Pier Paolo Crescenzi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Pier Paolo Crescenzi
Crescenzi Pier Paolo (1572-1645) b.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Crescenzi P.P..jpg

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 73 anni
Nascita Roma
1572
Morte Roma
19 febbraio 1645
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 4 giugno 1612
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
17 agosto 1611 da Paolo V (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Pier Paolo Crescenzi (Roma, 1572; † Roma, 19 febbraio 1645) è stato un cardinale e vescovo italiano.

Cenni biografici

Nacque a Roma nel 1572 da Virgilio, barone di Montorio, e da Costanza dei marchesi Del Drago. Ebbe tre fratelli: Giacomo, Vincenzo e Giovanni Battista.

Dopo gli studi presso il Collegio Romano studiò presso l'Università di Perugia dove si laureò in utroque iure (diritto civile e canonico). Come il fratello Giacomo intraprese poi la carriera ecclesiastica. La sua famiglia era legata all'ambiente del cenacolo filippino e anche Pier Paolo fu legato da una profonda amicizia con san Filippo Neri.

Non vi sono dati certi sulla sua ordinazione sacerdotale. Entrato nella corte pontificia vi conseguì incarichi sempre più elevati. Nel 1596 fu nominato Abbreviatore di parco maggiore. Il 2 febbraio 1601 divenne governatore di Orvieto. In 23 maggio del 1609 fu nominato referendario del Tribunale della Segnatura Apostolica di grazia e giustizia, e dal 10 settembre dell'anno seguente fu uditore generale della Camera Apostolica, sebbene non facesse parte dei chierici della medesima.

Fu stimato da papa Paolo V per la sua pietà ed il rigido senso di giustizia. Fu creato cardinale nel concistoro del 17 agosto 1611 ricevendo la berretta rossa e il titolo di cardinale presbitero dei santi Nereo e Achilleo tre giorni dopo. Il 4 luglio 1612 gli fu conferito il vescovado di Rieti, il giorno dopo fu consacrato nella chiesa di santa Maria in Vallicella di Roma dal cardinal Bonifazio Caetani, assistito dal patriarca di Gerusalemme Fabio Blondus de Montealto e da mons. Galeazzo Sanvitale arcivescovo di Bari. Molto strette furono in quel periodo le relazioni fra il Crescenzi e la famiglia Barberini, in particolare con i cardinali Maffeo ed Antonio, documentate dalle numerose lettere indirizzate ai Barberini fra il 1614 ed il 1644.

Partecipò al conclave del 1621 che elesse papa Gregorio XV. Il 17 marzo di quell'anno fu trasferito dalla diocesi di Orvieto. Partecipò al conclave del 1623 che elesse papa Urbano VIII, in una relazione del conclave il Crescenti figurò fra i papabili. Nel 1624 celebrò un sinodo diocesano, durante il suo episcopato favorì l'insediamento dei Gesuiti nella sua diocesi, assegnandogli la chiesa dei santi Apostoli. Promosse il culto mariano seguendo l'esempio e gli insegnamenti di san Filippo Neri.

Appassionato collezionista di antichità sacre e profane, costituì un'importante collezione oggi conservata a Oxford. Come esperto in questo ambito il Crescenzi fu nominato, con il fratello Giacomo, da Gregorio XV in una commissione per disciplinare, con criteri più rigidi, il culto dei martiri, ai tempi oggetto di abusi da parte dei fedeli.

L'8 ottobre 1629 optò per la sede suburbicaria di Palestrina e il 1 giugno del 1641 assunse, in qualità di vice-decano del Sacro Collegio, quella di Porto-Santa Rufina. Agli inizi del 1644 dimissionò dalla diocesi di Orvieto. Partecipò al conclave tenutosi quell'anno che elesse papa Innocenzo X, figurando ancora una volta fra i papabili.

Morì a Roma il 19 febbraio 1645 e fu sepolto, tre giorni dopo, nella chiesa di santa Maria della Vallicella.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce genealogia episcopale.
Predecessore: Cardinale presbitero di Santi Nereo e Achilleo Successore: CardinalCoA PioM.svg
Innocenzo del Bufalo 12 settembre 1611 - 8 ottobre 1629 Antonio Santacroce I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Innocenzo del Bufalo {{{data}}} Antonio Santacroce
Predecessore: Vescovo di Rieti Successore: BishopCoA PioM.svg
Gaspare Pasquali 4 luglio 1612 - 17 marzo 1621 Giovanni Battista Toschi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gaspare Pasquali {{{data}}} Giovanni Battista Toschi
Predecessore: Vescovo di Orvieto Successore: BishopCoA PioM.svg
Giacomo Sannesio 17 marzo 1621 - 23 maggio 1644 Fausto Poli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo Sannesio {{{data}}} Fausto Poli
Predecessore: Cardinale vescovo di Palestrina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Marcello Lante della Rovere 8 ottobre 1629 - 1º luglio 1641 Guido Bentivoglio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marcello Lante della Rovere {{{data}}} Guido Bentivoglio
Predecessore: Cardinale vescovo di Porto-Santa Rufina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Marcello Lante della Rovere 1º luglio 1641 - 19 febbraio 1645 Francesco Cennini de' Salamandri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marcello Lante della Rovere {{{data}}} Francesco Cennini de' Salamandri
Bibliografia
  • Irene Polverini Fosi, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 30 (1984), online
  • Lorenzo Cardella, Memorie storiche de' cardinali della Santa Romana Chiesa. Roma: Stamperia Pagliarini, 1793, vol. 6, p. 162 ss., online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.