Giuseppe Vinci

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giuseppe Vinci
Stemma vescovo.png
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

G.Vinci.png.jpg

Ritratto di Giuseppe Vinci; Lucerna, convento dei Cappuccini, Galleria dei nunzi
'
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 59 anni
Nascita Fermo
27 luglio 1736
Morte Roma
30 settembre 1795
Sepoltura Chiesa di San Salvatore in Lauro (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 28 marzo 1785
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 11 aprile 1785 da Pio VI
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 24 aprile 1785 dal card. arc. Francesco Saverio de Zelada
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org

Giuseppe Vinci (Fermo, 27 luglio 1736; † Roma, 30 settembre 1795) è stato un arcivescovo e nunzio apostolico italiano.

Cenni biografici

Nacque a Fermo nelle Marche il 27 luglio 1736, da Gian Simone, patrizio di Fermo, e dalla moglie Aldegonda Massei, dei marchesi di Ascoli.

Intraprese la carriera curiale, probabilmente dopo studi giuridici. Nel 1765 fu nominato referendario delle sue Segnature. Dal 1765 al 1778 fu governatore[1] di Rieti, Fabriano e Camerino. Rientrò a Roma per la nomina a chierico di Camera divenendone presidente.

Nel 1785, in vista della nomina a nunzio, ricevette in rapida successione gli ordini sacri e fu nominato da papa Pio VI arcivescovo titolare di Berito. Fu consacrato il 24 aprile di quell'anno dal cardinale Francesco Saverio de Zelada, coadiuvato da mons. Martino Bianchi (Ch), arcivescovo di Lucca e da p. Pier Luigi Galletti (Ch), O.S.B., vescovo titolare di Cirene.

Fu quindi inviato nunzio a Lucerna dal 1785 al 1788 e, dopo un soggiorno di cura in Italia, nuovamente dal 1790 al 1794. Il nunzio dovette assistere impotente, a causa della rivoluzione francese, al crollo delle istituzioni ecclesiastiche in Alsazia con soppressione di conventi e Costituzione civile del clero e nel principato vescovile di Basilea alle rivolte del 1790-91, con la fuga nel 1792 del vescovo Franz Joseph Sigismund von Roggenbach (Ch)[2] di fronte alle truppe rivoluzionarie. Si occupò principalmente degli émigrés e cercò di garantire un ordinamento ecclesiastico provvisorio. Nel 1790 risolse i problemi di successione sorti nelle diocesi di Sion, con la nomina di mons. Joseph Anton Blatter (Ch)[3] , che ebbe modo di consacrare a Sion il 13 gennaio dell'anno seguente, e di Karl Rudolf Buol von Schauenstein (1794), e della Diocesi di Coira con la nomina nel 1794 del vescovo Karl Rudolf Buol von Schauenstein (Ch).

Fu richiamato a Roma nel 1794 e fu nominato maggiordomo di Sua Santità, carica che ricoprì sino alla morte.

Morì a Roma l'anno seguente e fu sepolto nella navata centrale della chiesa romana di san Salvatore in Lauro, dove una lapide lo ricorda.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Governatore di Rieti Successore: Emblem Holy See.svg
Ignazio Busca 4 gennaio 1765 - 22 novembre 1766 Antonio Felice Zondadari I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ignazio Busca {{{data}}} Antonio Felice Zondadari
Predecessore: Governatore di Fabriano Successore: Emblem Holy See.svg
Ignazio Busca 22 novembre 1766 - 9 maggio 1775 A. Tomati I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ignazio Busca {{{data}}} A. Tomati
Predecessore: Governatore di Camerino Successore: Emblem Holy See.svg
Giovanni Battista Nicolai 9 maggio 1775 - 1778 F. Celani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Nicolai {{{data}}} F. Celani
Predecessore: Arcivescovo titolare di Berito Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Giuseppe Garampi 11 aprile 1785 - 30 settembre 1795 Fabrizio Sceberras Testaferrata I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Garampi {{{data}}} Fabrizio Sceberras Testaferrata
Predecessore: Nunzio apostolico in Svizzera Successore: Emblem Holy See.svg
Giovanni Battista Caprara Montecuccoli 6 luglio 1785 - gennaio 1794 Giovanni Francesco Guerrieri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Caprara Montecuccoli {{{data}}} Giovanni Francesco Guerrieri
Note
  1. Christoph Weber, Legati e Governatori dello Stato Pontificio (1550-1809) su archivi.beniculturali.it (PDF). URL consultato il 08-03-2019
  2. DSS Roggenbach, Franz Joseph Sigismund von
  3. DSS Blatter, Joseph Anton
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.