXIII emettesse il motu proprio "Cum gravissima" il 15 aprile 1962, prevedendo che tutti i cardinali dovessero ricevere la consacrazione episcopale. Durante i pontificati di Papa Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco alcuni prelati elevati al cardinalato quando avevano più di ottant'anni hanno chiesto di essere esentati dal ricevere la consacrazione episcopale.

Iscrizione

Iscrizione sulla tomba del cardinale Canali.
« HIC DORMIT IN CHRISTO

NICOLAVS CARD. CANALI
SACRII COLLEGII PROTODIACONVS S.R.E. PÆNITENTIARIVS MAIOR
PONT. CONSILII VATICANÆ CIVITATI MODERANDÆ PRÆSES
EQVESTRIS ORD. S. SEPVLCRI HIEROSOL. MAGNVS MAGISTER
QVI SINGVLARI PRÆSTANS ANIMI PIETATE VIRTVTE SOLLERTIA
VITAM TOTAM QVANTA EA FVIT
ECCLESIÆ SANCTÆ ET APOSTOLICÆ SEDIS COMMODIS TRANSMISIT
PLACIDISSIME DECESSIT III. NON. AVG. A. MCMLXI
ANNOS NATVS LXXXVII
H. TONDINI »

Onorificenze

Gran Maestro e Cavaliere di Collare dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere di Collare dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
Balì Gran Croce di Onore e di Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Balì Gran Croce di Onore e di Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta
Gran Croce al Merito dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce al Merito dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca
— 1956

Successione degli incarichi

Predecessore: Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Successore: Emblem Holy See.svg
Giacomo della Chiesa 21 marzo 1908 - 24 settembre 1914 Federico Tedeschini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo della Chiesa {{{data}}} Federico Tedeschini
Predecessore: Segretario della Congregazione del Cerimoniale Successore: Emblem Holy See.svg
Ricardo Sanz de Samper y Campuzano 24 settembre 1914 - 27 giugno 1926 Beniamino Nardone I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ricardo Sanz de Samper y Campuzano {{{data}}} Beniamino Nardone
Predecessore: Assessore della Congregazione del Sant'Uffizio Successore: Emblem Holy See.svg
Carlo Perosi 27 giugno 1926 - 16 dicembre 1935 Alfredo Ottaviani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Perosi {{{data}}} Alfredo Ottaviani
Predecessore: Cardinale diacono di San Nicola in Carcere Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giuseppe Mori 19 dicembre 1935 - 3 agosto 1961 Patrick Aloysius O'Boyle I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Mori {{{data}}} Patrick Aloysius O'Boyle
Predecessore: Governatore della Città del Vaticano Successore: Emblem Holy See.svg
- 20 marzo 1939 - 3 agosto 1961 Alberto di Jorio
(pro-governatore)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Alberto di Jorio
(pro-governatore)
Predecessore: Presidente della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano Successore: Emblem Holy See.svg
- 20 marzo 1939 - 3 agosto 1961 Amleto Giovanni Cicognani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Amleto Giovanni Cicognani
Predecessore: Penitenziere Maggiore Successore: Emblem Holy See.svg
Lorenzo Lauri 15 ottobre 1941 - 3 agosto 1961 Arcadio María Larraona Saralegui, C.M.F. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lorenzo Lauri {{{data}}} Arcadio María Larraona Saralegui, C.M.F.
Predecessore: Cardinale protodiacono Successore: Pavillon pontifical.png
Camillo Caccia Dominioni 12 novembre 1946 - 3 agosto 1961 Alfredo Ottaviani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Camillo Caccia Dominioni {{{data}}} Alfredo Ottaviani
Predecessore: Gran Maestro dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Successore: Croix de l Ordre du Saint-Sepulcre.svg
Luigi Barlassina 25 dicembre 1949 - 19 agosto 1960 Eugène Tisserant I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luigi Barlassina {{{data}}} Eugène Tisserant
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Massimo Massimi 16 marzo 1950 - 28 maggio 1951 Giovanni Mercati I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Massimo Massimi {{{data}}} Giovanni Mercati
Predecessore: Pro-presidente dell'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Mariani 28 maggio 1951 - 3 agosto 1961 Gustavo Testa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Mariani {{{data}}} Gustavo Testa
Note
  1. Senza fonte
  2. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1927, op. cit., p. 37
Bibliografia

Weber, Christoph e Becker, Michael, Genealogien zur Papstgeschichte. 6 v. Stoccarda: Anton Hiersemann, 1999-2002. (Päpste und Papsttum, Bd. 29, 1-6), IV, pag. 168.;

Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.