Galileo Nicolini

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Venerabile Galileo Nicolini, C.P.
Religioso
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Venerabile

Galileo Nicolini.JPG

Venerabile Galileo Nicolini
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 14 anni
Nascita Capranica
18 giugno 1882
Morte Monte Argentario presso il Ritiro della Presentazione all'Argentario
13 maggio 1897
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa Chiesa della Presentazione all'Argentario, maggio 1897
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da
Venerabile il 27 novembre 1981, da Giovanni Paolo II
Beatificazione [[]]
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza [[]]
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it

Il Venerabile Galileo Nicolini (Capranica, 18 giugno 1882; † Monte Argentario presso il Ritiro della Presentazione all'Argentario, 13 maggio 1897) è stato un religioso italiano, novizio passionista.

Biografia

I suoi genitori erano Luigi, appaltatore di lavori stradali e impresario edile, e Loreta Lucciola. Fin dalla fanciullezza manifestò spiccate doti di intelligenza e particolari doni della grazia. Ricevette la prima comunione presso la chiesa dei Passionisti a Sant'Angelo di Vetralla, poco lontano da Capranica il 26 agosto 1894. Nei dieci giorni di ritiro in preparazione all'evento Galileo ha una visione chiara di quel che sarà il suo futuro, dirà: "Gesù nella prima comunione mi ha fatto conoscere che io debbo farmi religioso passionista". Essere religioso e sacerdote diventò la sua unica aspirazione.

Il ragazzo dovette superare lo scoglio delle obiezioni poste dal padre che lo vedeva troppo giovane e fragile per affrontare l'austerità della vita passionista.

Il 5 marzo 1895 entrò nel seminario dei passionisti di Rocca di Papa (RM). Il suo buon comportamento fu sufficiente per cui poté essere ammesso al noviziato.

Arrivò nel ritiro dell'Angelo presso Lucca il 25 aprile 1896 dove vestì l'abito passionista l'11 maggio dello stesso anno[1]

Ebbe come maestro di noviziato il venerabile padre Nazareno Santolini che restò incantato del giovinetto. "Non appena lo conobbi, dirà, ravvisai in lui una perla preziosa affidatami da Dio e mi stimai fortunato di averlo tra il numero dei miei allievi".

Il 25 febbraio 1897 si manifestò in lui improvvisa e violenta la tisi polmonare, concomitante al rapidissimo sviluppo dell'adolescente.

Il 1 maggio fu trasferito nel ritiro della Presentazione sul Monte Argentario nella speranza che il cambiamento dell'aria potesse giovargli. Nelle condizioni precarie in cui già si trovava, il viaggio fu un vero calvario. Senza un lamento, col pensiero a Gesù Crocifisso e alla Madonna Addolorata sotto la croce, tra le sofferenze ripeteva: "Signore, accrescete i dolori, ma accrescete anche la grazia!".

Alcuni giorni dopo l'arrivo il male peggiorò e gli venne amministrato il Viatico. Dopo gli si offrì un conforto che rifiutò dicendo: "Gesù mi basta! È l'ultima volta!". Quando ricevette l'olio degli infermi esclamò: "Padre, quanto è bello morire così". Con il permesso del Padre Generale dei Passionisti, il beato Bernardo Silvestrelli poté anticipare privatamente la professione dei voti che avrebbe dovuto fare alla fine dell'anno di noviziato, ormai prossima.

Il 13 maggio 1897 verso le ore tre inclinò dolcemente il capo sul lato destro e spirò nel silenzio profondo della notte.

Culto

Il giorno dopo venne sepolto nel cimitero di Porto Santo Stefano (GR) con la commossa partecipazione di tutto il popolo. I funerali furono solennissimi come quelli di un vescovo, tutti dicevano: "È morto un piccolo grande santo". Era vissuto solo 14 anni, 10 mesi e 26 giorni.

Monsignor Luis Olivares, S.D.B. (+ 1943), vescovo di Nepi e Sutri, la diocesi di Galileo, lo definì "un altro Domenico Savio, entrambi ragazzi santi".

Il 10 febbraio 1921, per interessamento del suo maestro Nazareno, i suoi resti mortali furono traslati nel cimitero dei Passionisti sul Monte Argentario e successivamente (1925) posti nella chiesa della Presentazione, dove il 21 novembre 1989 vennero definitivamente collocati in un'urna di bronzo (opera di Tito Amodei).

Nell'ottobre del 1921 la curia vescovile della diocesi di Grosseto aprì il processo informativo per la causa di beatificazione e nel 1924 iniziarono i processi canonici presso la Congregazione per le Cause dei Santi, ancora vivente il suo maestro di noviziato.

Il 27 novembre 1981 venne dichiarato Venerabile da papa Giovanni Paolo II.

Note
  1. Scelse il nome di confratel Gabriele di Nostra Signora del Sacro Cuore, ma è universalmente conosciuto con il nome di battesimo e il cognome anagrafico.
Bibliografia
  • Pierluigi Di Eugenio, Galileo Nicolini. Un santo adolescente, in Sotto la croce appassionatamente, San Gabriele Edizioni, San Gabriele (TE) 2006, pp. 239 - 248.
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.